Categorie

Alessandro Bertante

Editore: Giunti Editore
Collana: Scrittori Giunti
Anno edizione: 2016
Pagine: 224 p. , Brossura
  • EAN: 9788809815452

Gli ultimi ragazzi del secolo di Alessandro Bertante è un romanzo crudo e potente in cui le vicende narrate s’intrecciano e si fondano con la Storia. Estate 1996: Alessandro e Davide partono da Milano in macchina per andare in Croazia. Lì incontrano Edin, un giovane ragazzo senza un braccio, che li invita a proseguire: “In questo posto non servite a niente. Questa è una vacanza al mare, in un luogo turistico qualsiasi, ne avrete già fatte tante. Andate a Sarajevo, e guardate quello che è successo durante questi anni feroci, guardate quello che ci è rimasto dopo la guerra civile. […] Noi dobbiamo rialzarci e abbiamo bisogno dei vostri occhi. In questo posto non servite a niente” (p. 13). È su questo viaggio e con questi presupposti, guardare e guardarsi, che si innescano i ricordi di Alessandro, a partire dalla precedente vacanza fatta con la famiglia nel 1981, sempre a Sarajevo. Questo è lo spunto per rievocare alla mente una mini-era, quella degli anni Ottanta, e una metropoli, Milano. E proprio come per la convalescenza di Sarajevo, ferita e distrutta dalle bombe, Bertante racconta di un’Italia, appena sopravvissuta agli anni di piombo, anestetizzata e “truccata” dalle tv commerciali, dalla pubblicità dei prodotti di massa, dal benessere ovattato e autoreferenziale della borghesia imprenditoriale, dalle droghe, dall’AIDS e da una classe dirigenziale ipocrita e sazia, quella post Sessantotto, che ha condannato all’oblio le generazioni successive. Un paese, il nostro, che ha improvvisamente voltato la faccia alla strategia della tensione, alle bombe e agli attentati delle Brigate Rosse per spegnersi, a mo’ d’interruttore, in un sonno indotto e sognare a occhi aperti un futuro migliore:

trascinata dal nuovo flusso energetico, la realtà si mostrava sempre enfatizzata, dando forma a un’idea estetica del futuro incrinata sulla via dell’eccesso e della bizzarria; eravamo finalmente un paese moderno, senza complessi d’inferiorità, avevamo finito di vergognarci, noi italiani mangiaspaghetti mafiosi buoni a nulla eravamo la quinta economia del mondo, sempre in crescita, sempre in movimento; ognuno poteva reclamare il proprio ruolo, accendere la propria fiaccola per infiammare il cielo. Vivevamo dentro all’istante da cogliere, il nostro presente luminoso proiettato verso un angolo cieco” (p. 66).

L’avventuroso viaggio di Bertante ha una doppia anima, letterale e metaforica, nella quale la memoria gioca un ruolo importante se non confusa con la mitopoiesi e le mistificazioni di chi è deputato a perpetrarne l’estetica a discapito della sostanza. La spensierata bolla di euforia che ha contraddistinto gli anni ’80, infatti, non è stato altro che il periodo di incubazione dei mali di cui tuttora siamo affetti: interesse, corruzione, individualismo, egoismo.

La Storia insegna che tutto torna, la guerra come la pace, e che i cicli finiscono perché dalle loro rovine ne nascano di nuovi. Dobbiamo solo crederci ed essere pronti.

Recensione di Roberto Di Pietro

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Chiara

    21/11/2016 14.44.32

    Ho acquistato questo libro in quanto interessata alla narrazione di un viaggio nella Bosnia di metà anni '90... in realtà il viaggio è il pretesto per il protagonista di raccontare la sua infanzia, adolescenza e giovinezza nella Milano degli anni 70 e 80. L'ho apprezzato comunque visto che appartengo alla stessa generazione, molte dinamiche e trasformazioni le ho vissute anch'io. E' un'analisi sociologica più che un romanzo. Se vi interessa la guerra dei Balcani però scegliete qualche altro testo.

  • User Icon

    Donatella

    27/06/2016 12.46.42

    Contrariamente alle aspettative, il libro non dà affatto il senso di un'epoca, ricostruita con riferimenti di costume ripetitivi e meccanici nel continuo parallelismo con la realtà della Bosnia in guerra, tema che merita ben altre narrazioni! Stile cronachistico, privo di passione. Deludente.

  • User Icon

    gianni

    19/06/2016 18.57.56

    Non è un romanzo sugli anni '80 (per quello c'è Tondelli): è un misto fra autobiografia, sfogo, autoesaltazione del Bertante da giovane, tutto preso a drogarsi, a bere pinte di birra, a fare il ribelle non si sa bene contro cosa, se non contro la sua totale irresolutezza alla vita. Sono gli anni '80 suoi, solo suoi, Bertante. Qualche sprazzo di bellezza e qualche guizzo, qua e là, si trova, il libro corre anche via, ma non va da nessuna parte, salvo approdare a una vaga libertà che sa di nichilismo, di anarchismo fine a se stesso. Non erano tutti sballati da manuale del perfetto conformista sballato, Bertante, negli anni '80. Non abbiamo passato tutti la giovinezza a farci le canne e a sfondarci di birra. Che poi il decennio sia stato un vuoto, luccisoso, e anche marcio galleggiare su un nulla infiocchettato dalle tv berlusconiane e dalla rai, da chiamare ugualmente in correo, non ci piove. L'idea di parlare della guerra di Bosnia era buona, ma viene sprecata quasi del tutto, a favore delle solite avventure beverecce, para-erotiche e alla smargiassata dell'uomo vissuto sprezzante di regole e pericolo a tutti i costi che il Bertante vuol incarnare. Ah, Bertante, a proposito, i Toto non erano tre ciccioni italoamericani: erano fior fiore di musicisti, che hanno suonato in mezza discografia mondiale fra gli '80 e i '90 (perfino in un disco di Ricky Gianco). Ma lei non lo poteva sapere, Bertante, perché ascoltava la cianfrusaglia molesta del punk, fra i cui esecutori non c'era un solo musicista degno di questo titolo. Manco a pagarlo oro.

Scrivi una recensione