Traduttore: C. Mennella
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2005
In commercio dal: 10 maggio 2005
Pagine: 374 p., Brossura
  • EAN: 9788806171261
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Descrizione
Dopo dieci anni nello spaccio della roba pesante, uno dei pusher più potenti di Londra - un giovane imprenditore serio, scrupoloso e stimato nel suo ambiente - decide di uscire dal giro e ricominciare un'altra vita. Ma proprio quando sta per chiudere bottega, il boss Jimmy Price pretende da lui un ultimo importante favore: trovare la figlia scomparsa del suo vecchio amico Eddie Ryder, potente magnate dell'edilizia e divino mondano. E il nostro pusher è costretto a giocare la sua ultima partita... I sogni di una generazione divisa tra l'edonismo dei locali alla moda e la tentazione del colpo perfetto in una crime-story che è anche un affresco del lato oscuro di una città.

€ 8,37

€ 15,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

16 punti Premium

Disponibilità immediata

Garanzia Libraccio
Quantità:

€ 13,18

€ 15,50

Risparmi € 2,32 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Ceia

    30/07/2005 16:57:23

    Romanzo che parte bene, molto bene direi. La storia è questa: c'è uno spacciatore, sulla soglia dei trent'anni, che ha deciso che, una volta arrivato a compierli, trent'anni, lascierà il "lavoro" e si godrà il meritato (!!) riposo. Solo che, ovviamente, le cose non sono così semplici, perchè lui non è proprio un pesce piccolo ma neppure uno squalo, quindi, beh... insomma, il suo capo gli propone un affare: se riesce a trovare la figlia (scomparsa) di un altro buon uomo... allora sì, allora potrà ritirarsi e non rischiare, prima o poi, di finire in gattabuia. Di nuovo ovviamente, le cose si complicano... Sullo svolgimento di questa "originale" trama, mah... ci sono alcune forzature, alcune cosucce che non mi sono proprio andate giù del tutto... La prosa è piuttosto inneggiante al turpiloquio, densa di descrizioni al limite, aiutate dall'ambientazione in questo mondo stupefacente e dai personaggi tutti un po' sopra le righe. Stile che in certe parti mi ha ricordato un po' Peace, anche se poi, no, Connolly è meno attento a certi giochetti, è più "grossolano", con molta più voglia di stupire. Ecco, parlando di stile ho notato la scelta di questo autore di voler essere perfettamente in sintonia con la storia che sta raccontando, con il suo "io narrante" che, in fin dei conti, è solo uno spacciatore. Spacciatore che SI CREDE raffinato e intelligente ma che, ohibò!, non lo è poi così tanto. E allora, come aveva già fatto Ammaniti nel suo Io non ho paura, ecco che crollano i congiuntivi, ecco che la sintassi delle frasi diventa quella dei ceti sociali più bassi. Da dimenticare la schifezza che ha fatto l'Einaudi nel pubblicargli il libro... troppi davvero gli errori di ortografia. Se vi capita che ve lo troviate in casa, questo Connolly, la lettura brutta non è di certo, ma andarselo a comprare di proposito... uhm... so mica se vale i soldi. Niente di nuovo sotto il sole...

  • User Icon

    Giovanni

    21/07/2005 12:09:33

    Bellissimo libro, ritmo travolgente e capacità descrittive ottime. Connolly ci porta in una Londra più vera che mai. e il finale non delude

  • User Icon

    Claudio

    24/06/2005 09:35:06

    Bel libro, non sicuramente "il + bel libro degli ultimi 10 anni" ma comunque un buon noir, piuttosto realistico, nella scia di Lock Stock o Trainspotting. A tratti anche divertente, e scritto bene...vale la pena di leggerlo, senza avere aspettative esagerate.

  • User Icon

    Francis

    17/06/2005 15:31:10

    Un romanzo travolgente in cui il lettore pagina dopo pagina e' come se vivesse in prima persona questa storia noir. Una Londra malavitosa e corrotta, animata da personaggi di ogni tipo, dove l'unico fine e' ARRICCHIRSI in fretta e senza troppi scrupoli. Ricco di colpi di scena, molto vicino alla realta',con un protagonista molto scaltro e riflessivo. Perche leggerlo? Per gli amanti del genere forse e' il miglior libro degli ultimi 10 anni. Un saluto da Francis.

  • User Icon

    Mirko

    12/06/2005 02:26:20

    Grandissima e sorprendente scoperta questo Connelly. Da ex spazzino a autore gia di culto con il suo primo libro. L'ultima partita (layer cake, di cui matthew vaughn, produttore di Snatch e lock e stock ne ha girato un film che in italia sta uscendo col titolo "the pusher". ) é un libro "che spacca di brutto". Pieno di stile, una prosa energica e accattivante che ti colpisce in faccia senza darti tregua e ti rapina la mente ad ogni pagina. Si vive nel mondo di un certo crimine londinese, molto pulp e zeppo di gangster, mafiosi, spacciatori, sbirri corrotti e drogati. Ritmo e narrazione vertiginosta, dialoghi al fulmicotone, situazioni perfette...un'ibrido tra pulp fiction, trainspotting e lock e stock.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Il lato oscuro di Londra visto con gli occhi di uno dei maggiori spacciatori della città. Nell'imminenza del suo ritiro dagli affari, il pusher - un giovane rampante serio e apprezzato, riuscito a conquistarsi in breve tempo rispetto professionale e a garantirsi ammirati successi e lauti guadagni, sempre evitando le violente ritorsioni dei rivali e l'arresto, i principali rischi di impresa del settore - è coinvolto nella sua ultima partita, incastrato tra il favore richiestogli dal boss di riferimento, il ricatto di un potente magnate dell'edilizia e uno scottante carico di due milioni di pasticche di ecstasy. Il lato oscuro di Londra, raccontato con tono leggero e scanzonato da Connolly (al suo primo romanzo, in questa edizione italiana purtroppo funestata da una gran quantità di refusi), è però ben poco oscuro. Non che manchino sangue, violenza e tragedia, ingredienti indispensabili di ogni noir, alle cui regole Connolly si mantiene saldamente ancorato; manca, semmai, il buio: l'oscurità della notte, i meandri inesplorati della società, le inquietudini dell'anima. D'altra parte, a Londra, e nel resto del mondo - come ci hanno mostrato ormai in abbondanza cinema e letteratura nera -, il crimine, al di là della spicciola manovalanza, non ha più nella notte e nei quartieri off-limits delle metropoli il proprio tempo e i propri spazi. Abbandonati codici d'onore e vecchi rituali, i padroni e i comprimari dell'economia illegale al tempo della globalizzazione sfoggiano gli stessi status symbol dei nuovi ricchi della new economy e dell'alta finanza, frequentano gli stessi locali alla moda, hanno i tavoli riservati nei medesimi ristoranti; sfiorano, a volte riconosciuti a volte no, l'ufficialità del potere e degli affari, e sempre più spesso vi si mischiano.

Alessio Gagliardi