Categorie

John Steinbeck

Curatore: L. Sampietro
Traduttore: C. Pavese
Editore: Bompiani
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
Pagine: 132 p. , Brossura

46° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Classica (prima del 1945)

  • EAN: 9788845268427
Usato su Libraccio.it € 5,40

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    G.Luca

    16/06/2016 11.47.17

    Uomini e topi, una piccola parabola sull'esistenza umana, fatta di sacrificio, solitudine, incomprensione reciproca che a tratti diventa incomunicabilitá. e che finisce con una morte che ci ricorda che non siamo troppo diversi dalle bestie, che si tratti di un topo o di un cane. L'unico appiglio è la speranza di migliorare, un domani migliore sperato ma non creduto mai del tutto, che ci porta a chiederci quale sia il senso della nostra esistenza. Il finale apre uno spiraglio, chiuso tutto nell'atto di coraggio di George, che risparmia all'amico una fine peggiore. da bestia, appunto.

  • User Icon

    Carol

    24/01/2016 19.57.24

    Steinbeck sempre magistrale nella scrittura e nella capacità di raccontare l'animo umano, in un crescendo di tensione che annuncia la tragedia. L'ho letto nella traduzione di Cesare Pavese (non so se ne esiste un'altra più aggiornata) che è veramente troppo datata, soprattutto in alcune espressioni che nessuno usa più oggi.

  • User Icon

    Alessandro

    23/12/2015 18.47.23

    Uno spaccato della società americana del 900 con la crisi economica che fa da sfondo nella vita difficile dei contadini.

  • User Icon

    Francesco

    11/11/2015 21.43.32

    La traduzione di Pavese è un po' datata, urge una nuova versione italiana. Ad ogni modo, un romanzo magistrale: la narrazione realistica di Steinbeck assurge ad una solennità quasi epica.

  • User Icon

    Sid

    21/09/2015 18.52.17

    partendo dalla premessa che NON è un capolavoro perchè è poco più di un racconto, è tuttavia scritto benissimo. Steinbeck riesce in poche righe a tratteggiare alla perfezione due personaggi memorabili. Un vero peccato che sia così breve, ma forse l'autore aveva esaurito quello che aveva da dire.

  • User Icon

    rejectedfrogs

    13/11/2014 16.28.33

    "Uomini e topi": la sconfitta dell'umanità. Il racconto di Steinbeck, che si legge d'un fiato, è la storia di Lennie e George che sognano una casa dove poter allevare conigli e coltivare la terra, ma è anche la storia dei braccianti stagionali che negli anni Trenta girano per gli Stati Uniti alla ricerca di un impiego e che, privi di casa e di diritti, hanno solo una baracca pulciosa dove dormire. Il tragico finale è l'unico degli epiloghi possibili per una storia come questa, nella quale tutti i deboli (Lennie, il gigante affetto da ritardo mentale; la moglie di Curley, "Eva" della situazione; e, insieme a loro, gli animali vittime della incontrollabile forza fisica di Lennie) soccombono. E chi sopravvive non sta tanto meglio: il nero Crook è condannato all'isolamento, e come lui tutti gli altri sanno già che, una volta diventati vecchi e inutili, si ritroveranno a morire di stenti in mezzo a una strada; compreso George, costretto a un atto osceno per risparmiare all'amico indifeso una fine ancora peggiore. Per questi motivi "Uomini e topi" è una storia ancestrale, tanto che si può appunto leggere in chiave biblica; ciò che conta è che in queste poche pagine si narra la storia della sconfitta dell'umanità. E, in quanto tale, è per me una lettura fondamentale.

  • User Icon

    Silviez

    04/07/2014 15.42.25

    Una bella storia, forse non un capolavoro ma comunque queste 118 pagine meritano davvero di essere lette poiché senza dubbio lasceranno trapelare tantissime emozioni.

  • User Icon

    Thinner5

    07/10/2013 01.28.33

    Poesia allo stato puro! Il racconto è comunque piuttosto celebre, non mi aspettavo per cui di meno. La storia è decisamente semplice, ma c'è qualcosa (la definirei quasi magia) che la rende straordinaria e fa sì che lasci il segno nel lettore. Consiglio questo piccolo capolavoro a tutti!

  • User Icon

    kine

    30/06/2013 09.41.13

    Un libricino molto intenso, quasi infantile per certi versi, ma anche forte e truce per altri... Molto scorrevole perché fatto di dialoghi, mi è piaciuto perché molto onesto... Voto 4

  • User Icon

    K.

    02/10/2012 14.05.49

    Un piccolo capolavoro, nulla di più.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione