Il viaggio della strega bambina

Celia Rees

Traduttore: V. Daniele
Editore: Salani
Anno edizione: 2001
In commercio dal: 22 giugno 2001
Pagine: 197 p., Brossura
  • EAN: 9788884510600
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 7,02
Descrizione
"L'hanno rinchiusa in prigione per più di una settimana. Prima l'hanno fatta camminare a passo di marcia, su e giù, su e giù in mezzo a loro, per un giorno e una notte, finché non è più riuscita nemmeno a zoppicare, tanto aveva i piedi gonfi e sanguinanti. Non avrebbe confessato. Così hanno deciso di dimostrare che era una strega". Le pagine di un diario sono cucite dentro una trapunta. Una trapunta che giace indisturbata per oltre trecento anni, finché non viene aperta per essere pulita, e allora dalle sue pieghe cade una storia forte ed emozionante. La storia di Mary, nipote di una strega. Quando la nonna di Mary viene condannata a morte per stregoneria, Mary scappa per sfuggire allo stesso destino, prima nella campagna inglese e poi su una nave per l'America, dove spera di trovare una nuova casa, un luogo dove essere una persona nuova. Scopre però che non è facile fuggire e presto cade vittima di superstizioni e sospetti che potrebbero farle subire lo stesso fato di sua nonna. Mary è decisa a non farsi calpestare, torturare e uccidere per un crimine immaginario come la stregoneria. Uno sguardo femminile sul mondo, una storia narrata con grande vividezza, come una ripresa cinematografica.

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Erika

    03/09/2015 16:24:43

    Libro molto bello. Avvincente. Scorrevole. Una storia vera. Ti porta in un mondo antico, ma poi neanche troppo. Si prova una grande rabbia per cotanta ignoranza. Lo suggerisco a tutti!

  • User Icon

    nefelai

    28/02/2014 14:43:01

    Un libro molto scorrevole, sicuramente piacevole e con una storia di base intrigante. Molto interessante è stata la descrizione del viaggio in nave, ma devo ammettere che questo libro mi ha lasciato un senso di sete, non mi ha completamente soddisfatta, mi aspettavo una trama più corposa, più sviluppata...peccato. Proverò comunque a leggere il seguito. La copertina è invece da 5, accattivante, fa venir voglia di comprare il libro appena lo vedi.

  • User Icon

    Roberta

    30/05/2012 10:22:42

    Un libro insolito e interessante scritto sotto forma di diario, in un' epoca in cui per il solo fatto di essere donne si poteva facilmente essere accusate di magia e portate al patibolo. Il fatto che sia stato realmente ritrovato cucito dentro ad una trapunta, lo rende una valida testimonianza storica sulla stregoneria, la superstizione e i processi di Salem. Consigliato!

  • User Icon

    AndyPink

    07/03/2012 00:11:23

    Ben studiato, ben scritto e attrente. Interessante la fonte reale alla quale si ispira. Il titolo è un pò fuorviante, non si tratta di un fantasy con streghe, come può far pensare, ma bensì di un romanzo storico. Leggero e curato nei particolari, coinvolgente e si può azzardare anche "fuori dal comune". Merita attenzione, soprattutto per la capacità di portarti in un epoca passata, in modo veritiero ed aspro. Decisamente più che piacevole.

  • User Icon

    Vincenzo

    28/01/2011 01:39:37

    Letto tutto d'un fiato. Coinvolgente, conosciuto e tristemente noto il male al quale può portare il fanatismo religioso. Qualche piccolo appunto, nel contesto sbavature da poco. Un poco banale e superficiale la descrizione degli indiani, qualche episodio che non convince del tutto, compreso il fatto che il cacciatore di streghe sia proprio approdato a Beluah per ritrovare Mary. Mah! Poi, ancora, giornate intere passate nella foresta senza che nessuno la cercasse... Va bene, nessuno è perfetto, e confermo la mia opinione iniziale. Positiva.

  • User Icon

    claudia

    19/09/2010 16:34:50

    Ottimo. Affascinante, delicato e leggero come un ricamo. Non è solo questione di trama ma di personaggi, di esperienze, di percorsi. Colpisce la sapiente pennellatura che rende vivi i protagonisti e i paesaggi che attraversano; colpiscono i toni pacati che bene esprimono la ponderata ed inevitabile ribellione verso schemi ottusi e soffocanti. Un libro che esprime bellezza. Consigliatissimo.

  • User Icon

    mauro

    14/07/2010 23:10:20

    scorrevolissimo, di facile lettura. non trovo che manchi, come detto da qualcuno, di pathos, non penso che l'autore volesse crearne più di tanto. il fatto di aver scritto sotto forma di diario sembra semplicemente scansionare gli eventi. Sul fatto che possa essere una storia vera non ci metterei minimamente la mano sul fuoco, semmai plausibile, verosimile. quello che ho notato è la conferma da parte dell'autrice che la stregoneria è solo un'invenzione per sottomettere i creduloni.

  • User Icon

    ##Alessandro

    07/01/2010 13:53:27

    Divorato!! Da leggere!

  • User Icon

    *HarPy*

    15/11/2009 12:19:02

    mi è piaciuto molto!!!! l'ho letto in poco tempo.. il fatto che sia una storia vera mi intriga di piu'.....

  • User Icon

    Makena

    06/11/2009 09:06:02

    Ma qualcuno di voi ha capito se questo libro parla di un diario realmente scritto e ritrovato? Il libro cmq è stupendo....da leggere tutto d'un fiato!!!

  • User Icon

    Pamela

    07/10/2009 16:25:27

    La storia è ben scritta, molto scorrevole e affascinante è il mondo che l'autrice racconta. Anche la decisione di lasciare la storia in sospeso, senza un vero e proprio finale, la trovo accattivante.. Unica pecca: si presenta sottoforma di diario ma, nonostante questo, si limita ad essere un semplice resoconto di avvenimenti raccontati in maniera troppo "apatica" ed oggettiva per essere avventure vissute in prima persona dalla protagonista. E' proprio il pathos che manca, l'emozione che certi avvenimenti dovrebbero suscitare nella protagonista (ma che invece sembrano quasi non toccarla) e che, di conseguenza, non si trasmettono al lettore.

  • User Icon

    stefano

    28/09/2009 17:20:42

    discreto romanzo. Non si capisce fino in fondo se inventato o veramente ispirato dal ritrovamento di un diario. La storia è piuttosto lineare, non particolarmente approffonditi i personaggi, manca di un po’ di pathos. Si sa che l'argomento è di quelli che da soli valgono metà dell'opera. forse l'idea la si poteva sfruttare un pò meglio

  • User Icon

    selina

    18/03/2009 15:42:14

    Senza parole..uno dei libri più belli mai letti in vita mia..la storia di Mary ti lascia qualcosa dentro..e ti apre gli occhi sul fatto che dobbiamo vivere ogni singolo momento come se fosse l`ultimo..

  • User Icon

    andrea

    23/11/2008 16:20:47

    Bellissimo, da leggere tutto d'un fiato. Sicuramente prenderò altri libri di Celia Rees (ho già letto "Pirate")

  • User Icon

    greta

    30/06/2008 14:17:01

    Un libro molto appassionante!il titolo inizialmente non mi attirava ma appena letta la trama però ho deciso di prenderlo. Il fato di Mary è decisamente triste:Perdere la nonna accusata di sregoneria vedendola morire al rogo per poi rimanere sola,fuggire dal proprio paese in cerca di una vita migliore che purtroppo fino a quando non avremo fonti attendibili su quello che accadde dopo la sua fuga non sapremo mai. Però nonostante tutto ha incontrato persone che le hanno voluto bene.Io mi auguro che questo manoscritto abbia un lieto fine e di avere presto notizie su Mary Newbury. Consiglio questo libro perchè come ripeto è estremamente appassionante e mi auguro che chiunque lo abbia gia letto,oppure lo leggerà sia d'accordo con me e che susciti le mie stesse emozioni e il desiderio di saperne di più!

  • User Icon

    Virginia

    18/06/2008 21:24:18

    L'ho finito di leggere qualche giorno fa! E'stupendo! mi sono immedesimata in mary. E' fantastico il modo in cui è stato scritto. Ora sto leggendo il seguito SE FOSSI UNA STREGA... Stupendo che si sposa ed ha dei figli con Penna Azzurra... Complimenti Celia Rees, davvero.

  • User Icon

    annalisa

    22/05/2008 13:31:55

    Devo dire che nonostante l'argomento sia molto attraente e suggestivo, in realtà mi spettavo qualcosina di più: speravo che scendesse nei particolari, che la protagonista si svelasse e ci svelasse in che modo lei fosse una strega; non mi ha interessato tantissimo, probabilmente non ho fatto una lettura attenta, visti i commenti tutti e tanti così positivi. Si è soffermato molto sulla dimensione sociale, quindi poi storica, del "problema", cosa ovvia in effetti trattandosi di un diario che racconta ciò che succede, ma mi aspettavo qualcosa di più rivelatore e intimo.. magari leggendo il seguito... In ogni caso è disarmante sapere che si tratta di un diario e di una storia vera: credo stia in questo la bellezza e il coinvolgimento che il libro suscita... che ne pensate?

  • User Icon

    Michelangelo

    23/07/2007 11:02:51

    Da sempre appassionato di magia, ho scoperto questo libro grazie ad una mia amica wiccan! E' il libro migliore che abbia letto in tutta la mia vita (anche il seguito "Se fossi una strega" è bellissimo!) Mi ha emozionato tantissimo, e vorrei tanto saperne di più sulla storia di Mary Newbury!

  • User Icon

    Sabrina

    04/06/2007 08:37:01

    Attratta dalla copertina l'ho comprato. Non mi aspettavo niente di eccezionale ed invece l'ho trovato bellissimo e interessante. Lo consiglio.

  • User Icon

    Chiara

    27/12/2006 15:39:47

    Ho finito in questo momento di leggerlo.1 dei libri più coinvolgenti che ho letto.Era un anno che ogni volta che entravo in una libreria lo vedevo che "mi chiamava",ma con l'università nn avevo mai tempo d leggere altri libri oltre quelli degli esami.La vigilia di Natale nn ho più resistito e l'ho preso!E' stato il mio libro d Natale e Mary l'amica che avrei voluto cn me. Bellissimo!E la foto in copertina perfetta...quasi ipnotizzante!Ho visitato il sito internet e mi par di aver capito che nn è una storia vera...peccato!Ma in fondo potrebbe esserlo, perchè è esattamente questo che succedeva all'epoca e sicuramente ci saranno state tante Mary Newbury,alcune tanto decise da riuscire a fuggire,altre no.Un libro che ti fa immedesimare completamente nella storia,tanto da nn voler che finisca!Stamattina ero quasi dipiaciuta al pensiero che mi mancavo poche pagine!Lo consiglio a tutti!E' uno di quei libri che ti restano dentro,come soltanto altri 2 fin'ora son riusciti a farlo per quel che mi riguarda: "Il diavolo e la signorina Prym" di Paulo Coelho e "L'uomo che non poteva morire" di Timothy Findley.Temo di restare delusa dal seguito, ma credo che lo prenderò cmq,perchè son troppo curiosa!LEGGETELO!!!Complimenti all'autrice!Credo anche che manderò un'e-mail all'indirizzo che compare alla fine del libro,per complimentarmi e avere informazioni.

Vedi tutte le 85 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione