Categorie

Editore: Giunti Demetra
Collana: Acquarelli
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: 192 p. , Brossura
  • EAN: 9788844032708

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    faffa

    26/03/2014 08.21.32

    Nell'edizione della Giunti Demetra il capitolo dedicato a "Giuseppe:come concluse la sua vita terrena"è tratto dall'apocrifo della"Storia di Giuseppe falegname".La storia di G.è stata narrata da Gesù stesso sul Monte degli Ulivi ed è stata trascritta dai"santi apostoli"che"serbarono queste parole,le trasposero in uno scritto e lo depositarono presso la biblioteca di Gerusalemme". G.,sentendo vicina l'ora della sua morte,prega Dio che gli mandi,per accorglierlo in cielo, l'arcangelo Michele("principe dei tuoi angeli santi,perché mi assista e consenta alla mia povera anima di uscire da questo corpo afflitto senza difficoltà,ansia o timore").G.aveva111anni e morì il 26 del mese di abib,avendo lavorato come falegname fino all'ultimo dei suoi giorni e avendo vissuto la sua vita da "giusto".E le sue ultime parole verso Dio e di accusa alla sua vita da mortale-peccatore riflettono il senso profondo della sua giustezza("Ahimè,quanta è oggi la mia miseria e come merito commiserazione!Ma solo Dio è l'arbitro della mia anima e del mio corpo,con cui egli si comporta secondo la sua volontà").La morte di G.è la morte di un giusto e alla morte,dice Gesù,nessuno può sfuggire,nè Lui,nè la Vergine,nè gli anziani patriarchi Enoch ed Elia.La morte è la conseguenza del peccato diAdamo che è ricaduto sugli uomini("Quando l'uomo trasgredisce i comandam.di Dio e si vota alle opere di Satana,macchiandosi di colpe,se la sua vita si prolunga è perché lo si vuole risparmiare,nella speranza che si penta e si renda conto che dovrà essere consegnato nelle mani della morte";"Se invece l'uomo compie buone azioni e la sua vita si prolunga,è perché i fatti e gli avvenimenti della sua vecchiaia acquistano fama presso gli uomini probi e vengano da costoro imitati").La morte,però,glorifica G.(il cui corpo sarà immune dalla putrefazione)a chi lo ricorderà nel giorno del suo anniversario gli sarà reso"trenta e sessanta e cento per uno"e chi chiamerà suo figlioG.non avrà "miseria o morte improvvisa".

  • User Icon

    faffa

    24/03/2014 22.47.21

    In questo tempo di Quaresima la lettura dei Vangeli Apocrifi è stata tanto interessante quanto spirituale. I Vangeli Apocrifi riportati nell'edizione della Giunti Demetra si suddividono nei seguenti capitoli:Maria,Vergine Madre;La Sacra Famiglia in Egitto:il viaggio,il soggiorno,il ritorno in Palestina;Il bambino"diverso";Il piccolo taumaturgo; Giuseppe:come concluse la sua vita terrena;Pilato e Giuseppe di Arimatea;Il trapasso di Maria.Le fonti relative alla vita di Maria risalgono al PROTOVANGELO(attribuito a Giacomo"fratello del Signore")e all'EVANGELO DELLO PSEUDO-MATTEO.Il racconto della nascita di Gesù oltre a rientrare nella narrazione del su citato Pseudo-Matteo e in quello del VANGELO DELLO PSEUDO-TOMMASO,è anche narrato dal VANGELO DELL'INFANZIA ARABO-SIRIACO.Ciò che,ad es.,incuriosisce nel racconto della nascita di Gesù è che Maria partorisce in una grotta e poi si trasferisce in una stalla.Mentre Giuseppe è alla ricerca di una levatrice,Gesù nasce e il mondo si ferma.Da questa sospensione il padre Giuseppe comprende che il Figlio è nato.Anche Erode,saputa la notizia,ordina l'uccisone dei bambini:dagli apocrifi si apprende,però,che lui non cerca Gesù,ma Giovanni.E',infatti,convinto che lui sia il Messia.Nella narrazione degli apocrifi si legge,inoltre,che durante il viaggio in Egitto la Sacra Famiglia fu salvata dai ladroni ad opera di Tito.Per ringraziarlo Maria gli dirà"Il Signore Iddio ti proteggerà con la sua destra e ti concederà il perdono dei tuoi peccati".Tito,infatti,sarà il ladrone alla destra di Gesù sulla croce e lo"precederà in paradiso".L'apocrifo arabo-siriaco si sofferma,ad es., sull'aspetto taumaturgico di Gesù Bambino:costui riesce a far uscire Satana dal corpo di un tal bambino di nome Giuda.Questi,in preda a Satana,mordeva tutti.Morse anche Gesù,ma subito dopo da lui uscì Satana sotto le sembianze di un cane rabbioso.Quel bambino di nome Giuda,infatti, non è altro che il Giuda Iscariota che consegnò Gesù ai Giudei.

Scrivi una recensione