Gli ultimi tre quartetti per archi (50th Anniversary Recording) - CD Audio di Dmitri Shostakovich,Fitzwilliam String Quartet

Gli ultimi tre quartetti per archi (50th Anniversary Recording)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Dmitri Shostakovich
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Linn/Outhere
Data di pubblicazione: 11 ottobre 2019
  • EAN: 0691062061223
Double CD Edition
Il Fitzwilliam String Quartet celebra il suo cinquantesimo anniversario con questa straordinaria registrazione degli ultimi tre quartetti per archi di Šostakovič. Giustamente, il quartetto britannico torna al repertorio che per primo lo ha lanciato sulla scena internazionale. Šostakovič affidò ai Fitzwilliam la prima esecuzione in Occidente di queste tre opere (nn. 13, 14, 15), e poco dopo diventeranno il primo gruppo ad eseguire e registrare l’integrale dei 15 quartetti, aggiudicandosi lungo il percorso molti premi internazionali. Il Quartetto n. 13, altamente innovativo, è notevole per la sua forma in un unico movimento e per la scrittura virtuosistica della viola, che mette in risalto il membro fondatore Alan George. A dispetto della sua struttura dodecafonica, il n. 14 è forse il più accessibile degli ultimi quartetti di Šostakovič, con una ricchezza di melodie identificabili. I sei movimenti del n. 15 sono profondamente malinconici e intimi, con una chiara influenza dell’ossessione della morte del compositore. La preminenza dei Fitzwilliam nell’interpretazione di queste opere ha persistito: dopo la morte di Šostakovič nel 1975, Benjamin Britten riferirà che il compositore gli aveva confidato che i Fitzwilliam fossero i suoi “interpreti preferiti dei miei quartetti”.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Dmitri Shostakovich Cover

    Compositore russo.Gli anni di formazione e la fase modernista. Allievo del conservatorio della città natale, si accostò ai più attivi movimenti dell'avanguardia rivoluzionaria, con Prokof'ev, Majakovskij, Meyerhold ecc. Nel 1926 la Sinfonia n. 1 lo rivelò sul piano internazionale, mettendo in luce una spregiudicata e originale assimilazione dei più vari ritrovati della musica contemporanea europea, sorretti da una straordinaria disinvoltura tecnica. Oltre a influssi di Rimskij-Korsakov e Prokof'ev, la sua produzione giovanile (sinfonica, da camera e teatrale), risente del neo-oggettivismo tedesco e francese, in particolare di Hindemith: vi domina un piglio aggressivo dai tratti grotteschi e ironici, timbricamente esuberante ed estroso nel ritmo; il suo linguaggio armonico ora sfocia nell'atonalità... Approfondisci
Note legali