Categorie

Lee Child

Traduttore: A. Tissoni
Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Anno edizione: 2009
Pagine: 447 p. , Rilegato
  • EAN: 9788830426467

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    eLiSa

    28/02/2015 11.23.51

    Anche questa volta child non mi ha delusa. Il libro si fa leggere volentieri, anche se la fine è magari un po' frettolosa e i nemici si lasciano sconfiggere in poche pagine. E' vero che in questo libro reacher è un po' in versione Rambo, ma dopo tutto è così che il lettore si aspetta questo personaggio, che sia capace di fare di tutto, compreso difficili calcoli matematici a mente...

  • User Icon

    Mariflo

    26/08/2014 20.19.24

    Sono al sesto libro di Child (e Reacher) e stavolta il mio giudizio è sceso. In questo episodio l'autore ha decisamente esagerato: lo ha fatto con Reacher che pensa come il cattivo di turno e le azzecca tutte; ha esagerato con le coincidenze e i colpi di fortuna; ha esagerato con la tracotanza, la spacconeria e l'esaltazione dei protagonisti, Reacher compreso. Abbondanza di americanate. Per carità, il libro si legge, ma non è dei migliori.

  • User Icon

    EMANUELA

    19/07/2013 17.54.54

    Bello! mi è piaciuto e l'ho letto in un fiato.

  • User Icon

    ipnosi

    01/04/2010 18.57.46

    La coppia Child-Reacher non tradisce mai. Bello più o meno come gli altri. Mi sorprende invece che mentre da noi è appena stato pubblicato il "nuovo" romanzo di Child "Niente da perdere", già in lingua originale sono usciti "The hard way", "Gone tomorrow" e stà per uscire "61 hours". libri che chissà se e quando vedremo in Italia.

  • User Icon

    Hit_Man

    30/10/2009 15.27.36

    Debbo dire che questo libro di Lee Child mi ha fatto pentire di non averlo letto prima, oltre che aver cominciato dalla fine. Le avventure di Jack Reacher e la sua squadra, a quanto pare, sono qualcosa di formidabile, da assaporare e godere: la capacità decrittiva e la meticolosa dettagliatezza del resoconto e delle analisi rendono il libro sempre interessante. Si rintraccia, qua e là, l'anelito potente dell'orgoglio americano che solo gli ex-marine possono avere così spiccato, ma i peronaggi di Child sono ben oltre lo stereotipo, anzi nemmeno lo sfiorano. La realtà è che questo action-thriller esalta la capacità narrativa, il coinvolgimento, l'assenza di cadute o pause, la capacità di tenere ben desta l'attenzione del lettore e la sua curiosità di scoprire "come va a finire", e i lettori più avvertiti sanno che autori simili si contano sulle dita di una mano, o poco più. Gli si può forse rimproverare il "redde rationem" troppo frettoloso, al culmine di un impianto ben congegnato e perfettamente oliato, e qualche eccesso da "Rambo" che lascia perplessi, anche se nell'insieme della storia è accettabile. Child mi ha davvero riconciliato col panorama dei bestsellers, sovente intasato di produzione ipertrofiche e troppe volte incapaci anche solo di divertire.

  • User Icon

    carlo

    19/09/2009 09.19.40

    ho dato il voto (in media con gli altri)xchè è obbligatorio, ma il libro non l'ho comprato e non lo comprerò fino alla pubblicazione di the hardway scritto prima di questoe dopo ""prova decisiva. Child-Reacher era uno dei pochi a essere tradotto in ordine fedele rispetto agli originali. Perchè questo "salto in avanti"? confido che altri reacheriani seguano il mio esempio

  • User Icon

    Andrea82

    09/09/2009 14.20.38

    Non mi e' piaciuto. Inconsistente come romanzo, alla fine si tramuta tutto in una vendetta personale alquanto anonima. Antagonisti che non reggono il confronto con il protagonista, personaggi appena abbozzati, finale del tutto in linea con il romanzo, ossia insulso. Peccato era la prima opera che leggevo di child.

  • User Icon

    ALESSANDRA

    26/07/2009 23.02.03

    Lee Child resta uno dei miei autori preferiti, adoro il personaggio di Jack Reacher e vorrei il libro non finisse più!!! Il libro non è sicuramente dei migliori, mi piace più quando Jack è il perno di tutto, ma la lettura è sempre gradevole e scorrevole. Mi chiedo però come mai non vengano pubblicati nell'ordine stabilito dall'autore, ogni storia è a se ma credo sarebbe bello seguire il filo logico dell'autore.... Comunque Reacher è e resta il mio mito!!!

  • User Icon

    massimo

    01/05/2009 13.52.21

    Ta il 2 e il 3. Di certo Child ha scritto di meglio. Ma anche di peggio. Tuttosommato non è male, se cercate un giallo d'azione senza pretese. Forse con un Racher diverso dal solito, non più protagonista esclusivo, ma membro, quasi "minore", di una squadra. Con un piglio insolitamente matematico. Un filo meno ironico del solito, descrive una discreta storia di amicizia e vendetta. Quella che è assai improbabile è la trama di fondo. Un fornitore del Pentagono che "imbosca" non uno, non dieci, non cento, ma addirittura 650 missili antiaerei ad alta tecnologia ? Che verrebbero acquistati in blocco da un acquirente "occasionale", in un complotto gestito da un gruppo di exsbirri di quartiere corrotti ? Bah. Ultima considerazione. Dal bottino finale (i 65 milioni di dollari, chiusi in una borsa, sic ...) "avanzano" solo 100K dollari per Reacher ? D'altro canto se la cifra finale fosse stata, come logico, di una decina di milioni, l'Autore avrebbe dovuto inventarsi un altro personaggio ....

  • User Icon

    Alessandro

    25/04/2009 00.01.39

    Lee ha scritto di meglio. Detto questo il libro è buono.....

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione