L' uomo che volle farsi Re di John Huston - DVD

L' uomo che volle farsi Re

The Man Who Would Be King

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Man Who Would Be King
Regia: John Huston
Paese: Stati Uniti; Gran Bretagna
Anno: 1975
Supporto: DVD
Salvato in 24 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

I due sergenti dell'esercito britannico, Danny Dravot e Peachy Carnehan sono intenzionati a fondare un impero interamente loro e per realizzare l'impresa si spingono nei luoghi più remoti del Kafristan, per acquisire ricchezze da veri Re.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 8
5
8
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    n.d.

    28/12/2018 21:19:34

    OTTIMO COME AL SOLITO!!!!! IBS E' LA MIA MINIERA PERSONALE

  • User Icon

    Luca Ballati

    20/05/2007 23:16:22

    Huston, Connery e Caine girano un film perfetto, tratto da un libro perfetto

  • User Icon

    Umberto

    14/12/2006 11:48:22

    Voto massimo per un film "perfetto". Grande Kipling. Bellissima trama, paesaggi magici, interpreti eccezionali. Da vedere, da capire e da ricordare.

  • User Icon

    Conte di Cagliostro

    29/11/2006 15:21:57

    Tratto da un romanzo del grande Rudyard Kipling. E'un film eccezzionale, ovvimente non compreso dalla "massa profana"... Ricchissimo di simbologia e di riferimenti ermetici che solo gli iniziati possono comprendere. Inoltre, l'interpretazione strepitosa di Sean Connery ha reso il film imperdibile:.

  • User Icon

    Mirko

    19/06/2005 19:40:47

    E'un film bellissimo. Il Kafiristan non si trova in India, ma in Afghanistan alla frontiera con l'attuale Pakistan,allora India britannica. In effetti il Kafiristan (terra degli infedeli) fino alla fine dell'800 era un territorio pagano, islamizzato dagli shah afghani nel 1890, venendo in seguito chiamato Nuristan (terra della luce di Dio), come ancora oggi.

  • User Icon

    un fratello

    09/12/2004 08:17:44

    Vedetelo!Credo che sia un libro e un film da ricordare. Sempre.

  • User Icon

    maurizio

    17/09/2004 19:00:51

    Un classico sottovalutato (forse perche' tratta India e dintorni in maniera "razzista" in base alla trama scritta da un vecchio colonialista). Se potete seguitelo in inglese, per godere del gergo e dell'accento dei due protagonisti.

  • User Icon

    Russell

    16/12/2002 21:35:10

    Bellissimo e sottovalutato.Impagabile (come sempre del resto) Sean Connery.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente
  • Produzione: Columbia TriStar Home Entertainment, 2013
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Durata: 130 min
  • Lingua audio: Italiano (Mono);Inglese (Mono);Francese (Mono);Spagnolo (Mono);Tedesco (Mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese; Arabo; Ceco; Danese; Ebraico; Finlandese; Francese; Greco; Hindi; Norvegese; Olandese; Polacco; Portoghese; Spagnolo; Svedese; Tedesco; Turco; Ungherese
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Contenuti: trailers
  • John Huston Cover

    "Regista e sceneggiatore statunitense. Terminata la scuola superiore, si dedica prima alla carriera militare, poi al giornalismo e contemporaneamente alla boxe, nella categoria dei medi leggeri. Pubblica quindi un libro di racconti, American Mercury, per lo più ambientato nel milieu pugilistico, e scrive anche una commedia, Frankie and Johnny, denotando una certa attitudine alla narrazione. Per questo il padre, l'attore Walter H., forse perplesso per il suo turbolento spirito d'avventura, lo spinge a dedicarsi alla recitazione, e lo introduce nell'ambiente teatrale. Nel 1931 collabora così alla sceneggiatura di un film interpretato dal padre, La sposa della tempesta, diretto da W. Wyler. Assunto dalla Warner Bros, scrive o collabora alla sceneggiatura di vari film, tra i quali La figlia del... Approfondisci
  • Sean Connery Cover

    Attore scozzese. Dopo essere apparso in diversi film con ruoli di secondo piano, su indicazione di I. Fleming, creatore di James Bond, ottiene la parte del protagonista in Agente 007 licenza di uccidere (1962) di T. Young. Il film ha un notevole riscontro di pubblico e il personaggio acquista enorme popolarità con i successivi A 007, dalla Russia con amore (1963), sempre diretto da T. Young, e Agente 007, missione Goldfinger (1964) di G. Hamilton. Il successo della serie, della quale è protagonista in altri due episodi, oscura quasi la sua interpretazione in Marnie (1964) di A. Hitchcock. Nel frattempo – dividendosi tra la Gran Bretagna e Hollywood – si accosta al genere drammatico in La collina del disonore (1965) di S.?Lumet e poi alla commedia in Una splendida canaglia (1966) di I. Kershner.... Approfondisci
  • Michael Caine Cover

    "Nome d'arte di Maurice Joseph Micklewhite, attore inglese. Dopo aver abbandonato gli studi a sedici anni, non avendo i mezzi per pagarsi una scuola di rango, frequenta il corso di arte drammatica del circolo ricreativo Clubland. Si mantiene con i mestieri più disparati, quali fattorino o impiegato ai mercati di Londra, lavora in un teatrino del Sussex e passa al Workshop Theatre di Londra, dove recita in piccole parti fino ad approdare al cinema con I fucilieri dei mari della Cina (1956) di J. Amyes. Dopo il suo primo film di una certa importanza, Zulù (1964) di C. Endfield, il produttore H. Saltzman gli affida il ruolo di protagonista in Ipcress (1965), in cui dà vita alla figura di Harry Palmer, un agente segreto ombroso, silenzioso e un po’ indolente, esatta antitesi del coevo James Bond.... Approfondisci
  • Christopher Plummer Cover

    Propr. Arthur C. Orme P., attore canadese. Dopo alcune esperienze di successo in teatro e in televisione, esordisce sul grande schermo con una parte secondaria in Il fascino del palcoscenico (1958) di S. Lumet. Alto, aitante, occhi azzurri, piglio vagamente severo e quasi militaresco, recitazione eclettica, domina naturalmente la scena e ben presto ottiene validi ruoli da protagonista. Lo si ricorda colonnello padre di sette figli in Tutti insieme appassionatamente (1965) di R. Wise, incredulo spettatore di una tragedia in L'uomo che volle farsi re (1975) di J. Huston, pilota impegnato sul fronte in La battaglia delle aquile (1976) di J. Gold, custode di un segreto in Uno scomodo testimone (1981) di P. Yates, misterioso epidemiologo in L'esercito delle dodici scimmie (1995) di T. Gilliam,... Approfondisci
Note legali