Ultimo avvertimento

James Patterson

Traduttore: A. Biavasco, V. Guani
Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Anno edizione: 2008
Pagine: 284 p., Rilegato
  • EAN: 9788830423374
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 14,11

€ 16,60

Risparmi € 2,49 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

€ 8,96

€ 16,60

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Bruno

    11/01/2011 22:58:04

    Rispetto al precedente libro letto di Patterson (Come una tempesta) l'ho trovato inizialmente poco avvincente; nella parte centrale le emozioni si sono susseguite però la fine è stata un po' troppo affrettata. Comunque più che sufficiente.

  • User Icon

    Fausto

    02/09/2010 16:44:36

    Veramente brutto ! E' il primo libro di Patterson che che leggo ma, con ogni probabilità anche l'ultimo ! Trama poco credibile, situazioni analizzate in maniera troppo superficiale senza mai spiegare come si arrivi a determinate conclusioni. I vari Crais, Connelly, Deaver sono decisamente di un altro pianeta....

  • User Icon

    Ziokri

    14/09/2009 16:33:46

    Allora, premnetto che è il primo romanzo di Patterson che leggo, e l'ho trovato troppo scorrevole, troppo superficiale, sarà che sono abituato a Connelly, ma è troppo, troppo facile scrivere : " Una traccia cartacea mi condusse a......." e poi non spiegarla approfonditamente. Nei thriller, i lettori devono scprire chi è l'artefice di tutto, e così lui ci toglie il bello, xkè non ci da indizi.

  • User Icon

    Marco

    14/01/2009 16:49:17

    Veramente brutto. Sequenze di avvenimenti illogiche. Il libro non ha struttura, sembra una serie di avvenimenti in successione senza alcun collegamento. Non c'è indagine, non ci sono motivazioni, non c'è rapporto causa-effetto. 300 pagine di chiacchere prive di fondamento risolte in 10 facciate che non hanno alcun senso... Cross più che un detective sembra un fattorino fatto rimbalzare in giro per il mondo... Dopo 200 pagine di vuoto se ne esce con un fantastico "Una pista cartacea mi condusse...". Quale pista? Dove l'ha ricavata? Perchè non prima? Non si può lasciare il lettore "al di fuori del libro". Aggiungete che tra l'altro la costruzione di alcune frasi è tanto elementare da risultare irritante. RISPARMIATEVELO!!!!

  • User Icon

    Giuseppe Ricci

    15/12/2008 16:33:03

    Salvando il personaggio di Alex Cross che ormai ci è familiare come un amico, per il resto il libro è mediocre. Stavolta, infatti, Patterson cerca il colpo di scena a ogni costo senza motivarlo e palesando che le fondamenta su cui si regge sono davvero fragili. Mi sa che neanche lui aveva le idee chiare sull'identità del Lupo! Delusione.

  • User Icon

    Carlo

    23/06/2008 14:45:27

    Non mi è piaciuto granchè, troppo esagerato. Questo lupo sembra l'alieno invincibile con il dono dell'ubiquità che può tutto ed ha sempre a che fare con uno stuolo di tonti e creduloni, sembra quasi una figura di fantasia. Poi la fine, che significa quella lettera firmata e successivo ribaltone ? Spero che Patterson torni a soggetti più normali.

  • User Icon

    Barbara

    12/05/2008 16:39:13

    Io vado controcorrente.. mi scuso con chi ha amato questo libro. Secondo me invece è il peggior libro di Patterson con un Alex Cross che praticamente non ha fatto nulla fino alle ultime 10 pagine...

  • User Icon

    luigi azzarone

    14/04/2008 12:35:54

    Un libro bellissimo, pieno di azione e colpi di scena. E' james patterson tornato ai massimi livelli

  • User Icon

    Francesco

    16/03/2008 21:32:11

    E' James Patterson...non ci sarebbe bisogno di dire altro...il miglior scrittore di thriller che il mondo conosca...Alex Cross è un personaggio unico nel suo genere...ed ora aspettiamo con ansia il nuovo capitolo delle "Donne del club omicidi"...

  • User Icon

    elisa

    11/03/2008 09:18:36

    semplicemente fenomenale...come tutti i suoi libri

  • User Icon

    aldebaran

    09/03/2008 14:23:00

    Come al solito. Veloce, scritto impeccabilmente, conciso. Le storie di James Patterson attraggono e piacciono eppure forse deludono un po' per la loro semplicità e brevità. Un po' più di spessore non nuocerebbe. Ma come fa uno scrittore a pubblicare 4 libri in un anno come succederà nel 2008 (Longanesi 2, Corbaccio e Nord)? Non è che distribuisce idee ad altri che hanno imparato a scrivere come lui? E comunque perchè chi ha storie migliori delle sue non impara a scrivere come lui? A quando i voti con scala 1:10?

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione