Trio op.50 / Trio op.67 n.2 - CD Audio di Dmitri Shostakovich,Pyotr Ilyich Tchaikovsky,David Piano Trio

Trio op.50 / Trio op.67 n.2

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Stradivarius
Data di pubblicazione: 30 aprile 2011
  • EAN: 8011570338617
Salvato in 1 lista dei desideri
Disco 1
1
Trio for piano violin and cello in A Minor, Op. 50: I: Pezzo elegiaco, Moderato assai - Allegro giusto
2
Trio for piano violin and cello in A Minor, Op. 50: II: Tema con variazioni, Andante con moto
3
Trio for piano violin and cello in A Minor, Op. 50: III: Tema con variazioni, Andante con moto
4
Trio for piano violin and cello in A Minor, Op. 50: IV: tema con variazioni, Andante con moto
5
Trio for piano violin and cello in A Minor, Op. 50: V: Tema con variazioni, Andante con moto
6
Trio for piano violin and cello in A Minor, Op. 50: VI: Tema con variazioni, Andante con moto
7
Trio for piano violin and cello in A Minor, Op. 50: VII: Tema con variazioni, Andante con moto
8
Trio for piano violin and cello in A Minor, Op. 50: VIII: Tema con variazioni, Andante con moto
9
Trio for piano violin and cello in A Minor, Op. 50: IX: Tema con variazioni, Andante con moto
10
Trio for piano violin and cello in A Minor, Op. 50: X: Tema con variazioni, Andante con moto
11
Trio for piano violin and cello in A Minor, Op. 50: XI: Tema con variazioni, Andante con moto
12
Trio for piano violin and cello in A Minor, Op. 50: XII: Tema con variazioni, Andante con moto
13
Trio for piano violin and cello in A Minor, Op. 50: XIII: Tema con variazioni, Andante con moto
14
Trio for piano violin and cello in A Minor, Op. 50: XIV: Variazione finale e coda
15
Trio for piano violin and cello No. 2 Op. 67, in E Minor: I: Andante
16
Trio for piano violin and cello No. 2 Op. 67, in E Minor: II: Allegro con brio
17
Trio for piano violin and cello No. 2 Op. 67, in E Minor: III: Largo
18
Trio for piano violin and cello No. 2 Op. 67, in E Minor: IV: Allegretto
  • Dmitri Shostakovich Cover

    Compositore russo.Gli anni di formazione e la fase modernista. Allievo del conservatorio della città natale, si accostò ai più attivi movimenti dell'avanguardia rivoluzionaria, con Prokof'ev, Majakovskij, Meyerhold ecc. Nel 1926 la Sinfonia n. 1 lo rivelò sul piano internazionale, mettendo in luce una spregiudicata e originale assimilazione dei più vari ritrovati della musica contemporanea europea, sorretti da una straordinaria disinvoltura tecnica. Oltre a influssi di Rimskij-Korsakov e Prokof'ev, la sua produzione giovanile (sinfonica, da camera e teatrale), risente del neo-oggettivismo tedesco e francese, in particolare di Hindemith: vi domina un piglio aggressivo dai tratti grotteschi e ironici, timbricamente esuberante ed estroso nel ritmo; il suo linguaggio armonico ora sfocia nell'atonalità... Approfondisci
Note legali