Editore: Aliberti
Collana: Clio
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 24 febbraio 2011
Pagine: 277 p., Brossura
  • EAN: 9788874247127
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

Uccidere una persona significa sopprimere un mondo intero. Un mondo pieno di gente che da quel momento è condannata all'ergastolo del dolore. Vittime. Una volta e per sempre. Perché quel male si attacca al cuore e peggiora quando, come troppo spesso accade, a quell'ingiustizia se ne aggiungono altre. Cosa possiamo fare noi per loro? Perché lo sguardo della legge e della società riserva maggiori tutele ai colpevoli? Questo libro contiene i dialoghi con i parenti di chi è stato strappato prematuramente alla vita: Paola Pellinghelli, mamma del piccolo Tommaso Onofri, i parenti delle Vittime della Uno bianca, che dopo vent'anni soffrono ancora. E altri uomini e donne che, con quel poco che rimane di un'esistenza spaccata, lanciano un grido: non dimenticatevi di noi. La giustizia è un nostro diritto!

€ 14,02

€ 16,50

Risparmi € 2,48 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    erina

    03/05/2011 22:57:35

    ....la scelta ragionata o meno di un istante, ha ridotto a nulla tutto quello che una persona e la sua famiglia avevano fatto fino a quel momento....una candela spenta....perchè ha soffiato troppo forte il vento....ma una vita non è una candela....e non basta un colpo di vento per spegnerla....Ho letto il libro, ho pianto, sofferto e rivissuto, leggendo la testimonianza di Walter Zara, il dramma della scomparsa di mio figlio Giuseppe, mi sono straziata nel racconto di Paola Pellingelli, mamma del piccolo Tommaso Onofri. Un doveroso ringraziamento alla scrittrice Barbara Benedettelli, che con grazia, e professionalità è riuscita a immedesimarsi e descrivere tanto dolore.

Scrivi una recensione