Trilogy - CD Audio di Arturo Stalteri

Trilogy

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Arturo Stalteri
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Felmay
  • EAN: 0885016706227
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 16,90

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 16,90 €)

TRILOGY è ispirato al numero tre, nei suoi numerosi significati, come recita fra gli altri anche lo scritto di Guido M. Landucci riportato sul libretto. TRILOGY è inoltre un omaggio a Keith Emerson, del quale viene reinterpretato il brano omonimo in una lettura per due pianoforti. Con il suo “Trittico Napoletano” TRILOGY contiene anche un tributo a Napoli. Si tratta di tre brani: il primo ispirato a Domenico Scarlatti (Sonata K 466), il secondo dedicato al Vesuvio e l’ultimo tratto dal repertorio di Toni Esposito, del quale STÀLTERI ha riarrangiato per l’occasione Rosso Napoletano, in una versione per pianoforte, flauto e knotdrum (una batteria ottenuta campionando vari suoni). Un’altra trilogia “Trois Morceaux en Forme de Pomme” apre il cd con il rimando ai Trois Morceaux en forme de Poire di Erik Satie (nessun riferimento musicale, ma solo letterario). Nei Trois Morceau, fra l’altro, compaiono due brani in cui intervengono rispettivamente il violoncello e il flauto, in omaggio alle figure di Brian Jones (Rolling Stones) e di Anita Pallenberg, che fu sua musa ed ispiratrice prima di lasciarlo per Keith Richards (altra Pietra Rotolante). Nel cd, inoltre, un rarefatto brano dal titolo Three Pianos e l’immancabile tributo a J.R.R. Tolkien e alla sua trilogia “Il Signore degli Anelli”, con Tre Anelli ai Re degli Elfi per pianoforte e violoncello (dal “Poema dell’Anello”). Per concludere, una composizione ispirata al celebre Trittico del Giardino delle Delizie, del pittore fiammingo del ‘500 Hieronymus Bosch e una dedicata alle tre principali divinità babilonesi: Anu, Enlil, Ea. ARTURO STÀLTERI, romano, si è diplomato in pianoforte al Conservatorio Alfredo Casella de L'Aquila. Ha studiato a Roma con Vera Gobbi Belcredi, a Parigi con Aldo Ciccolini e ha frequentato i corsi di perfezionamento di Vincenzo Vitale e Konstantin Bogino. Ha cominciato a farsi conoscere con i Pierrot Lunaire nome storico del rock progressive italiano degli anni Settanta, un gruppo che seppe mediare tra rock e classicismo e con il quale ha registrato due album. Tra le altre collaborazioni artistiche: Rino Gaetano, David Sylvian, Carlo Verdone e Sonja Kristina. STÀLTERI, Svolge una vivace attività concertistica rivolgendo la sua attenzione anche ad autori dell'area extra-colta. Nelle sue performance per solo piano si ascoltano, oltre a sue composizioni, brani di Debussy, Schubert, Bach, Beethoven, Chopin, Liszt, alternati a trascrizioni e arrangiamenti di composizioni di Sakamoto, Genesis, Sigur Ros, Glass e Mertens. Dal 1988 collabora con la Rai, per la quale ha condotto numerosi programmi musicali. Attualmente è la voce di Primo Movimento e “Il Concerto del Mattino” per Radio 3. È spesso in giuria in concorsi nazionali ed internazionali. Molti dei suoi lavori discografici sono stati pubblicati in Giappone e in Corea.
Disco 1
1
Amour Oublié
2
A Beautiful Solitude
3
Brian e Anita
4
Il Giardino delle Delizie
5
Fantasia su un Tema di D. Scarlatti
6
Vesuvius (Intro, Theme and Variations)
7
Rosso Napoletano
8
Tre Anelli ai Re degli Elfi (to Bo Hansson)
9
Trilogy
10
Three Pianos
11
Anu, Enlil, Ea
12
Bonus track
Note legali