Vicino al cadavere - Stuart MacBride - copertina

Vicino al cadavere

Stuart MacBride

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Francesca Noto
Collana: Gli insuperabili
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
In commercio dal: 5 marzo 2015
Pagine: 476 p., Rilegato
  • EAN: 9788854174436
Salvato in 8 liste dei desideri

€ 3,19

€ 5,90

Punti Premium: 3

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il primo corpo è incatenato a un palo: strangolato e pugnalato, con uno pneumatico che ancora brucia intorno a quel che resta del collo. Si tratta di un'esecuzione della malavita o di qualcosa di molto più complesso? Qualcuno sta lasciando piccoli frammenti di ossa fuori della roulotte dell'ispettore Logan McRae, ma lui pensa di avere cose più urgenti cui pensare. Bande di narcotrafficanti rivali sono in lotta per il controllo del territorio, una coppia di adolescenti è scomparsa, qualcuno sta mutilando immigrati asiatici con strani, orripilanti rituali stregoneschi e Logan deve pure fare i conti con una nuova e ambiziosa detective, con una montagna di scartoffie, e con la sgradita attenzione sia da parte dei superiori che dei boss della criminalità locale. Per non parlare del suo capo diretto, la sguaiata, offensiva, perennemente urlante, irresistibile commissario capo Steel. Quando un altro corpo viene ritrovato, le somiglianze tra i vari omicidi non possono più essere ignorate. E forse quei frammenti di ossa legati con un grazioso nastrino sono più importanti di quanto sembrino...
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3
di 5
Totale 3
5
1
4
0
3
0
2
2
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Freedom

    22/09/2017 20:55:54

    L'ho trovato piacevole con il solito connubio tra ironia e durezza tipico dell'autore. Consiglio tutti i suoi libri agli amanti del genere

  • User Icon

    Vittorio

    18/11/2016 14:48:51

    Poco comprensibile, a volte noioso, con pochi colpi di scena, lo rendono uno dei piu' brutti libri scritti da Stuart MacBride....L'ho appena finito e gia' l'ho dimenticato!!

  • User Icon

    zombie49

    14/07/2016 01:31:52

    Ad Aberdeen, in un cimitero di automobili è trovato il cadavere di un uomo, pugnalato, strangolato e bruciato, incravattato a uno pneumatico ancora in fiamme. Non è l'unico caso di cui si deve occupare l'ispettore McRae: una coppia di adolescenti è scomparsa, e degli immigrati asiatici sono massacrati di botte, forse in una faida x il controllo della droga. Sono presto scoperti altri corpi, torturati con inquietanti riti stregoneschi. Lo spunto è interessante, ma la storia è lentissima e confusa, con troppi personaggi, digressioni inutili e prolisse, tanto da assomigliare a un puzzle con tessere mancanti. Sono troppe le pagine dedicate ai battibecchi tra gli agenti di polizia, pigri, inetti, occupati sempre a mangiare, bere, fumare, lamentarsi dei superiori, con un linguaggio volgare e infantile. Un episodio disgustoso ed espressioni colorite possono rendere il racconto più realistico ma McBride esagera, trasformando i suoi protagonisti in sgradevoli caricature. Ripetere a ogni frase che l'ispettrice Steel ha il viso rugoso, fuma sigarette elettroniche, si tocca continuamente i pantaloni e il seno è esasperante e fa venir voglia di urlare "Ho capito!". Tutti i personaggi, anche quelli di contorno, sono spiacevoli e volgari nell'aspetto, nel linguaggio, nei modi, l'ambientazione urbana è desolata, sporca, decadente, tanto da essere poco realistica e suscitare fastidio. MacBride narra una storia a metà tra commedia di costume e giallo horror kitsch e splatter, che lascia una sensazione d'incompiutezza. Troppi riferimenti a situazioni precedenti rendono poco comprensibile il racconto a chi non abbia letto gli altri romanzi sull'ispettore McRae. McBride sa scrivere pagine di tensione straordinaria, nelle descrizioni dei pensieri e del comportamento del killer, e nelle poche scene di azione, ma sono tanti, troppi, gli episodi inutili e irrilevanti, le battute di gossip da avanspettacolo.

  • Stuart MacBride Cover

    Stuart Macbride ha svolto molti lavori, da addetto alle pulizie a sviluppatore di applicazioni per l’industria del petrolio. La Newton Compton ha pubblicato in Italia i suoi thriller "Il collezionista di bambini" (Barry Award come miglior romanzo d’esordio), "Il cacciatore di ossa" e "La porta dell’inferno", con protagonista il sergente Logan McRae. Nel 2013 Newton Compton ha pubblicato anche "Cartoline dall'inferno", romanzo che ha per protagonista il detective Constable Ash Henderson, e "La stanza delle torture". Stuart ha ricevuto nel 2007 il prestigioso premio CWA Dagger in the Library, per l’insieme delle sue opere, e nel 2008 l’ITV Crime Thriller Award come rivelazione dell’anno. Vive nel nord-est della Scozia con sua moglie Fiona. Il... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali