1934 - Alberto Moravia - copertina

1934

Alberto Moravia

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Bompiani
Collana: Tascabili
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
In commercio dal: 12 luglio 2006
Pagine: XXVI-271 p., Brossura
  • EAN: 9788845256776
Salvato in 8 liste dei desideri

€ 4,81

€ 8,90
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Lucio, un giovane intellettuale antifascista per indole e per scelta, arriva a Capri in una giornata già estiva del giugno 1934 dibattendo in se stesso la dimensione esistenziale della disperazione e della necessità, per vivere, di "stabilizzarla". L'incontro casuale con una donna tedesca, Beate, lo aiuterà a superare l'immobilismo della sua condizione, a chiarire i suoi desideri e a operare una consapevole scelta di campo. In esemplare equilibrio tra cornice storica e vicende individuali, "1934" è certamente un'opera che cattura l'interesse del lettore e rimane impressa nella coscienza.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,17
di 5
Totale 6
5
4
4
1
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Rosario

    20/01/2020 07:54:44

    Un altro libro di Moravia dove la scrittura procede piana e senza intoppi nel narrare una vicenda intima dove disquisizioni filofiche, erotismo e una pagina buia della nostra storia si intrecciano in un perfetto equilibrio. Un libro non meno prezioso della "Noia" o degli "Indifferenti".

  • User Icon

    Giusy

    16/01/2012 11:32:18

    Grandissimo libro!! Intellettuale, coinvolgente, fantastico, e tant'altro!! .. come ... solo Moravia PUO'! ...

  • User Icon

    miki

    26/03/2010 10:22:40

    no!!!non mi è piaciuto per niente...una noia assurda,non sono nemmeno arrivato alla metà!!mille volte meglio la ciociara o gli indifferenti!!

  • User Icon

    francesco

    07/02/2009 22:10:22

    EMERGE A MIO PARERE IN QUESTO ROMANZO LA IMPREGGIABILE ABILITA' DI MORAVIA DI FONDERE IMMAGINAZIONE E REALTA' IN MODO MIRABILE.NOTEVOLI LE DIGRESSIONI LETTERARIE,INTERESSANTI LE CITAZIONI ARTISTICHE DI DURER,IL CONTESTO STORICO E' PERFETTAMENTE INDIVIDUABILE ,LA SCENOGRAFIA SUGGESTIVA, FORZANDO L'INTERPRETAZIONE SI POTREBBE ADDIRITTURA GIUNGERE AD INTRAVEDERE GERMI DI SATIRA LUSSUREGGIANTE AVVERSO IL REGIME NAZISTA DIPINTO COME SCHELETRICA MACCHINAZIONE TEATRALE SCHIZOIDEA DI PARRUCCONI ANACRONISTICI,CONTRADDITTORI...I PERSONAGGI RECITANO ALLA PERFEZIONE LA LORO PARTE FINO ALLA FINE,OVE IL PIACERE LI INCHIODERA' ALL'ETERNITA' ED IL LETTORE RIMARRA' COME SEMPRE INTRIGATO DA QUESTO SUPERBO SCRITTORE.

  • User Icon

    giorgio

    22/01/2007 18:58:02

    Romanzo incredibilmente bello, pervaso di una sublime melancolia che aiuta ad accettare la vita così come è.

  • User Icon

    Pino Laface

    13/07/2006 13:59:31

    Un romanzo meraviglioso, descrizioni di posti e caratteri assolutamente magistrali. Uno dei libri meno conosciuti di Moravia, uno dei più belli. Leggere per credere.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
  • Alberto Moravia Cover

    Alberto Moravia esordì giovanissimo pubblicando, a sue spese, il primo romanzo, Gli indifferenti (1929). Penetrante e spietato ritratto della borghesia italiana agli inizi del fascismo, l’opera rivelò immediatamente, nella incisività di una prosa secca e analitica, la maturità di uno scrittore capace fin da allora di far tesoro delle diverse lezioni dei grandi modelli europei, dalla oggettività di De Foe alla problematicità dei romanzieri russi (specie Dostoevskij), al realismo tipologico dei francesi dell’Ottocento. Il romanzo, accolto con ostilità dalla cultura fascista che ne proibì la diffusione, fu salutato con entusiasmo solo da pochi critici accorti (Borgese, Pancrazi, Solmi).M. cominciò poi a collaborare a riviste... Approfondisci
Note legali