1940-45 guerra e società nella provincia di Torino

Curatore: B. Maida
Editore: Blu Edizioni
Collana: Storia e memoria
Anno edizione: 2007
Pagine: 336 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788879040273
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Descrizione
Lo sfollamento, le stragi, le distruzioni, i processi di formazione della memoria pubblica sono i quattro temi affrontati in questo volume, nel tentativo di offrire una lettura della società e della vita al tempo della guerra nella provincia di Torino capace di indagare, innanzitutto, la dimensione esistenziale e i percorsi culturali e umani di uomini e donne che vissero quelle esperienze. La guerra combattuta e la Resistenza costituiscono quindi lo sfondo naturale della narrazione e il basso continuo di storie che hanno in comune il complesso rapporto tra Stato e società,l'esperienza della violenza, la drammaticità e la complessità delle scelte individuali. Ne deriva un intreccio storiografico che, pur puntando il proprio sguardo sulla dimensione territoriale della provincia torinese, si caratterizza per continui sconfinamenti sia per la complessità degli itinerari individuali e collettivi sia per i temi e per gli approcci metodologici utilizzati.

€ 4,45

€ 8,90

Risparmi € 4,45 (50%)

Venduto e spedito da IBS

4 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 8,90 €)

 
 
 

A partire dai primi anni novanta si è assistito a un rinnovamento della storiografia sulla guerra di Liberazione, passata dallo studio delle vicende propriamente politico-militari all'impatto da queste avuto sulla società. Ne è derivata la riscoperta di una pluralità di temi: gli spostamenti territoriali della popolazione, le privazioni sopportate, l'irrompere nella quotidianità di una violenza diffusa, esercitata direttamente sui civili da tutti i contendenti in campo (anche se in forme qualitativamente diverse) in maniera storicamente inedita. Tutto ciò accompagnato dal divenire la memoria di quelle vicende oggetto privilegiato di studio e da una rinnovata attenzione al rapporto fra la loro dimensione locale e il quadro nazionale e internazionale. Sono queste le coordinate in cui vanno inseriti i saggi che compongono questo libro, che, pur concentrandosi sui venti mesi dell'occupazione tedesca, molto opportunamente ne rintraccia i legami con il periodo immediatamente precedente, gli anni della guerra fascista spesso rimossa dalla memoria nazionale, e con quello successivo, in cui affiora l'impossibilità di elaborare, tanto a livello nazionale quanto a livello delle comunità locali, una memoria condivisa delle vicende belliche, oggetto del saggio di Nicola Adducci e Giuliana Minute. Ai saggi di Barbara Berruti, che affronta la storia delle stragi naziste nella provincia di Torino, e a quello che Enrico Miletto dedica all'impatto della guerra sulle comunità della valli di Susa e di Lanzo, fa da premessa il saggio assai articolato di Stefano Musso e Manuela Lanari sulla mobilità della popolazione negli anni di guerra, in cui gli autori sottolineano l'incapacità del regime di governare efficacemente il fenomeno dello sfollamento. Di non minore importanza la sezione fotografica curata da Luciano Boccalatte e Adrea D'Arrigo.
  Cesare Panizza