Uomini della democrazia

Gaetano Pecora

Anno edizione: 2007
In commercio dal: 27 febbraio 2007
Pagine: 116 p., Brossura
  • EAN: 9788849513479
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 11,00

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Gaetano Salvemini, Ernesto Rossi, Piero Calamandrei, Hans Kelsen: quattro vite interamente spese per la causa della democrazia. Una causa difesa pagando di persona e perorata sempre con lucido disincanto, senza coltivare illusioni sulla condotta e la natura umana. Di qui l'apprezzamento dei dispositivi giuridici che, soli, impediscono agli uomini di dar sfogo ai loro istinti belluini, e sempre di qui il ripudio di quella concezione irrealistica della democrazia che fa della partecipazione popolare il toccasana di ogni male. Lo stesso realismo porta i quattro Autori ad escludere l'esistenza del Bene assoluto, certo, razionalmente dimostrabile. Da seguaci della scuola empirica essi ammettono soltanto il bene relativo, spesso impastato con un male ed un errore altrettanto relativi. In quest'ordine di idee, il dissenziente figura non già come un reprobo da combattere ma come un interlocutore da rispettare perché portatore, forse, di un granello di verità; di una verità che poi il libero confronto delle idee saprà convenientemente valorizzare. Ecco perché, a loro avviso, la democrazia potrà ben promuovere varie forme di giustizia (formali e materiali); essa però non è neppure concepibile senza quel particolare atteggiamento dello spirito che vivifica la prima e più difficile giustizia, quella di Kelsen: la «giustizia della tolleranza».