Vendute! - Zana Muhsen - copertina

Vendute!

Zana Muhsen

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Francesco Forti
Editore: Mondadori
Anno edizione: 1994
Formato: Tascabile
In commercio dal: 8 marzo 1994
Pagine: 305 p.
  • EAN: 9788804379881

nella classifica Bestseller di IBS Libri Società, politica e comunicazione - Argomenti d'interesse generale - Gruppi sociali - Gruppi religiosi

Salvato in 15 liste dei desideri

€ 9,98

€ 10,50
(-5%)

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA

Vendute!

Zana Muhsen

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Vendute!

Zana Muhsen

€ 10,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Vendute!

Zana Muhsen

€ 10,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,85
di 5
Totale 66
5
61
4
2
3
2
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    MARISA

    07/03/2019 21:25:42

    QUANDO MI HANNO REGALATO QUESTO ROMANZO HO PENSATO DI LEGGERLO INIZIANDO SUBITO. PAGINA PER PAGINA RIMANEVO ORRIPILATA E NELLO STESSO TEMPO COMMOSSA PER QUELLO CHE HANNO SUBITO LE DUE POVERE SORELLINE CHE HANNO VISSUTO NELLO YEMEN. UN ROMANZO AUTOBIOGRAFICO SCRITTO DA ZANA, LA MAGGIORE. nON AGGIUNGO ALTRO, E' UN LIBRO DA LEGGERE, ANCHE PIU' VOLTE PER CAPIRE. FACILE E BEN COMPRENSIBILE LA STESURA.

  • User Icon

    LEONARDO

    13/08/2018 21:23:32

    Ho letto il libro molti anni fà e ancora lo ricordo molto bene: BELLISSIMO! Quale integrazione ci può essere con individui come il padre della ragazza? Ho visto anche il film e non mi ha deluso affatto, anzi, bello quasi quanto il libro. Consigliatissimo

  • User Icon

    Dony

    11/11/2012 21:10:38

    Sto leggendo questo libro con passione , non riesco a smettere di pensare alla schiavitù e alle inguistizie che hanno dovto sopportare queste due sorelle . L'uomo può essere artefice di opere immense ma anche delle più turpi scelleratezze..

  • User Icon

    Zena

    08/03/2012 01:16:23

    Ho letto questo libro. Di solito queste letture non le prendo molto considerazione, ma quando ho visto che è una storia vera mi sono decisa a comprarlo. Spesso di questo genere ci sono molti libri spazzatura. E' molto triste come libro, e sapere che ci sono realmente persone che possono fare queste cose, non tanto per la realtà in Pakistan, che lì ci possono essere luoghi ancora non civilizzati, più che altro come un genitore, che ha vissuto in una società "avanti" possa decidere di vendere le proprie figlie. Ciò che tengo anche a sottolineare è che l'ISLAM non c'entra niente con tutta questa storia, la protagonista stessa non ha mai menzionato la religione come fonte di tutto ciò che le è successo. Ho letto alcune recensioni dove invece viene accusata la religione, spero che queste persone si informino invece di sputare sentenze prima di conoscere a fondo una realtà che non è la loro. Non facciamoci prendere in giro dai mass media, dai pregiudizi e dagli stereotipi.

  • User Icon

    Tiziana

    08/09/2011 20:16:18

    Che dire??? E' un libro che toglie il fiato!! Sembra impossibile che tutto ciò possa essere vero.... la storia ti tiene letteralmente incollata al libro, nella curiosità di sapere cosa potrà ancora succedere!! Leggete questo libro!! Vi aiuterà ad aprire un pò gli occhi!!

  • User Icon

    alice

    16/07/2010 16:19:08

    E' una storia agghiacciante, però bisogna riconoscere che Zana ha avuto fegato... bisognerebbe prendere esempio da lei!

  • User Icon

    Elisa

    21/05/2010 10:06:53

    Sono cose dell'altro mondo. Un libro di denuncia, un libro che cattura capitolo dopo capitolo, pagina dopo pagina. Un libro che non smetteresti mai di leggere perchè vuoi sapere cosa succede sempre dopo. E poi ci chiedono come mai siamo razzisti nei confronti di questa gente.................................!!!

  • User Icon

    doc76

    28/03/2010 12:12:21

    Terribile testimonianza della vita, se così la si può chiamare, delle donne yemenite. Ancora più scioccante se ci si immedesima nei panni di una normale ragazzina occidentale catapultata con l'inganno nel medioevo più oscuro.

  • User Icon

    Gina

    15/10/2009 18:24:27

    Leggete anche "1000 spelndidi soli" di Kalhed Hosseini è meraviglioso, racconta la realta delle donne in Afghanistan

  • User Icon

    carmen

    11/03/2009 14:48:45

    Non è il primo del genere che leggo, ma questo mi ha colpito in modo particolare per la drammaticità e la durezza di alcune situazioni/scene descritte. Lei, 15enne inglese che si ritrova li in mezzo al nulla, a vivere in una stalla e a fare la schiava. da brividi! Ho provato a cercare info attuali sulla loro storia, speravo avesse un sito, ma niente. Sto leggendo “ti salverò”, ma vorrei sapere se alla fine dopo 29anni anche nadia è tornata libera. Questi libri aprono gli occhi sulle condizioni in cui si ritrovano a vivere ancora molte donne nel terzo millennio

  • User Icon

    italo

    03/12/2008 20:05:31

    Non è il primo libro che leggo,su questi argomenti, e devo dire che pur essendo tutti molto, o comunque abbastanza belli, in linea di massima li trovo ripetitivi,ma, questo non deve essere per forza un difetto,è il tema trattato che li accomuna tutti.Questo però,mi ha colpito in maniera particolare,forse perchè aggiunge alla drammaticità degli altri,anche una durezza a dir poco massacrante.Ti domandi come è possibile che nel ventesimo secolo possono essere accaduti questi fatti,ma l'atrocità,il vero dramma,quello che ti fà pensare e rabbrividire,è il saper che nel ventunesimo secolo niente è cambiato.E'vero,si dice che ,non dobbiamo fare di tutta l'erba un fascio,ma io , leggendo questi libri,ho nutrito e nutro sempre di più,un odio profondo verso tutto ciò che è "ISLAM".Nessun musulmano leggerà forse mai questo mio commento,ma se qualcuno lo dovesse leggere,che si vergogni,e come dive Zana nel libro,che bruci all'inferno,non meritate veramente altro.VERGOGNA.Ma forse chi si deve vergognare di più,siamo noi occidentali,perchè Nadia è ancora là.Però per il petrolio ci andiamo nei cosiddetti paesi arabi.Commento finale:"Che mondo di M...."

  • User Icon

    daniela

    15/09/2008 16:29:42

    una storia davvero bellissima ma mi domando come mai il governo nn faccia nulla per nadia eppure questto e un rapimento e seguestro in piena regola e poi si parla tanto della giustizia italiana misà che è vero il detto che dice TUTTO IL MONDO è PAESE la giustizia nn esiste prego sempre per nadia e i suoi figli che un giorno possano riavere la libertà che gli hanno portato via un saluto a tutti i lettori di questo libro

  • User Icon

    Alice

    15/09/2008 09:44:41

    Ciao anch'io ho letto questo libro e mi ha colpito molto e adesso mi piacciono leggere i libri ke parlano di queste storie, ce ne sn molto. Laura se vuoi sapere come va avanti la storia di Zana c'è il continuo che si intitola 'Ti salverò'. Ciao a tt

  • User Icon

    nihil

    01/09/2008 08:29:53

    Ho letto anni fa questo libro che ovviamente mi ha sconvolto e da allora mi sono dedicata alla ricerca di letteratura femminile che riguardi questi argomenti. Noi viviamo in un mondo che a volte ci sconvolge, ma mai come quello descritto in questo libro. Domando ora alla redazione come si possa paragonare la Muhsen a Liala ( e le altre autrici), come suggerisce la nota accanto" chi legge questo libro legge anche questi...." Forse in redazione non hanno letto nè Vendute, nè Liala! N.

  • User Icon

    laura

    29/08/2008 19:30:31

    ho letto il libro "vendute!" e sono rimasta molto scioccata dalla storia, soprattutto sapendo che è realmente accaduta. sono rimasta colpita dal coraggio e la lucidità con cui Zana ha narrato la sua terribile esperienza.mi piacerebbe sapere se abbia potuto riabbracciare suo figlio e se sua sorella sia potuta ritornare in Inghilterra, ad ogni modo forza Zana siamo tutti con te!

  • User Icon

    Roberta

    01/06/2008 12:04:44

    SONO RIMASTA SENZA PAROLE, E' TERRIBILE L'IGNORANZA DI CERTE CULTURE. NON FACCIO ALTRO CHE PARLARE AI MIEI AMICI DI QUESTO LIBRO, PROPONGO A TUTTI DI LEGGERLO E NE PARLO CON RABBIA E RANCORE. MI UNISCO AL DOLORE DI ZANA E PREGO PER UN FUTURO MIGLIORE PER NADIA E I PICCOLI. SVEGLIAMOCI!!!

  • User Icon

    Laura

    06/05/2008 10:53:34

    Storia agghiacciante, ma degna di essere raccontata e letta, proprio per non dimenticare le atrocità e le ingiustizie subite da queste due sorelle! L'ho letto in una notte...e la reazione successiva, oltre alla rabbia provata, è stata di documentarmi oltre su Nadia in particolare! nel 2003 lei era ancora lì, purtroppo! ma dal 2003 ad oggi non sappiamo cosa sia successo, so solo che è caduto un velo di silenzio su questa storia! Ho scritto anche alle ambasciate, ad Amnesty, ma nessuno mi ha saputo dar notizie. NON DIMENTICHIAMO. Questa è l'unica cosa che si può fare!!!

  • User Icon

    NICOLE

    17/04/2008 21:54:38

    ho finito di leggere ieri sera questo sconvolgente libro delle due sorelle "vendute" dal loro padre, non ci ho dormito la notte per il dolore che provo per quello che hanno subito queste due sorelle, vorrei saperne di più. qualcuno sa se c'è una continua di questa storia? grazie

  • User Icon

    tiziana

    22/03/2008 21:34:15

    questa sera ho finito di leggere per la seconda volta Ti Salvero' inutile dire che lo stesso ho fatto per Vendute. Vorrei sapere se Nadia e' finalmente libera e se Zana ha potuto rivedere suo figlio. E' assurdo che nel III millennio si sentono ancora storie di questo genere (ce ne sono tantissime io, divoro i libri che parlano di donne in condizioni disumane)il governo Inglese dovrebbe vergognarsi e noi tutti dobbiamo gridare ai politici VERGOGNATEVI.... Perche' non fare una petizione con tante firme su internet? coinvolgiamo gli amici di tutto il mondo... Forza Zana combattiamo insieme le ingiustizie per Nadia e per le altre.

  • User Icon

    medora

    15/02/2008 15:57:28

    15/02/08 finito ora di leggere "Vendute", ho visto in questo sito che esiste un altro libro di Zana dal titolo "Ti salverò": cercherò di procurarmelo ma... qualcuno sa come sono a oggi le cose? Nadia e i bambini hanno finalmente ottenuto giustizia? Lo spero con tutto il cuore, Zana sei stata forte x te stessa e gli altri, hai amato tutta la società denunciando fatti che devono essere saputi, grazie per il tuo impegno per un mondo migliore, ti auguro ogni bene e mi piacerebbe conoscerti. un abraccio a te e Nadia, spero di riuscire ad avere vostre notizie, vostre e dei vostri figli. Con solidarietà, Medora

Vedi tutte le 66 recensioni cliente

«Lascia che risuoni in te il mio grido e quello di tante altre donne, tutte quelle che la legge dimentica e tradisce, dove il diritto è fatto dagli uomini e per gli uomini, che le considerano meno che bestie e rubano loro corpo, anima e figli».

Zana Muhsen nel 1980 ha 15 anni e sua sorella Nadia 14, sono due adolescenti nate e cresciute in Inghilterra che si preparano per la loro prima vacanza estiva nel paese d’origine paterno: lo Yemen. Ma l’aspettativa di visitare i luoghi esotici descritti dal padre si traduce subito in un’inaccettabile verità, essere state vendute da quello stesso padre ad amici di famiglia. Costrette al matrimonio, madri bambine, separate e sperdute in villaggi diversi, devono integrarsi per sopravvivere e sperare per vivere. Questo libro autobiografico esce nel 1992, 12 anni dopo quella partenza che nessun funesto presagio avrebbe potuto evitare, e 4 anni dopo il suo miracoloso rimpatrio in Inghilterra che le è costato l’abbandono del figlio. Una storia vera che rimane impressa nella mente, come se ogni parola fosse stata tatuata sulla pelle. La trama prende il sopravvento, non ha bisogno di orpelli stilistici.
Una denuncia spaventosa e raccapricciante, una testimonianza di forza e speranza di cui non si deve fare a meno. Sullo sfondo una terra arida e aspra di cui oggi rimane ben poco, teatro di una guerra silente; in modo quasi paradossale l’appello dell’autrice è universale, raggiunge il lettore come un pugno nello stomaco e invita a non macchiarsi della più subdola delle colpe: l’indifferenza.
«Mi hanno imprigionato in questo orrore, ma loro malgrado la mia testa resterà libera. Non mi importa più niente del tempo che passa, le iene e i lupi dai loro monti intonano il più lugubre dei concerti. Sono loro che urlano al posto mio».

Recensione di Roberta Toraldo

A cura del Master Professioni e prodotti dell’editoria - Collegio Universitario "Santa Caterina da Siena” in collaborazione con l’Università di Pavia

Note legali