Vacanze romane. Edizione speciale

Roman Holiday

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Roman Holiday
Regia: William Wyler
Paese: Stati Uniti
Anno: 1953
Supporto: DVD
Salvato in 70 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 6,99 €)

In visita ufficiale a Roma, una principessa fugge dall'albergo in cui risiede e si aggira in incognito per le strade della capitale, in compagnia di un reporter che insegue lo scoop. Il film ha avuto un rifacimento nel 1987.
4,9
di 5
Totale 20
5
18
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Maria

    14/05/2020 18:25:45

    Guardate questa bella favola.Audry Hepburn icona di stile e brava attrice,grazia raffinatezza e dolcezza fatta persona.Anima plendida.

  • User Icon

    ME23

    13/05/2020 15:42:42

    Commedia romantica intramontabile con una bellissima Roma a farle da sfondo. Più invecchia più migliora come il vino. Unico neo la colonna sonora che non rende giustizia alle immagini del film.

  • User Icon

    mario

    12/05/2020 21:53:23

    Audrey Hepburn rende tutto ciò che interpreta un capolavoro. Super consigliato!

  • User Icon

    Lirí

    25/09/2019 21:16:26

    Una Roma affascinante, una storia bellissima interpretata da due grandi attori. Da vedere!

  • User Icon

    Michi

    20/09/2019 18:25:39

    Film stupendo, da vedere ad ogni età. Con la bellissima Audrey Hepburn che riesce a catturarti con la sua bravura e tenerezza e ovviamente senza togliere niente a Gregory Peck, insieme sono fantastici, ti fanno innamorare di Roma un'altra volta.

  • User Icon

    Bartek

    24/08/2019 07:37:41

    Guardo, guardo e voglio ancora guardare e voglio essere a Roma con loro. Un capolavoro.

  • User Icon

    DAVIDE

    08/03/2019 15:08:23

    Romanticismo, sorriso, attesa dell'evento successivo, amarezza, colpi di scena. Mixate e voilà il film è servito. Condire con la bravura di due attori straordinari e al meglio di loro stessi. Ad oggi un film intramontabile

  • User Icon

    Maria Giovanna

    22/05/2015 23:08:24

    Uno dei film più belli dell'intera cinematografia. Pulito, rasserenante, non si può non notare l'abissale differenza con la nevrastenia folle e violenza, sporca nel linguaggio e nelle immagini, del cinema odierno. Qui c'è invece un modo di fare cinema ormai scomparso, assieme alla Roma anni '50.

  • User Icon

    Lady Libro

    07/12/2010 13:25:32

    Un film semplicemente meraviglioso!! Gregory Peck è bravissimo, e Audrey Hepburn mostra al mondo tutta la sua bravura, viviacità e spontaneità!! Unica cosa che mi ha un po' delusa: il finale. Per essere una commedia divertente e romantica mi aspettavo un lieto fine... Ma nonostante ciò gli dò un voto pieno!! Un vero capolavoro!!!

  • User Icon

    OskarSchell

    10/03/2009 16:26:05

    Finale tristissimo. Ottima interpretazione della Hepburn e di Peck.

  • User Icon

    OskarSchell

    02/03/2009 12:25:41

    Film assolutamente da vedere!!! Fantastica interprete la Hepburn, bellissimo Gregory Peck! Un film agrodolce! Indispensabile munirsi di fazzolettini per il finale.

  • User Icon

    Clarkina

    07/10/2008 20:35:46

    Be..come posso dire? ah si: sono stata "molto lieta" di guardare questo film dal primo all'ultimo secondo. Un capolavoro del grande regista William Wyler che si ritroverà a lavorare con la Hepburn anche in seguito. La coppia Peck/Hepburn é azzeccatissima...e quando penso che il ruolo di Joe Bradly era stato inizialmente proposto a Cary Grant mi accorgo che questa pellicola non avrebbe avuto lo stesso fascino: e mi permetto di esaltare Gregory Peck (senza nulla togliere a Audrey Hepburn) e di lodare la sua interpretazione che ben si discosta da altre più drammatiche e profonde (vedi il promontorio della paura e il buio oltre la siepe) ma che è, per così dire, riuscita in pieno. Buffa la scena in cui la principessa è brilla e in cui Audrey Hepburn ci svela anche le sue capacità comiche. Una commedia romanticissima e un Grecory Peck molto ma moolto attraente tra le braccia del quale sarebbe piaciuto anche a me sprofondare!

  • User Icon

    Giuseppe

    04/11/2007 01:38:54

    E' proprio vero che il buongiorno si vede dal mattino dato che questa bellissima e romanticissima commedia è stata il trampolino di lancio della divina Audrey Hepburn,una grande attrice,una grande donna,un mito intramontabile della storia del cinema per la sua bravura,bellezza,classe e moda! Questa commedia è bellissima e interpretata magnificamente da lei e dal grande Gregory Peck!E' proprio vero che film di così alto livello oggi non ce ne sono e nè ce ne saranno più in futuro!

  • User Icon

    chiara

    28/08/2007 15:33:55

    Un film che colpisce per la sua semplicità, ma che fa sognare ancora, a differenza di molti film della nostra epoca...

  • User Icon

    Teresa

    28/07/2006 19:00:38

    Nella Prestigiosa e Speciale Classifica “I FILM PIU’ BELLI” di Teresa L., “Vacanze romane” occupa sempre la prima posizione!

  • User Icon

    Tata

    18/07/2006 01:17:24

    Uno dei film più belli della storia del cinema!!

  • User Icon

    Veronick

    10/06/2006 04:12:17

    Film da sogno!!!Hepburn-Peck trovo sia una delle coppie più belle della storia del cinema!!Chi ama il cinema non può perdersi questo film!!

  • User Icon

    antonio

    29/05/2006 19:34:26

    Eleganza allo stato puro , Audrey è meravigliosa un'autentica ragazzina . Sono rimasto incantato . un film senza tempo

  • User Icon

    alifrail

    12/12/2005 20:56:00

    HHA 52 ANNI - MA CI RENDIAMO CONTO CHE DEI FILM ATTUALI POCHI SE NE SALVANO?QUESTA FIABA-FILM,OLTRE AD ESSERE UN CULT-MOVIE,HA AVUTO LA FORTUNA DI AVERE 2 BELLISSIMI E GRANDISSIMI INTERPRETI - CE NE FOSSERO ANCORA DI FILM CON STORIE COSI BELLE E INDISTRUTTIBILI|

  • User Icon

    giorgio pilastro

    23/06/2004 15:35:05

    Una favola dolce, gustosa e delicata. Il film nacque con pretese esclusivamente turistiche: si voleva presentare Roma come una città piena di vita e di gente allegra, il tutto condito da angoli artistici e caratteristici. Teatro adatto ad una favola moderna con tanto di principessa che fugge dal castello ed incontra per la strada il suo principe azzurro, che poi non potrà avere. Il racconto fila via spumeggiante e veloce, senza pause e pesantezze turistiche. I personaggi, pur se di fiaba, sembrano reali e la loro storia potrebbe essere la storia di tutti. Il film rimane godibile anche a distanza di molti anni e la scena finale, quella dell'addio, fa venire il groppo alla gola indipendentemente dalle volte che si è vista.

Vedi tutte le 20 recensioni cliente

La sobrietà di Wyler per un'avventura romantica indimenticabile, dove il valore di un attimo vale più di qualunque happy ending

Trama
Un cinegiornale annuncia la visita della giovane principessa Anna nelle principali capitali europee. L'ultima tappa è Roma, dove, dopo un ricevimento in ambasciata di fronte a tutte le cariche istituzionali e gli esponenti della nobiltà internazionale, la principessa esausta e frustrata dai suoi impegni diplomatici ha una crisi nervosa. Il dottore di corte le somministra un sonnifero, ma prima che faccia effetto, Anna riesce a fuggire da palazzo nascondendosi nell'autocarro delle vivande. Viene trovata poco dopo sdraiata nei pressi dei Fori Imperiali dal reporter americano Joe Bradley, che, senza averla riconosciuta, cerca invano di metterla su un taxi che la riporti a casa, per poi decidere di ospitarla nel proprio studio.

1953 - Oscar [Academy Awards] - Miglior attrice - Hepburn Audrey

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Paramount Home Entertainment, 2011
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Durata: 114 min
  • Lingua audio: Italiano (Mono);Inglese (Mono);Francese (Mono);Spagnolo (Mono);Tedesco (Mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Arabo; Bulgaro; Ceco; Serbo-croato; Danese; Ebraico; Finlandese; Francese; Greco; Inglese; Islandese; Norvegese; Olandese; Polacco; Portoghese; Rumeno; Sloveno; Spagnolo; Svedese; Tedesco; Turco; Ungherese
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Contenuti: documentario; foto; trailers
  • Audrey Hepburn Cover

    Nome d'arte di Edda Van Heemstra Hepburn-Ruston, attrice belga naturalizzata statunitense. Figlia di un banchiere anglo-irlandese e di una baronessa olandese, sin da giovanissima studia recitazione e danza. Esordisce sul grande schermo nel 1948 interpretando ruoli di sfondo in banali commedie romantiche, ma il successo arriva nel 1951, quando durante le riprese di un film a Montecarlo conosce la scrittrice ottantenne Colette, che rimane folgorata dalla sua spontaneità e dal suo stile e la sceglie come protagonista a Broadway della sua commedia Gigi. Il successo le apre le porte di Hollywood: bruna, esile e flessuosa, grandi occhi scuri, sofisticata e romantica al tempo stesso, è l'interprete ideale di figure sbarazzine, quasi eterne adolescenti, dotate di un fascino discreto. Gli anni seguenti... Approfondisci
  • Gregory Peck Cover

    "Attore statunitense. È uno dei più importanti e amati attori della storia del cinema, sempre capace di coniugare una imponente presenza scenica con il fascino rassicurante della sua recitazione e con la scelta di ruoli istintivamente vicini ai gusti del pubblico e spesso segnati da un alto valore epico. Affascinante e già talentoso, recita in teatro prima di debuttare nel cinema in Tamara figlia della steppa (1944) di J. Tourneur; arriva subito al successo con il melodramma Le chiavi del paradiso (1944) di J.M. Stahl, seguito dall'incontro con A. Hitchcock che lo dirige in Io ti salverò (1945) e Il caso Paradine (1947). Nel 1946 consacra la sua stella con il western Duello al sole di K. Vidor, mostrando di essere a proprio agio in tutti i generi cinematografici. Vacanze romane (1953) di W.... Approfondisci
  • Tullio Carminati Cover

    Propr. conte T. C. de Brambilla, attore italiano. Formatosi in teatro, diviene interprete brillante nell'empireo maschile del muto italiano tradizionalmente subalterno a quello femminile (Madame Flirt, 1918, di B. Negroni). Trasferisce tali peculiarità nella Hollywood della commedia muta (Stage Madness, 1927, di V. Schertzinger) e sonora (Una notte d'amore, 1934, sempre di Schertzinger). Rientrato in Italia, interpreta con calibrata leggerezza e con un teatralismo datato, ma estraneo alle atmosfere dei «telefoni bianchi», La marcia nuziale (1934) di M. Bonnard ed è poi garbato protagonista di Una notte al castello (1935) di L. Milestone ed elegante comprimario in Vacanze romane (1953) di W. Wyler. Ritorna a forme teatrali – stavolta sperimentali – in Giovanna D'Arco al rogo (1954) di R. Rossellini. Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali