Categorie

Mauro Martini

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2005
Pagine: 181 p. , Brossura
  • EAN: 9788806168421

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ANDREA VENTURA

    08/10/2005 13.47.28

    Mauro Martini si è spento l'estate scorsa a poco più di quarant'anni, giovane, come alcuni protagonisti della scena letteraria e artistica russa da lui ben descritta in questo agile libretto. E' stato ricordato da Vittorio Strada sul Corriere della Sera. Scompare un appassionato e coinvolto russista della non numerosa comunità di slavisti italiani: un vero peccato ! Malgrado la formazione di sinistra ha saputo narrare con chiarezza le convulsioni degli intellettuali post-sovietici e trasmettere l'inquietudine che serpeggia sia là che qua sulle reali intenzioni ma soprattutto sui limiti della Russia di Putin, retta da una coalizione di oligarchi con il consenso delle forze armate. Martini è riuscito a descrivere personaggi lontanissimi e semisconosciuti da noi con partecipazione ed emozione, senza lasciarsi condizionare da pregiudizi ideologici. Le tre/quattro fasce di età che si muovono nello spazio post-sovietico ne escono ben caratterizzate: gli ultra quarantenni (ormai fuori gioco) che rappresentano il trait d'union con il passato, i trentenni dello svuotamento ideale completo e i ventenni della sperimentazione totale e dello sradicamento identitario. La cultura russa è ancora alla ricerca della propria ragione esistenziale in un'arida stagione politica.

Scrivi una recensione