The Unforgettable Fire

Artisti: U2
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Island
Data di pubblicazione: 1 febbraio 1995
  • EAN: 0042282289827

€ 10,60

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello
Disco 1
  • 1 A sort of homecoming
  • 2 Pride (in the name of love)
  • 3 Wire
  • 4 The unforgettable fire
  • 5 Promenade
  • 6 4th of July
  • 7 Bad
  • 8 Indian summer sky
  • 9 Elvis Prestley and America
  • 10 MLK

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alex Lugli

    21/10/2009 00:30:26

    Il 1984 si apre con un nuovo incontro che cambierà la storia degli U2. È quello con i produttori Brian Eno e Daniel Lanois, con i quali gli U2 si mettono a lavoro allo Slane Castle per la registrazione di un nuovo album. Al termine del lavoro, la band effettua una serie di concerti in Nuova Zelanda ed Australia. Alla fine di questo tour viene pubblicato il primo singolo che anticiperà il nuovo disco: "Pride" (il cui video, ormai un classico, era ambientato nella zona del porto di Dublino). Il brano, scritto da Bono, è dedicato a Martin Luther King, e riesce a raggiungere il terzo posto nelle classifiche inglesi. Il 1 ottobre, poi, esce nei negozi il nuovo album dal titolo "The Unforgettable Fire", che si piazza direttamente al primo posto nelle classifiche di vendita. Ormai gli U2 sono la Rock Band più promettente del mondo. Con l'uscita dell'album parte ancora una volta una nuova tournè chiamata "Unforgettable Fire Tour". "The Unforgettable Fire" è il quarto album degli U2, pubblicato il 1 ottobre 1984 dalla Island Records. Canzoni memorabili come l'inizale "A Sort Of Homecoming", passando per perle Rock dalla caratura eccelsa come appunto "Pride (In The Name Of Love)", "Wire", la title-track "The Unforgettable Fire", "Promenade", "4th Of July", "Bad", "Indian Summer Sky", "Elvis Presley And America" e la conclusiva "MLK", mettono in luce tutto il grande talento compositivo della Band, in brani dall'impatto emozionale ed attitudinale unici. Assieme al successivo "The Joshua Tree" (1987), il disco è il capolavoro assoluto degli U2, per qualità delle singole composizioni e coesione strumentale tra le parti.

  • User Icon

    Roberto '61

    12/04/2006 16:44:29

    Il miglior cd degli U2 in assoluto, a mio avviso. Dopo gli esordi pieni d'impeto e passione - ben documentati dal cd live UNDER A BLOOD RED SKY - Bono e compagni vivono un momento di grande meditazione interiore che li porta a rifugiarsi in un castello irlandese in compagnia dei grandi Brian Eno e Daniel Lanois e ad assemblare un autentico gioiello! Smussate alcune irruenze giovanili, gli U2 s'immergono in una sottile coltre psichedelica dove tutto sembra imploso, ma è proprio qua che esce il capolavoro unico. Un'energìa interiore che in tutto l'arco del cd sembra sempre sul punto di esplodere, imbrigliata dalla voce sublime di Bono - il quale tralaltro spinge a tal punto le proprie corde vocali al limite che rischia di lacerarle, ed è costretto al termine delle registrazioni ad un lungo periodo di riposo !!! - . La sequanza del brani è perfetta, le emozioni si susseguono di continuo per toccare l'apice in " ELVIS PRESLEY & AMERICA ", a mio avviso il più bel brano in assoluto di sempre del gruppo irlandese. Correva l'anno 2004, il vinile ormai è praticamente inascoltabile talmente l'ho usurato.......il cd allieta ancora le mie giornate a distanza di 22 anni, e tanto basta. Grazie U2.

  • User Icon

    ANTONIO

    09/01/2006 22:41:02

    Ottobre 1984. E’ qui che cominciano seriamente a mostrare di che pasta sono fatti. Dopo una lunga gavetta, fatta da centinaia di concerti in giro per l’America e l’Europa si arriva a questo disco, prodotto da Bryan Eno e Daniel Lanois, il primo degli U2 a lanciarli a livello mondiale grazie alla canzone Pride. Qui i quattro mostrano di aver affinato notevolmente la loro tecnica rispetto ai precedenti lavori e il disco appare quasi privo di sbavature, quasi perfetto. A sort of homecoming è quasi una liberazione, The unforgettable Fire ti seduce al primo ascolto, MLK ti commuove e Bad ti fa innamorare di loro più di ogni altra cosa. Mentre il mondo è pieno di musica assurda ed inutile, il paradiso si trova qui, a Dublino

Scrivi una recensione