Categorie

Giulia Carcasi

Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2010
Pagine: 122 p. , Brossura
  • EAN: 9788807018299

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Daniela

    05/06/2013 21.41.18

    è una grande scrittrice ma con questo libro ha proprio fallito. è molto confuso, veloce, non ha nulla a che fare con lo stile usato negli altri. nonostante tutto spero ancora che torni a scrivere libri come Io sono di legno o Ma le stelle quante sono.

  • User Icon

    Laura87

    07/05/2012 23.30.04

    Non mi è piaciuto affatto! L'ho trovato confusionario. Passato e presente che si intrecciano a volte in modo forzato. Questa nuova Giulia non mi ha fatto provare le stesse emozioni dei suoi primi due lavori. Libro che dimenticherò facilmente!

  • User Icon

    cristina

    14/03/2012 08.49.09

    Salvo solo un'illuminante frase dell'intero romanzo: "Ho paura che un giorno, dopo esserci tanto mancati, ci chiederemo se potevamo fare qualcosa concretamente invece di mancarci senza fare niente".

  • User Icon

    Giulia

    30/07/2011 13.25.55

    Una sola parola: EMOZIONANTE! Ogni frase è una poesia, su cui riflettere e da interiorizzare...

  • User Icon

    barbara

    25/02/2011 12.08.54

    non mi è piaciuto. Ho voluto leggerlo dopo "Io sono di legno" che mi ha veramente colpita! peccato! sono rimasta delusa!

  • User Icon

    agnese

    27/01/2011 20.25.26

    Aspettavo con ansia di leggerlo sia per come sia per il quando sono venuta a conoscenza di questo libro, dove già il titolo conquista. L'inizio, però,trae in inganno!!! Sembra meno appassionante, ma poi diventa perfetto, come il tipo di amore che cercavano i protagonisti. Perfetto, nel linguaggio, perfetto nella storia, perfetto nei tratti che ti lascia pensare e sognare ad occhi aperti!!! In pratica, letto in una serata!!!

  • User Icon

    Luca

    25/01/2011 22.07.18

    Libro interessante, finito di leggere ieri sera ma credo dovro' ricominciarlo da capo perche' l'inizio non l'avevo capito! Ho letto gli altri due libri della carcasi, leggerissimi e senza lasciare grosse tracce. Istant book mordi e fuggi. Questo l'ho trovato molto più "maturo" e ragionato, ben scritto e adatto ad una serata invernale sotto le coperte.

  • User Icon

    Chiara

    20/01/2011 10.49.15

    Di Giulia Carcasi, fino ad oggi, ho letto solo "Ma le stelle quante sono?", romanzo che mi è piaciuto molto; ma, "Tutto torna", a mio avviso, è ancora più bello. E' un libro più "maturo". Penso sia molto più difficile scrivere una storia breve che sappia però comunicare tante emozioni e pensieri, piuttosto che riempire (a volte inutilmente)pagine e pagine di frasi per concludere poi il racconto nelle ultimissime pagine. Ho ascoltato le interviste fatte alla Carcasi su questo libro e credo sia riuscita pienamente nel suo intento di comunicare molto eliminando le parole inutili. E' un romanzo scorrevole, brioso, originale e realistico, per niente scontato, che lascia molto pensare. Il mio voto è 10.

  • User Icon

    Giulio

    14/01/2011 00.36.07

    Non è piaciuto nemmeno a me. Una grande delusione rispetto a io Sono di Legno e Ma le stelle quante sono. Per quanto la scrittura rimanga coinvolgente come sempre, della trama non rimane niente. Storia e personaggi inconsistenti che si dimenticano in fretta. Sembra che la Carcasi si sia lasciata incastare da tempi editoriali imposti da qualche contratto con l'editore. Peccato Giulia, ti ritenevo una promessa e invece...

  • User Icon

    roberta

    12/01/2011 09.19.16

    Ero abituata ad una giulia carcasi diversa, questa è nuova, più matura, l'amore di cui si parla qui non è più quello adolescenziale, ma adulto rivolto a se stessi, all'oggetto d'amore, ai famigliari. E' un amore un po' torbido che sconfina nell'onirico, forse la Carcasi ha scritto senza sapere bene cosa voleva dire, o forse ha scritto per il piacere di farlo. Devo dire che le prime pagine mi hanno lasciata titubante sulla continuazione della lettura, ho voluto darle fiducia. Sono contenta comunque di averla letta, è un'opera coraggiosa, è bello quando uno scrittore scrive col dubbio, perchè non dà risposte ma si avvia così una ricerca con il lettore. Alla fine tutto torna, questo libro lo dice e lo concretizza.

  • User Icon

    valentina

    08/12/2010 23.24.51

    Non mi è piaciuto. Io sono di legno mi aveva mostrato una scrittrice poetica, che in qualche immagine mi aveva ricordato persino la meravigliosa Mazzantini. Quest'ultimo mi ha delusa. La trama, povera, il finale, scontato, e l'atmosfera, grottesca, anche se forse in maniera non voluta.

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione