Categorie
Traduttore: T. Albanese
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2009
Pagine: 347 p. , Brossura
  • EAN: 9788804584766

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Pino Chisari

    07/11/2013 09.04.20

    Trasuda violenza. D'altra parte, raccontando del Sud Africa post apartheid è quasi inevitabile. E l'autore è molto bravo a scrivere, tanto che il paragone con Ellroy indicato in copertina gli calza a pennello. Tuttavia, alla lunga, stanca. E diventa piuttosto complicato seguirlo. Infatti non sono riuscito a finirlo: non lo reggevo più.

  • User Icon

    Ross

    22/11/2012 18.13.13

    A chi non conosce l'Africa la storia narrata può apparire eccessiva (troppo violenta, troppo cruda, troppo triste) ma tutto il continente africano è "troppo" nel bene e nel male, quindi accettiamo il fatto che non stiamo leggendo un depliant turistico, ma un romanzo noir ambientato in Sud Africa. Il ritmo incalzante e la scrittura scorrevole (qualche ingenuità nella caratterizzazione dei personaggi)ne fanno un libro interessante, anche se...c'è di meglio. Comunque sia, lettura consigliata.

  • User Icon

    rasa

    04/11/2012 17.27.54

    La storia è molto ben costruita. L'ambientazione, i cenni storici, i problemi della società sudafricana e delle forze dell'ordine condiscono una trama da paura. Situazioni molto truci e sanguinolente lo rendono adatto ad un pubblico "forte". Bravo Caryl.

  • User Icon

    Cadmio

    06/06/2012 18.15.52

    Noir (all'inizio più giallo che "nero") dall'ambientazione atipica e ingombrante. Il sudafrica è il vero protagonista del libro: ne viene raccontata la storia e il presente fatto di violenza e criminalità dilagante. La storia è un po' troppo abbozzata, con passaggi narrativi non proprio riusciti. Leggibile (e anche in fretta) ma, a parte la paura che infonde il Paese sudafricano, non lascia molto.

  • User Icon

    dany

    29/01/2012 23.13.21

    Un libro sorprendente. Letto in una giornata gelida e nevosa che mi ha magicamente portato in un paese dove le temperature nel deserto arrivano a 50°. Ma anche un hard-boiled spietato che a volte sconfina in uno splatter senza speranza. Interessanti excursus storici per chi ha seguito la soria dfell'apartheid. L'Inkatha di Buthelezi, Desmond Tutu, l'ANC di Mandela, Steve Biko, il periodo della riconciliazione. E tutti i conflitti interetnici. Interessante, coinvolgente, molto sui generis. E senza il solito happy end. Un autore da tenere d'occhio con la speranza che pubblichino al più presto gli altri suoi libi. Leggetelo, vi sorprenderà.

  • User Icon

    mirko

    06/06/2009 11.58.16

    grandissimo romannzo, prima volta in vita mia che leggo un noir, personaggi costruiti in modo esemplare, storia avvincente, descrive appieno la violenza del sud africa. un autore da tenere d'occhio perchè ha un potenziale enorme. bellissimo

  • User Icon

    A-Man

    14/05/2009 11.57.59

    Primo libro che leggo di questo autore,spero che in Italia vengano pubblicati anche i precedenti. Buon noir,adatto a chi ama pagine molto forti,prsonaggi molto ben delineati e tangibili,scrittura molto cruda che non lascia campo all'immaginazione.Ben descritta e particolareggiata l'attuale situazione del Sud Africa un paese allo sbando dove fanno da padroni,la violenza,droga e mafie varie.Credo personalmente che sarebbe opportuno ripensare a trasferire i prossimi mondiali di calcio in un'atro paese.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione