La veglia - Anne Enright - copertina

La veglia

Anne Enright

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: S. C. Perroni
Editore: Bompiani
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 3 settembre 2008
Pagine: 289 p., Brossura
  • EAN: 9788845261725
Salvato in 8 liste dei desideri

€ 9,72

€ 18,00
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Vincitore del Man Booker Prize 2007

Veronica Hegarty fa parte di una famiglia cattolica irlandese. Ha un marito, due figlie di otto e sei anni, una madre settantenne e ben otto fra fratelli e sorelle. Quando il corpo di Liam, il fratello che Veronica sente più vicino, viene ritrovato nei pressi di Brighton, la donna vuole, a ogni costo, capire cosa abbia spezzato la vita del fratello più amato. Non basta, dunque, organizzare il funerale e assolvere ai doveri di circostanza di una famiglia tradizionale e molto numerosa. Intraprende così un viaggio nel suo passato e in quello dei suoi cari, andando a fondo delle proprie paure sessuali, delle proprie ossessioni, dei segreti che popolano il suo passato e quello di Liam.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,5
di 5
Totale 2
5
1
4
0
3
0
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    GCarlo

    04/06/2009 00:34:59

    Ho trovato il libro molto deludente, i personaggi faticano ad emergere, sembrano soffocati in una nube di disagio esistenziale che è poi quella della protagonista la quale in questo modo trasfigura con la propria nebbia tutto il libro. ci sono certamente momenti belli e illuminanti,ma non bastano a risollevare le sorti di un libro che in molte parti è pesante. Bella l'idea del rapporto fratello-sorella in un contesto di molestie familiari, ma per il resto la volubile immaturità della protagonista le sue logorroiche paranoie bastano a rovinare un romanzo che avrebbe potuto dare molto di più.

  • User Icon

    Falco

    26/03/2009 13:14:54

    Una non storia, un labirinto dove i pensieri si rincorrono in modo non lineare, dove non si distingue la verità dall’immaginazione, dove vivono solo frammenti di ricordi e sensazioni che si snodano in percorsi complessi. La morte del fratello è il punto di partenza della voce narrante. Momenti bellissimi, frasi fantastiche, ma su una storia esile, la solita storia che si dipana sui ricordi di una famiglia qualunque. Fatico a dare un giudizio su questo libro eppure lo leggo d'un fiato e non riesco a smettere. Un fascino torvo, un linguaggio originale e mai retorico, che me lo fa leggere furiosamente per poi scoprire che è proprio soltanto una corsa nella storia di una ordinaria famiglia, sorgente di amore e dolore, luogo unico di tormento e di contraddizioni.

  • Anne Enright Cover

    Anne Enright è nata a Dublino, dove vive e lavora. Prima di La veglia (Bompiani 2008), pubblicato in 25 lingue, ha pubblicato una raccolta di racconti, The Portable Virgin, che le è valsa il Rooney Prize, tre romanzi, The Wig My Father Wore, What Are You Like?, finalista al Whitbread Novel Award e vincitore dell’Encore Award, e The Pleasure of Eliza Lynch, e un libro di non fiction, Making Babies: Stumbling into Motherhood. Fra i titoli pubblicati in Italia si ricordano: Il piacere di Eliza Lynch (Bompiani, 2010), Il valzer dimenticato (Bompiani, 2012), La strada verde (Bompiani, 2016).La stanza dell'autrice Approfondisci
Note legali