24 Capricci

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Niccolò Paganini
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Tactus
Data di pubblicazione: 17 novembre 2014
  • EAN: 8007194200270
Salvato in 1 lista dei desideri
«L’elettricismo che provo nel trattare la magica armonia […]» così scrive Paganini il 15 gennaio 1832 in una lettera all’amico Luigi Guglielmo Germi; nessuna definizione potrebbe spiegare meglio il temperamento musicale paganiniano. Queste le parole di Schubert dopo un concerto tenuto da Paganini: «ho udito la voce di un angelo»; e quelle di Liszt: «quanta passione quante sofferenze in quelle 4 corde […]». Come possiamo noi oggi immaginare l’arte di Paganini, a tanta distanza di tempo, se non facendo riferimento alle impressioni dei suoi contemporanei, di coloro che ebbero l’opportunità di vederlo, di ascoltarlo, di emozionarsi? La ricerca di un’esecuzione che tenti di avvicinarsi il più possibile alla magia dei concerti “dal vivo” del grande genovese non può che partire da qui. Per tentare l’impresa, cioè tornare indietro di due secoli, occorre aggiungere ai legni, al crine, alle corde, una lettura attentissima alle indicazione lasciateci da Paganini sulla partitura (così raccomandava A. Grumiaux) e il talento di un virtuoso oggi, nella sensata speranza che il talento sia meno soggetto alle dure leggi del tempo e possa trovare un’altra via per riportare nel nostro presente i capolavori del passato.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Niccolò Paganini Cover

    Violinista e compositore. A tredici anni, già ferrato nella tecnica violinistica, fu inviato a perfezionarsi in composizione a Parma con Ferdinando Paër. Nel 1797 iniziò la carriera concertistica e, insieme, una vita irrequieta e disordinata, ricca di avventure sentimentali e di disavventure economiche e giudiziarie (che non gli impedirono, comunque, alla sua morte, di lasciare al figlio avuto dalla danzatrice Antonia Bianchi un ingente patrimonio; mentre il suo prezioso Guarneri del Gesù fu ereditato dalla città di Genova). Nel 1810 era ormai un virtuoso senza rivali non solo nel violino, ma anche nella chitarra. Dopo aver raccolto trionfi in tutte le principali città italiane, nel 1828 intraprese una gloriosa tournée a Vienna, Praga, Varsavia e Berlino e, dal 1831, anche a Parigi e Londra.... Approfondisci
Note legali