Categorie

€ 9,99

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    stefano manferlotti

    02/10/2011 12.37.25

    Il tema dell'emigrazione, come qualsiasi tema di un'accentuata rilevanza, può essere trattato in vari modi. Secondo una prospettiva neorealista, per esempio. Così ha fatto Crialese in "Terraferma", un film molto modesto perchè oleografico (la straripante avvenenza dei protagonisti, per dirne una, ne fa altrettanti santini) , banale, buonista nel senso più scontato del termine, per giunta interpretato maluccio. Potrebbe andare bene per la televisione. O secondo modalità che ne colgano i valori simbolici e scelgano quindi l'allusione, e ritmi che assecondino o facilitino la riflessione dello spettatore. Così fa Lioret che, intrecciando al tema dell'emigrazione quello della malinconia per un'assenza imposta dal un destino che è al tempo stesso individuale e collettivo e il mito dell'amore sventurato (qui, evocativo della storia di Ero e Leandro) confeziona un piccolo grande film di intensa suggestione.

  • User Icon

    alex

    01/09/2010 15.38.39

    Non lo so.. sarò superficiale ma io, nonostante il tema così delicato, l'ho trovato noioso e scarno.. un po' il solito film francese realizzato con 4 soldi.

  • User Icon

    Mariangela

    31/03/2010 18.53.42

    il cinema francese degli ultimi anni, già di qualità, si arricchisce di un'altra perla: WELCOME è ultimo e perfetto esempio di quel cinema disincantato, realista e reale a cui i registi francesi ci stanno abituando e che ci stanno facendo amare. Una storia apparentemente semplice quella di un ragazzo in fuga dalla guerra irachena che lotta per riuscire a raggiungere la sua ragazza a Londra.Decide di allenarsi per attraversare la Manica a nuoto,e stringe una forte amicizia, fatta di silenzi, con l'istruttore di nuoto Simon.... storia semplice appunto, ma fatta di varie sfumature, che offre una miriade di spunti di riflessione per interpretare la triste realtà in cui viviamo, una realtà in cui ognuno ha i suoi bei tappeti all' ingresso, con la sfavillante scritta "Welcome", e poi non riesce a non coltivare tremendi sentimenti di disprezzo, o peggio di odio e paura, nei confronti di stranieri e minoranze di ogni genere. Il "Benvenuti" rimane purtroppo sempre "sotto le scarpe"..... Il film rende chiari ai nostri occhi comportamenti che troppe volte accettiamo, o non notiamo e riteniamo normali, e peggio ancora smaschera la politica (francese in questo caso, ma è metafora di tutta europa) per quella che è in realtà. concordo con il commento di Lalla, dopo aver visto "WELCOME" ci si sente parte di una società in cui qualcosa seriamente non va come dovrebbe, parte di un mondo malato.... Concludo con una citazione, una frase della ex moglie a Simon, che spero di ricordare bene : "Abbiamo cominciato a caccirali dai supermercati...sai cosa succede dopo o hai bisogno che ti porti un libro di storia?"

  • User Icon

    Lalla

    19/03/2010 14.37.55

    Un film che và diritto al punto, senza fronzoli di sorta. Lo vedi e ti senti parte di un meccanismo rivoltante. Lo consiglio soprattutto ai leghisti....

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione
  • Produzione: Cecchi Gori Home Video, 2010
  • Distribuzione: CG Entertainment
  • Durata: 110 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Francese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Contenuti: foto; trailers; filmografie; dietro le quinte (making of)