Villette

Charlotte Brontë

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Simone Caltabellota
Editore: Fazi
Collana: Le porte
Anno edizione: 1996
In commercio dal: 1 gennaio 1996
Pagine: XXX-646 p.
  • EAN: 9788881120130

€ 9,76

€ 18,08
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,33
di 5
Totale 3
5
1
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    dani70

    28/05/2014 12:16:15

    "Lucy Snowe è una donna che, cercando la felicità, impara a sopportarne l'assenza". Questa affermazione dice tutto sulla protagonista del romanzo nel quale si avverte tristezza e rassegnazione. Ma si avverte anche tanta voglia di vivere, e di amare. Quella fra Lucy ed Emanuel è una grande storia d'amore che rispetta le loro diversità, e questo fa grande il romanzo. Ho trovato un po' troppo lenta la prima parte, ma la seconda e la terza parte sono state molto intense.

  • User Icon

    Roberta

    17/09/2012 10:00:59

    Questo racconto e' l'ultimo romanzo della Bronte ed e' l'unico che non si conclude con il matrimonio da parte della protagonista. In piu' e' stato scritto in un momento molto doloroso per l'autrice avendo perso in poco tempo il fratello e le sorelle. Il romanzo nasce da un'insieme di vari sentimenti: lotta, rassegnazione, debolezza e coraggio. Villette e' un luogo di speranza e di perdita dove Lucy Snowe, il personaggio principale della storia, spera di trovare conforto da un'esistenza gia' molto provata. E'una storia triste, e l'autrice si dilunga molto sui pensieri che affollano la sua mente, ma e' un libro che mi ha preso ed emozionato al tempo stesso.

  • User Icon

    joey

    02/06/2001 14:59:23

    "Villette"è l'ultimo frutto prodotto dalla fervida mente di Charlotte Bronte,l'unico in cui la brutalità della vita reale e il fato capriccioso riescono a penetrare.Soprattutto nelle pagine conclusive,quando tutto sembra risolversi e la felicità trionfare,quando il male sembra essere superato e la porta dorata dell'amore aperta...Charlotte ci riporta alla dura realtà lasciando che calde lacrime righino il nostro volto,ma ci rimane qualcosa:la speranza;si,il nostro inestimabile tesoro dinnanzi le avversità.Con "Villette" la Bronte ci dice "addio" e lo fa in modo magistrale.

  • Charlotte Brontë Cover

    Scrittrice inglese. Figlia di un ecclesiastico irlandese, nel 1820 si stabilì con la famiglia a Haworth, nella regione delle brughiere. Fin dall’infanzia Charlotte, lasciata sovente a se stessa, insieme con le sorelle Emily e Anne e al fratello Branwell, creò con loro un mondo immaginario, sul quale i ragazzi costruirono complicati cicli di storie infantili. Studiò in modo irregolare presso due collegi, nel secondo dei quali tornò poi come insegnante dal 1835 al 1838. Dopo aver lavorato per un breve periodo come istitutrice, si recò a Bruxelles e qui, nel 1843, insegnò in una scuola. Tornata a Haworth, nel 1854 sposò il coadiutore del padre, A.B. Nicholls, e cominciò a scrivere romanzi: il primo, Il professore (The professor), fu... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali