Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Warehouse:Songs and Stories - CD Audio di Husker Du

Warehouse:Songs and Stories

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Husker Du
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Warner
Data di pubblicazione: 18 novembre 1992
  • EAN: 0075992554428
Salvato in 6 liste dei desideri

€ 13,50

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

spinner

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 13,50 €)

Disco 1
1
These important years
2
Charity, chastity, prudence, and hope
3
Standing in the rain
4
Back from somewhere
5
Ice cold ice
6
You're a soldier
7
Could you be the one?
8
Too much spice
9
Friend, you've got to fall
10
Visionary
11
She floated away
12
Bed of nails
13
Tell you why tomorrow
14
It's not peculiar
15
Actual condition
16
No reservations
17
Turn it around
18
She's a woman (and now he is a man)
19
Up in the air
20
You can live at home
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alex Lugli

    07/05/2009 11:01:34

    Gli Hüsker Dü erano un gruppo musicale Hardcore-Punk statunitense, che è stato fondamentale per la storia del rock. Il nome (senza umlaut) significa "Ricordi?" in Danese/Norvegese. "Warehouse: Songs And Stories" è l'ultimo album ufficiale del gruppo, pubblicato nel gennaio 1987 dalla Warner Bros. Nella versione a 33 giri è uscito come album doppio. Canzoni memorabili come l'iniziale "These Important Years", passando per perle come "Back From Somewhere", la celeberrima "Ice Cold Ice", "Could You Be The One?", "Too Much Spice", "Visionary", "She Floated Away", "It's Not Peculiar", "Turn It Around" e la conclusiva "You Can Live At Home", sono tutte gioielli inestimabili di Alternative Rock dalle trame musicali/strumentali e liriche emozionali e rilevanti, dal contenuto unico e trasversale. Bob Mould alla voce e chitarra è fenomenale e capace di trasmettere sensazioni forti e tangibili, non da meno Grant Hart, batteria e voce, geniale in alcune sue composizioni magnifiche; infine Greg Norton al basso è preciso e potente. In conclusione siamo di fronte ad un gioiello assoluto, assieme a "Zen Arcade" (1984) il capolavoro della Band ed uno degli album più belli ed influenti della scena alternativa di tutti gli anni '80.

Note legali
Chiudi