Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Wolfgang Amadeus Mozart. Il ratto del Serraglio. Die Entführung aus dem Serail (DVD) - DVD di Wolfgang Amadeus Mozart,Edita Gruberova,Francisco Araiza,Karl Böhm

Wolfgang Amadeus Mozart. Il ratto del Serraglio. Die Entführung aus dem Serail (DVD)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Direttore: Karl Böhm
Supporto: DVD
Numero supporti: 1
Etichetta: Deutsche Grammophon
  • EAN: 0044007340752
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 17,90

Venduto e spedito da Music Store

spinner

Disponibilità immediata

Solo 1 prodotto disponibile

+ 6,90 € Spese di spedizione

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 12,49 €)

Singspiel in tre atti di Wolfang Amadeus Mozart, su libretto di Gottlieb Stephanie il giovane.

Personaggi
Selim, pascià (recitante)
Costanza, amante di Belmonte (soprano)
Bionda, cameriera di Costanza (soprano)
Belmonte (tenore)
Pedrillo, servitore di Belmonte e guardiano dei giardini (tenore)
Osmino, guardinao della villa del pascià (basso)
Klaas, marinaio (recitante)
Coro (Giannizzeri)

Atto I
Davanti al palazzo di Selim pascià. Il nobile spagnolo Belmonte, in cerca dell'amata Costanza, che con la cameriera Bionda e il servo Pedrillo è stata rapita dai pirati, è giunto davanti al palazzo di Selim. Chiede subito informazioni a un turco intento a cogliere fichi, e che altri non è che Osmino, custode dell'harem di Selim. Osmino risponde a stento alle domande di Belmonte. Innamorato di Bionda, salta su tutte le furie alla vista di Pedrillo che sa più fortunato di lui. Uscito Osmino, il ritrovato Pedrillo dà a Belmonte tutte le notizie richieste e soprattutto lo rassicura: Costanza non ha ceduto a Selim. Poi Belmonte si nasconde: sta infatti giungendo Selim insieme a Costanza, salutato da un coro di giannizzeri. Il pascià si rivolge a Costanza, lagnandosi che ella non ricambi il suo amore. COstanza gli parla del suo Belmonte. Uscita Costanza, si fa avanti Pedrillo presentando al pascià Belmonte come un famoso architetto, e Selim lo assume subito. Così, a dispetto di Osmino, Belmonte entra nel palazzo.
Atto II
In un giardino, Bionda litiga con Osmino che l'ha corteggiata con troppo ardore e protesta di non essere una schiava da harem. Arriva Costanza, così malinconica che Bionda riesce a stento a rincuorarla. Costanza rimane sola con Selim, che ammira la sua virtù ma infuriato le impone di scegliere l'indomani tra lui e la morte. Costanza canta la sua fedeltà all'amato. Usciro Selim, arriva Pedrillo con la notizia che Belmonte è nel palazzo e sta apprestando la fuga. Segue una scena in cui Pedrillo riesce a far bere a Osmino del vino drogato addormentando così lo stizzoso custode. Le due coppie studiano il piano di fuga.
Atto III
Di notte, in uno spiazzo davanti all'harem. Belmonte e Pedrillo giungono con una scala e Pedrillo dà il segnale della fuga. Ma Osmino si è svegliato e con l'aiuto delle guardie li cattura tutti e quattro. Si scopre che Belmonte è figlio del peggior nemico di Selim e i fuggitivi abbandonano ogni speranza. Ma Selim è uomo magnanimo e lo dimostra lasciandoli liberi, con gioia di tutti, eccetto ovviamente dello stolido Osmino. Racconti dunque Belmonte a suo padre come Selim perdoni, e se ne vada con la sua Costanza sulla nave che verrà messa a loro disposizione.

(fonte: Enciclopedia della Musica Garzanti)
  • Wolfgang Amadeus Mozart Cover

    Compositore austriaco. Il «bambino prodigio». i primi viaggi a monaco, parigi e londra. Il padre Leopold era maestro di cappella presso il principe arcivescovo di Salisburgo quando Wolfgang nacque, il 27 gennaio. Prima ancora di imparare a leggere e a scrivere, il piccolo M. rivelò prodigiose doti musicali, tanto che a quattro anni già suonava il clavicordo e a cinque componeva minuetti che il padre trascriveva. Anche la sorella Marianna, detta Nannerl, di cinque anni maggiore, suonava il clavicembalo con grande abilità; cosicché Leopold, perseguendo tenacemente l'educazione musicale dei figli, pensò di metterne subito a frutto le qualità precoci. Nel gennaio 1762 Leopold si recò con la famiglia alla corte dell'elettore di Monaco di Baviera, dove i due piccoli musicisti tennero concerto, suscitando... Approfondisci
  • Edita Gruberova Cover

    Soprano slovacco. Gli studiosi viennesi l'hanno consacrata cantante di scuola tedesca, specializzata nel repertorio lirico leggero, fino alla più ardua coloratura. In seguito si è accostata al belcantismo italiano. La purezza cristallina del timbro sovracuto e la perfezione tecnica dei passaggi di agilità ne hanno fatto l'interprete per eccellenza di ruoli come Zerbinetta dell'Arianna a Nasso e la Regina della notte del Flauto magico. Approfondisci
  • Karl Böhm Cover

    Direttore d'orchestra austriaco. Fu direttore stabile a Monaco, Darmstadt, Amburgo, Dresda (1934-43), Vienna (1943-45 e 1954-56), e ospite dei maggiori teatri e delle maggiori istituzioni sinfoniche del mondo. Chiamato a ventisette anni a Monaco da Bruno Walter, che lo volle presso di sé al Nationaltheater, B. ne assimilò la grande lezione interpretativa, applicata segnatamente al repertorio classico, romantico e tardoromantico tedesco, conservando tuttavia un gusto personale per i contrasti netti, per una dinamica nervosa e talvolta esuberante, che conferiva alle sue esecuzioni un che di anticonvenzionale. Accanto ad autori quali Mozart, Beethoven, Schubert, Brahms, egli mostrò di sentire particolarmente congeniale il contemporaneo Richard Strauss, del cui sinfonismo... Approfondisci
Note legali