Categorie

Mark Alpert

Traduttore: R. Zuppet
Editore: Nord
Collana: Narrativa Nord
Anno edizione: 2009
Pagine: 376 p. , Rilegato
  • EAN: 9788842915737

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Stefano

    11/08/2016 22.38.50

    Quest'estate, in libreria, mi sono imbattuto in questo thriller di Mark Alpert. Beh, capitasse anche a voi lasciatelo pure sullo scaffale e non perdete tempo. Buona l'idea di partenza ma libro, nel complesso, banale e scontato. Come dicevo, l'idea di base non è malvagia, una lotta selvaggia tra agenti FBI cinici e corrotti, mercenari spietati e un impavido giornalista per impossessarsi della soluzione di Einstein alla teoria unitaria dei campi, mai scoperta nella realtà e vero sacro graal della fisica noderna. Fine delle note positive. Per il resto, trama sviluppata in modo banale, colpi di scena del tutto prevedibili, personaggi psicologicamente appena abbozzati. La storia si sviluppa in maniera del tutto lineare, una serie di situazioni di pericolo e fuga continue, in cui i buoni si salvano dalle situazioni più difficili in maniera irrealistica; la tensione narrativa è inesistente . A volte l'autore introduce personaggi o situazioni, che sembrano esulare dalla linea principale del racconto, ma lo fa sempre per poterli recuperare e usare come mezzo per risolvere eventi successivi (il cacciatore incontrato nei boschi del west virginia, i dottorandi del parco scientifico del Dr. Gupta). A dir poco improponibile poi la banda di nerd-dottorandi che scorta Gupta nelle fasi finali del libro. Neanche dove l'autore gioca in casa, il libro riesce a decollare. Alpert è un divulgatore scientifico, ma quando spiega le teorie della fisica moderna e la teoria unitaria, lo fa senza la chiarezza propria dei grandi romanzieri e divulgatori (tipo Isaac Asimov). Libro sconsigliato.

  • User Icon

    zan

    11/12/2015 05.58.06

    Decisamente scadente, niente di nuovo, azione standard, nel senso di ovvia e prevedibile e finale sconcertante, Se qualcuno lo ha paragonato a Dan Brown ha perfettamente ragione: la letteratura, anche di consumo, è ben altra cosa.

  • User Icon

    G.

    28/07/2012 11.45.49

    Anche se nelle prime cento pagine non succede quasi nulla, il libro alla fine risulta essere ben riuscito e riesce a coinvolgere il lettore fino in fondo. La scrittura è scorrevole e i personaggi sono ben descritti.Lo consiglio s coloro che si vogliono appassionare ai thriller scientifici.

  • User Icon

    Roberto Dell'Acqua

    27/10/2011 14.28.04

    Sono solo a pagina 43 e quindi forse devo ancora scoprire qualche cosa, ma per ora la storia non sta in piedi: un fisico viene aggredito, un vicino chiama la polizia che interviene e lo fa ricoverare in ospedale in fin di vita. Il personaggio principale viene chiamato al capezzale del moribondo e ne raccoglie le ultime parole. Solo allora interviene l'FBI che sequestra il nostro eroe per estorcergli quanto ascoltato. L'FBI aveva avuto decine di anni per ottenere le informazioni dall'ormai defunto scienziato, ma non l'ha fatto; interviene solo ora. Perché? Si potrebbe pensare che il fisico fosse sorvegliato, ma allora non avrebbe dovuto aver successo l'aggressione e non sarebbe dovuta intervenire la polizia; e nemmeno avrebbero permesso il colloquio in ospedale. Oppure vogliono la consulenza di David, ma anche in questo caso avrebbero potuto chiederla prima senza violenza e senza problemi di sicurezza. Per ora la storia, secondo me, è molto debole. Spero di sbagliare e di dovermi ricredere. Detto questo riconosco che lo stile è scorrevole e la trama comunque avvincente. I personaggi sono delineati bene e dialoghi ben fatti, ed in questo assomiglia davvero a Dan Brown. E per me è un pregio.

  • User Icon

    bigpaul

    04/10/2009 17.48.41

    Un libro scritto da un fisico che parla di fisica moderna, quasi di frontiera, con alcune ipotesi (per ora solo ipotesi, ma scientificamente vere) messe nella trama del romanzo. Su questo si innesta un thriller con vari colpi di scena che nulla toglie all'anima prettamente scientifica dell'opera. Tutto ruota sempre agli ultimi trent'anni di lavoro di Einstein sulla teoria del campo unificato (il santo graal della fisica moderna). Un romanzo interessante, innestato, strano a dirsi, sui temi attuali della fisica che entusiasma, non tanto per la trama da giallo, ma per le implicazioni tecnologie narrate.

  • User Icon

    Dana

    14/09/2009 12.23.34

    non sono riuscita ad andare oltre pagina 100, il che è tutto dire... che noia e che festa del cliché. Concordo con chi dice che sembra scritto da dan brown e ... no, non è un complimento.

  • User Icon

    Patty

    03/09/2009 13.35.26

    Un libro da ombrellone, niente di più. L'idea di partenza sembra originale (nella mia ignoranza non mi sento di dire se le cose reggono o no, fidiamoci del fatto che l'autore è un fisico di professione), ma i clichés si rincorrono e non ce ne facciamo mancare neanche uno, anche i colpi di scena teoricamente più inaspettati sono alquanto prevedibili. Il paragone con Dan Brown regge eccome, e non è un complimento, si leggerebbe anche scorrevole ma è talmente prevedibile che risulta alquanto noioso.

  • User Icon

    Chris

    31/08/2009 18.15.09

    Veramente una bella sorpresa. Un mix tra fisica e narrativa riuscito molto bene. Il thriller e' appasionante e chi si interessa di fisica lo apprezzera' ancora di piu'. Naturalmente non vuole essere un saggio sulla materia, ma anche le forzature utilizzate a fini narrativi risultano comunque plausibili, se non addirittura verosimili in alcuni passaggi. Personaggi interessanti, intreccio ottimo e pathos al giusto livello.

  • User Icon

    Dino

    13/05/2009 22.14.44

    Molto interessante e che bella sorpresa! I richiami alla fisica delle particelle, la teoria del tutto e l'elegante soluzione ideata dall'Autore (astrofisico e collaboratore di Scientific American) riscattano una trama troppo classica (stile buoni contro cattivi). Carina l'idea di prendere spunto dalla propria tesi di laurea... il massimo dei voti l'avrebbe meritato con un finale diverso.... Dopo L'equazione di Dio ecco l'Ultima Equazione: il vecchio Zio Albert diventa fonte di ispirazione narrativa.

  • User Icon

    PaoloC71

    22/03/2009 19.41.30

    Carino. Interessanti le parti sulla fisica delle particelle, anche se talvolta un pochino confuse. Ho preferito però del genere Einstein e la formula di Dio. Il triller è abbastanza banale e decisamente improbabile (troppi avvenimenti in pochissimo tempo ad esempio, oltre a forzature notevoli). Se si cerca un triller questo non è il libro, se si cerca un romanzo sulla fisica non lo è del tutto. In complesso un esordio interessante

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione