Salvato in 144 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
L' ultimo arrivato
14,25 € 15,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+140 punti Effe
-5% 15,00 € 14,25 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,25 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
14,25 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
15,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
15,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
15,00 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
15,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libraccio
8,10 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,25 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
14,25 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
15,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
15,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
15,00 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
15,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libraccio
8,10 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
L' ultimo arrivato - Marco Balzano - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

L' ultimo arrivato Marco Balzano
€ 15,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione


Vincitore premio Campiello 2015

Negli anni Cinquanta a spostarsi dal Meridione al Nord in cerca di lavoro non erano solo uomini e donne pronti all'esperienza e alla vita, ma anche bambini a volte più piccoli di dieci anni che mai si erano allontanati da casa. Il fenomeno dell'emigrazione infantile coinvolge migliaia di ragazzini che dicevano addio ai genitori, ai fratelli, e si trasferivano spesso per sempre nelle lontane metropoli. Questo romanzo è la storia di uno di loro, di un piccolo emigrante, Ninetto detto pelleossa, che abbandona la Sicilia e si reca a Milano. Come racconta lui stesso, "non è che un picciriddu piglia e parte in quattro e quattr'otto. Prima mi hanno fatto venire a schifo tutte cose, ho collezionato litigate, digiuni, giornate di nervi impizzati, e solo dopo me ne sono andato via. Era la fine del '59, avevo nove anni e uno a quell'età preferirebbe sempre il suo paese, anche se è un cesso di paese e niente affatto quello dei balocchi". Ninetto parte e fugge, lascia dietro di sé una madre ridotta al silenzio e un padre che preferisce saperlo lontano ma con almeno un cenno di futuro. Quando arriva a destinazione, davanti agli occhi di un bambino che non capisce più se è "picciriddu" o adulto si spalanca il nuovo mondo, la scoperta della vita e di sé. Ad aiutarlo c'è poco o nulla, forse solo la memoria di lezioni scolastiche di qualche anno di Elementari. Ninetto si getta in quella città sconosciuta con foga, cammina senza fermarsi, cerca, chiede, ottiene un lavoro. E tutto gli accade come per la prima volta...
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2014
16 ottobre 2014
205 p., Brossura
9788838932557

Valutazioni e recensioni

4,09/5
Recensioni: 4/5
(35)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(17)
4
(8)
3
(7)
2
(2)
1
(1)
Flavio
Recensioni: 4/5

Bel bel romanzo. Un racconto di emigrazione [tema che torna spesso in Marco Balzano] da un punto di vista diverso: quella di un bambino. Libro che ripercorre la vita del protagonista fino alle soglie dell'anzianita', con uno stile attento e scorrevole. Una bella lettura.

Leggi di più Leggi di meno
francesco49
Recensioni: 5/5

E' prima d tutto un libro che dovrebbe essere letto a scuola :è un pezzo della storia d'italia ,un pezzo della nostra storia.Poi è un libro bello e ben scritto.Benche' sia la storia di un io narrante, non è mai inutilmente intimistico o buonistico, Balzano crea personaggi reali e storie e lo fa con uno stile semplice, immediato, forte. Ninetto non è il classico perdente :lui vuole emergere tirarsi fuori dalla miseria e in un certo senso ce la fa. Il problema è che più si inserisce nella società del nord italia , più diventa estraneo a se stesso.Gli è estraneo il lavoro di fabbrica ,la città, i colleghi di lavoro , e poi la suo stessa famiglia.E' se stesso solo quando ricorda il suo duro passato.E' bellissimo il finale quando riesce a recuperare un rapporto con la nipote riportandola a vedere i luoghi tristi dove ha vissuto ,ragazzino ,appena arrivato a milano

Leggi di più Leggi di meno
Marco Gautero
Recensioni: 4/5

Un libro molto bello, un perfetto mix tra la vita del personaggio, come quelle di molte altre persone che dal sud emigravano al nord, e uno spaccato antropologico e storico perfetto della nostra società sia passata che contemporanea. Tutto ciò con uno stile molto appassionante e scorrevole, che fa provare molta pena ed empatia verso il personaggio.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,09/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(17)
4
(8)
3
(7)
2
(2)
1
(1)

La recensione di IBS


Vincitore Premio Campiello 2015

«Balzano mostra come la letteratura sappia, e possa, parlare del mondo che ci circonda». Marco Belpoliti

Ninetto Giacalcone è per tutti “Pelleossa”.
Figlio di Rosario e Immacolata e cresciuto negli anni Cinquanta a San Cono, piccolo paese dell’entroterra siciliano, Ninetto ha lo spirito affilato almeno quanto le costole che s’intravedono sotto la poca carne che la miseria gli concede.
Impiegherà poco a venire a patti con l’unica, vera possibilità di combinare qualcosa nella vita: andare via. Suo padre ha poche speranze di mettere assieme il pranzo con la cena, e sua madre è ricoverata a Catania dopo aver avuto un colpo apoplettico dal quale non si riprenderà più. Al nord, invece, rombano i motori a scoppio del boom economico, e Milano assume nei racconti che arrivano alla periferia dell’impero la densità mitica di un Eldorado.
Ma quella promessa di benessere non è per tutti, e il bambino non tarderà a rendersene conto, fra lavoretti arrangiati alla bell’e meglio e emarginazioni più quotidiane di un pane cui manca perfino il sapore. Il racconto di quei primi, durissimi anni al nord, è in parte almeno rischiarato dalle luci degli incontri e della tensione verso un benessere che finché è solo immaginato può essere anche grande abbastanza per i sogni di un ragazzino. Ma il racconto dei trent’anni che a quel primo periodo han fatto seguito – trent’anni passati in un battere di ciglia, a fare il mulettista o alla catena di montaggio in una qualche fabbrica dell’hinterland milanese – non c’è parola in grado di redimerlo, neppure se si è come Ninetto, che ha la “testa piena di parole” e si sarebbe voluto poeta.
In quella vita c’è stato un prima e un dopo. Un gesto violento ha significato anni di carcere, e solo verso la fine scopriremo cosa sia effettivamente successo. Nel convergere del racconto verso quel climax, impareremo a conoscere la storia di Ninetto e quella di tanti come lui.
Di Ninetto Pelleossa abbiamo già detto: è sua la voce che racconta, argentina e vivissima prima, e amara – ma indomita – poi. Carattere fiero, è capace di slanci altruisti e di repentine gelosie. La curiosità del ragazzino che è stato lascia poi il passo alla disillusione dell’adulto che diventerà. Il maestro Vincenzo, primo a riconosce e apprezzare in Ninetto la curiosità e il fascino per la parola.
Il maestro rimarrà una figura mitica anche – e soprattutto – negli anni dell’esilio al nord, con quel suo peculiare equilibrio di carattere capace però di lasciar intravvedere squarci del “mondo offeso” di Vittoriniana memoria, puntando con precisione l’indice sui responsabili delle iniquità. Il padre di Vincenzo è in fondo un uomo buono, dietro la sua durezza, ma è vinto dalla vita, e incapace di reagire a quel che altri sembra aver disposto per lui. La malattia della moglie – e madre di Ninetto – è il sigillo definitivo su una traiettoria senza alcuna redenzione.
Maddalena, sposa bambina di Ninetto, che gli sarà accanto nelle traversie della vita con saggezza e affetto, è madre di Elisabetta, loro figlia, che conosceremo solo attraverso il racconto frammentato e amaro che di lei restituisce il padre Ninetto.
È una lingua scabra e guizzante, quella con la quale Pelleossa racconta la sua storia: ricca di suggestioni dialettali, è il vero asse attorno al quale si struttura la tensione del racconto, trovando in esso una giustificazione narrativa. Già: perché Ninetto gioca con le parole, ne è innamorato sin da quando il maestro Vincenzo gli ha fatto conoscere Pascoli e la poesia. È nella lingua, irriducibile alle pastoie con cui tutti cercano di imbrigliarlo, che Ninetto trova un riscatto alla sua storia. È, la sua, una koinè vivace, fresca, ricca di accenti e di asimmetrie; una lingua che trova la sua musica nella ricerca antiretorica di un registro parlato, e raggiunge il suo scopo con una facilità apparente che s’intuisce essere invece frutto di un lavoro certosino e scrupoloso.
La storia di migliaia di bambini che migrarono al nord dalla Sicilia, dalla Calabria, dalla Puglia a cavallo fra gli anni cinquanta e il decennio successivo, è sublimata nella vicenda immaginata ma credibile di Ninetto Pelleossa. Un’ennesima “crociata dei bambini”, di quelle che la storia a volte orchestra senza neppure offrire agli involontari protagonisti di quelle storie durissime il risarcimento della memoria. Questo è il merito che va reso a Balzano: essersi preso un pezzetto di quella storia, e averne impastato la malta con la propria sensibilità e con attenzione, per risarcire almeno un poco la lunghissima fila di coloro che con le proprie vite sacrificate hanno contribuito a rendere migliore quelle degli altri.
La letteratura, certamente, è anche questo: perpetuare una memoria che alcuni potrebbero non voler più serbare e rendere giustizia a ciò che è stato, trovando la voce più giusta per farlo. Marco Balzano ha raccolto un testimone prezioso: perché quella voce l’ha trovata, e nelle sue pagine se ne avverte tutta la sincera necessità. Ma c’è anche un potente apologo sul rapporto fra i padri e i figli (tema caro a Balzano sin dal suo esordio con Il figlio del figlio): tra padri, cioè, cui la storia ha negato la possibilità di assolvere compiutamente al proprio mandato, e figli che – a causa di quella mancanza – sono rimasti (per l’appunto) figli di figli, perpetuando una maledizione pedagogica che è una delle violenze più gravi fra le molte inflitte al nostro Mezzogiorno.

Recensione a cura di Wuz.it

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Marco Balzano

1978, Milano

Marco Balzano è nato a Milano nel 1978, dove vive e lavora come insegnante di liceo. Ha esordito nel 2007 con la raccolta di poesie Particolari in controsenso (Lieto Colle, Premio Gozzano). Nel 2008 è uscito il saggio I confini del sole. Leopardi e il Nuovo Mondo (Marsilio, Premio Centro Nazionale di Studi Leopardiani). Il suo primo romanzo è Il figlio del figlio (Avagliano 2010, finalista Premio Dessì 2010, menzione speciale della giuria Premio Brancati-Zafferana 2011, Premio Corrado Alvaro Opera prima 2012), tradotto in Germania presso l’editore Kunstmann.A questo primo romanzo hanno fatto seguito Pronti a tutte le partenze (Sellerio 2013), L'ultimo arrivato (Sellerio 2014), con il quale vince nel 2015 il premio Campiello. Altre pubblicazioni con...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore