Recensioni 2666

  • User Icon
    17/01/2021 15:56:44

    2666 è un monolite caduto sulla terra da chissà dove. Uno di quei pochissimi libri per cui varrebbe davvero l'etichetta di "inclassificabile" . Sfrenato, ambizioso, labirintico come nessun altro, questo "romanzo di non-fantascienza" (così il sottotitolo originariamente scelto dall'autore, poi inspiegabilmente cassato in tutte le edizioni critiche) è una rappresentazione magnifica del futuro come luogo di rovesciamento violento di ogni utopia e della letteratura come progressiva rarefazione. Dal deserto del Sonora al Reich, una fiera della crudeltà senza fine che però, ed è talento unico di Bolaño, non smette di avvolgere e sedurre con il suo incanto.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    02/12/2020 15:06:27

    Rischiando, mi sono avvicinata a Bolano da questo tomo imponente che ho divorato in pochissimi giorni per quanto mi ha preso lo stile del suo autore. Solo con Dostoevskij mi era capitata una tale passione trascinante e improvvisa. Entrare in così tante vite, essere in tanti paesi diversi - tra cui il Messico così affascinante e terribile nella sua crudeltà -, attraversare tante epoche in cinque storie autonome, ma strettamente collegate tra loro, non capita mai in un unico libro. Ed esserci trascinati da uno stile unico, ora asciutto, ora onirico, ma sempre travolgente sia che descriva l’orrore, sia che parli di critica letteraria. Un solo rimpianto: che l’autore ci abbia lasciato troppo presto e che questo sia il suo capolavoro postumo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    03/09/2020 10:42:41

    Sicuramente non per tutti, personalmente l'ho trovato molto più scorrevole di altri "mattoni" simili: Underworld di De Lillo, l'Arcobaleno della gravità di Pynchon, Infinite Jest. E' stato il primo libro di Bolano che abbia mai letto, senza pregiudizi né positivi né negativi, lo comprai giusto per la copertina, per la mole e per il titolo. Non tutti i cinque romanzi contenuti n 2666 mi sono piaciuti allo stesso modo però la parte dei critici, quella degli omicidi e l'ultimo romanzo mi colpirono molto all'epoca. Non aspettatevi un intreccio coinvolgente, il senso di mistero e di orrore che pervadono tutto il racconto a mio avviso bastano per incitare alla lettura. Senza contare che, come ha già detto qualcuno, Bolano è talmente bravo con la penna che, dopo aver letto qualcosa di suo, vorrete anche voi mettervi a scrivere e questo secondo me è il più bel complimento che si possa fare ad un autore

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    15/06/2020 08:58:53

    Al termine della faticosissima snervante lettura vari sentimenti s’accavallano, litigiosi ognuno nel tentativo di prevalere sugli altri, alla fine prevale quello della rabbia, prevale sulla noia e il senso di spreco, sì, per cotanto talento sprecato. Perché il primo capitolo comunque è piacevole, pervaso da una sottile ironia, certo a tratti un po’ prolisso ma ci sta: i protagonisti, critici letterari, vivono di parole, come negargliele? Poi la doccia fredda del secondo capitolo, un macigno sullo stomaco, quei precedenti segnali premonitori che qui trovano ripetuta pervicace conferma. Un lieve, lievissimo miglioramento nel terzo capitolo, ma il quarto è la tomba d’ogni speranza. Per capirci, non disdegno gli autori verbosi, anzi, ma quando affronti Faulkner, Gadda, Frenzen, Foster Wallace, il Joyce di Ulisse, tanta verbosità s’intuisce che ha un fine e al termine del cammino, anche se (forse) storditi, si gode della ricchezza acquisita. In 2666 no, è il festival dell’inutilità, del senza o pochissimo senso. Per poter affrontare queste poche righe, basti dire, mi sono dovuto prima disintossicare: un Busi, un paio di Vargas Llosa, un Arbasino piccoletto ma sostanzioso, la prima Di Grado, ecco, va meglio, giusto per avere la conferma di non essere soli al mondo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    04/06/2020 22:00:25

    Questo libro è stata una grandissima delusione. Lettura difficile, a tratti estenuante. Capisco che è un'opera incompiuta, ma ho sperato fino alla fine che succedesse davvero qualcosa che mi facesse cambiare opinione, e invece no.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    16/05/2020 21:49:26

    Si avverte la mancanza di Roberto Bolaño in momenti come lo scorrere a perdita d’occhio di questa sublime pentalogia. Una delle caratteristiche di 2666 è la possibilità di scegliere l’ordine di lettura delle cinque grandi parti che compongono l’opera. Le storie, perfettamente connesse vicendevolmente, abbracciano l’Europa e le Americhe, i luoghi dell’Autore, e affrontano numerosi temi, in primis l’eterna lotta tra la sopraffazione e la sopravvivenza. La grandezza della scrittura, ed anche della traduzione in italiano (notevole), unita alla ricerca documentale e dei ricchissimi flashback, ne fanno un’opera narrativa memorabile e immancabile in qualunque libreria. 2666 è destinato ad essere un grande classico contemporaneo accanto a Cent’Anni di Solitudine, a Il Maestro e Margherita, a La Versione di Barney, a Herzog, a Il Giovane Holden. Il lettore vi trova la tragedia in tutte le sue forme, lirica, dramma, lutto, violenza, giustizia, nemesi, rivalsa, eroismo. La capacità di legare tutte le umanità in concerto è quanto di più rende nostalgico il lettore di un Autore che avrebbe potuto raccontare ancora tanto delle sue molteplici e umili esperienze di vita, un autore che, come sovente accade, molto tardi è stato tradotto in italiano. Non v’è giustizia senza espiazione, ma nemmeno senza il perdono. La bellezza di quest’opera monumentale è tutta nel mosaico perfetto di forza e debolezza, di vita e di morte, di amicizia e di tradimento, di curiosità e di chiusura, di esplorazione e di oblio, che i tantissimi personaggi sprigionano nelle loro febbrili vicende. Oltretutto, l’attinenza storica dei fatti narrati è quantomeno lucida e accurata. L’unica difficoltà forse è tenere in mano un volume tanto ponderoso, se di difficoltà vogliamo parlare. Qualunque sia l’ordine con cui si leggeranno i cinque libri che compongono l’opera, la tristezza nel terminare la lettura dell’ultima pagina sarà un dolore insormontabile, perché doloroso è pensare che l’Autore non ne comporrà altre.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    15/05/2020 15:00:40

    Capolavoro assoluto. Mescola qualsiasi tipo di genere, creando atmosfere indimenticabili. Imperdibile una rivisitazione del mito di Sisifo sotto forma di "flusso di coscienza", un solo periodo lungo qualche pagina senza alcun punto di interruzione.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/05/2020 11:48:32

    Il grande capolavoro di un maestro mai troppo celbrato e prematuramente scomparso. Per chi si avvicina per la prima volta alla sua opera, forse non comincerei da qui, ma dato che dovreste leggere ogni riga che ha scritto, sentitevi liberi. Le pagine scorrono leggere anche se ogni tanto vi chiederete: ma di cosa parla questo libro? Non è importante, lasciatevi trasportare e cullare dalle parole... Invidio chi ha non l'ha ancora letto..

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 17:36:46

    Avevo sentito definirlo un "libro mondo", solo leggendo però ho capito davvero il significato di questa espressione. Sono 963 pagine piene, dense, non c'è pagina in cui non ci siano informazioni, concetti. Ci sono tante storie sospese, personaggi che si perderanno tra le pagine senza che se ne sappia più nulla. Non è una lettura facile sicuramente, ma alla fine ti senti come dopo una scalata in montagna quando finalmente ti godi la vista da all'alto.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 14:11:07

    Capolavoro assoluto. Uno dei miei libri preferiti. Irresistibile l'ironia minimalista di Bolano nel raccontare la ricerca strampalata di uno scrittore scomparso, attorno al quale si impernia questa lunga storia in una meticolosa struttura ad incastro, nella quale i personaggi si intersecano rivelandosi nei diversi libri che compongono questo lavoro, ahimè, incompiuto. Vi rimane questo tremendo rammarico, ma quest'ultimo difetto non può minare minimamente il piacere che può sortire dalla lettura di questo gioiello. Imprescindibile.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    31/12/2019 12:40:17

    Basta qualche riga per entrare subito nello stato di tepore classico di Bolano. slSono così a mio agio nel creare aspettative per questo libro che preferisco non anticipare nulla, tanto è straordinaria quest'opera. L'autore per un fattore ereditario avrebbe scelto di pubblicare in cinque volumi, ma visto che si tratta di un postumo, la casa editrice ha scelto per un singolo tomo. Non fatevi ingannare dalla mole, divorerete queste pagine. Non consigliabile come primo approccio, se invece conoscete già Roberto Bolano allora sarà dura scegliere fra questo o i "detective selvaggi", probabilmente non esiste un vincitore, perché anche se di mole inferiore tutto il resto della letteratura di Bolano è imprescindibile. A mio parere. Probabilmente la cosa migliore pubblicata dal duemila in poi.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    21/09/2019 08:54:49

    Ricorderò questo romanzo per la bellezza dei personaggi, presentati magnificamente e sviluppati sia separatamente che durante momenti di compagnia. La scrittura è scorrevole e così la storia, resa interessante proprio dai personaggi. Questo romanzo mi sarà utile perché è un ottimo esempio di architettura solida e compatta in un romanzo tanto intricato e tanto lungo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    04/03/2019 16:47:16

    Sono cinque romanzi che si intersecano imperniati su uno scrittore tedesco sfuggente, Benno Von Arcimboldi e un luogo, Santa Teresa in Messico, il primo romanzo racconta le vicende di tre studiosi di questo scrittore che si mettono sulle sue tracce, personaggi appena accennati nel primo romanzo diventano protagonisti dei due successivi, il quarto è una lunga sequela di omicidi femminili nella città di Santa Teresa, che è un punto di concentrazione, come un enorme scolatoio dove tutto finisce, perché alla fine il mondo è piccolo, e tutti nelle loro peripezie tra l’inghilterra, l’Italia e il Mmessico, e altri luoghi finiscono nell’inferno dove avvengono gli omicidi. L’ultimo romanzo che racconta la vita di Arcimboldi fornisce anche un tentativo di dirimere il bandolo della matassa di tante vite ciascuna sconosciuta alle altre, il senso l’afferra solo il demiurgico lettore.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    25/11/2018 18:30:12

    Certo non è un libro facile da leggere, ci vuole un certo allenamento per il continuo intersecarsi di storie nelle storie. Tuttavia ne vale ampiamente la pena. Non fornisco il massimo dei voti solo perchè rispetto a capolavori assoluti di analoga difficoltà di lettura come Moby Dick manca di un livello di lettura "semplicficato". Mi spiego meglio : alla fin fine Moby Dick può essere letto anche come romanzo d'0avventure un po' strano, questo libro invece non può che essere letto che come romanzo sui romanzi e sull'arte di raccontare storie.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    19/09/2018 10:52:52

    L'ho letto. Tutto. Ero scettico, non pensavo di farcela. Non tanto per la mole, quanto per il timore di non riuscire a superare emotivamente l'orrore di certe pagine. E invece alla fine ce l'ho fatta. L'ho letto tutto. E mi è piaciuto tantissimo. Le cinque parti di questo romanzo si dispongono secondo una struttura poligonale, come le cinque punte di una stella. Ogni vertice aggrega attorno a sè una storia, ma della sua attrazione risentono anche le altre storie, così da formare un intreccio complesso di campi di forza che attirano o respingono gli eventi narrati secondo traiettorie imprevedibili. Da questo punto di vista ritengo che Bolaño sia riuscito nell'intento che si era prefisso: costituire un corpus di romanzi che si potessero leggere in un ordine qualunque. Io, per timore che ciò non fosse vero, ho seguito quello proposto nell'edizione Adelphi con i cinque romanzi raccolti assieme. Ma alla fine mi sono reso conto che un qualunqua altro ordine sarebbe stato altrettanto lecito; solo avrebbe costituito una esperienza di lettura profondamente diversa. Dentro 2666 ci sono tante storie, tanti personaggi, ci sono soprattutto tanti fatti, tutti descritti con minuzia e dedizione. Ma più ancora dentro 2666 ci sono spazi vuoti, zone desertiche, assenze, occasioni mancate, risposte non date, ipotesi non verificate, impegni non mantenuti, parole non dette. Ci sono sogni e profezie che non attecchiscono: potrebbero dare un senso alle cose, ma noi non abbiamo gli strumenti per interpretarle. Leggere questo romanzo è come trovarsi in quella camera d'albergo a Santa Teresa dove i due specchi, posti su due pareti che si fronteggiano, si riflettono l'un l'altro, ma non restituiscono la nostra immagine. Mi piace immaginare che il titolo alluda all'epoca in cui avvenne l'Esodo dall'Egitto. 2666 anni dalla creazione del mondo. Come se Bolaño avesse voluto lasciarci un moderno Pentateuco.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    18/09/2018 09:23:28

    CAPOLAVORO! Credo che ci sia poco altro da dire o forse talmente tanto da rendere ognuno di noi incapace di farlo. Ho adorato questo libro ed ovviamente leggerò tutto di lui.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    28/03/2018 17:45:26

    Un autore che non ti delude mai, un mix sapiente di letteratura e fiction cinematografica

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    05/01/2018 03:33:15

    Semplicemente il miglior romanzo del XXI secolo, finora. Non c’è altro da dire.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    27/03/2017 10:23:25

    Che una sola mente abbia partorito tanta bellezza e genialità è un mistero da affidare alla scienza o alla teologia.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    04/07/2016 17:51:04

    E' il primo libro di Bolano che leggo, e di sicuro non sarà l'ultimo. Quest'opera è immensa, è un viaggio dentro l'oscurità della storia e di ognuno di noi, viaggio al termine o durante il quale non si sa quali demoni si possono incontrare e se saranno loro o noi a vincere. Personaggi incredibili ed indimenticabili, storie che insieme fanno la storia dell'umanità in una trama che si disfa e si riallaccia in ogni momento dando un senso a ciò che sembra non ne abbia, come la vita stessa. La parte dei delitti in Messico, con le sue atmosfere oniriche alla Sin City misto film di Robert Rodriguez l'ho letteralmente divorata, non riuscivo a staccarmi da questo libro. Questa signori è Letteratura, senza nemmeno bisogno di paroloni forbiti o sintassi perfetta, letteratura che solo pochi scrittori riescono a produrre, Bolano è decisamente uno di loro.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    04/01/2016 15:47:05

    (Sto leggendo La parte dei delitti, e mi sono beatamente impantanato a contare i quartieri di Santa Teresa: per ora sono 24; non è vero che ST coincide con Ciudad Juarez, semmai è un'ameba corrispondente al tratto in comune che hanno la 15 [S-->N da Hermosillo a Nogales e al confine dell'Arizona] e la 2 [W-->E da Caborca a Cananea e Agua Prieta]; un'ameba che cresce superimposed su St. Ana e Magdalena de Kino, sull'atlante Pemex al milionesimo poco più che villaggi...) Le città e i delitti. I.Il viandante che giunge a Santa Teresa proveniendo da sud mischiato alla corrente ruidosa di quelli che tentano di passare il confine dal deserto verso un altro deserto, a volte si ferma e trova lavoro in uno dei trenta quartieri della città tentacolare, ma più spesso perde il senso del suo restare o proseguire, e allora è per rimanere ucciso, poiché la disperazione che ha prodotto i migranti senza diritti e senza passaporto, la grande precarietà del'umanità liquida come sabbia di clessidra, è ideale per la precarietà del lavoro che viene offerto in abbondanza, ma lo è ancora di più per quegli assassini seriali (son senz'altro più d'uno) che qui nella fluidità dei rapporti trovano il terreno perfetto per perpetrare i loro crimini efferati, firmarli ad agio e poi far sparire ogni traccia per semplice accumulazione d'indizi tanto evidenti quanto contraddittori. La città è ideale per far perdere le tracce lasciando indizi, è un attrattore/ distrattore telaranha steso sopra a Google Maps; attrattore fatale di chi ti insegue come Ginko Diabolik in destino di vita - non puoi trovare di meglio che qui scomparire dentro al flusso di pensionati artritici affluenti in cerca di climi più salubri e più vasto potere d'acquisto. Che anche la chance di essere effettivam. accoltellati dopo una botta di vita agli Asuntos Internos apre scenari più pratici di ictus o demenza senile. Manca un bel finale con la luna silenzi'osa in cielo osservata da un'operaia di maquiladora d'après I. Calvino.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    19/11/2014 11:05:56

    non ce l'ho fatta. A pag.700 circa ho mollato la lettura. Probabilemente non sono pronto io.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/11/2014 14:09:07

    Un'opera immensa, la parte di Fate l'ho riletta 3 volte, mi sento molto legato a quei personaggi straordinari. Bolano, che dire, forse il più grande Scrittore degli ultimi 20 anni.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    21/05/2014 12:52:02

    Non è semplice. Non è semplice leggere questo libro come non è semplice parlarne dopo averlo letto...A tratti impalpabile, a tratti provocatorio....un finale grandioso e spiazzante, come già nei "detective selvaggi"...ma questo è quello che ti devi aspettare (e anche quello che ti meriti!) affrontando questo curioso e geniale scrittore. Non fuori luogo il rimando al "Viaggio al termine della notte", ma io rilancio con "Shalimar il clown" e "Dhalgren"...

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/10/2013 21:52:16

    Ho appena girato l'ultima pagina di 2666. Indeciso sul far decantare le emozioni o l'esprimerle a caldo, decido di recensire subito questo romanzo. E'stato come scalare una montagna di 8000 metri senza potersi godere un panorama. Alla fine del percorso ci si accorge che la magia e la bellezza non era da cercare nella meta ma nel cammino. Scrittura piena di ritmo, tagliente e cruda come quella della Kristof della 'trilogia della città di k'. Ti trasporta in storie affascinanti e da un particolare apre altre storie come in un gioco di scatole cinesi in cui bisogna sforzarsi, o forse è bello, perdersi. Esemplificativo il 'finale' in cui ,invece di dare una vera chiusura alla storia, vira improvvisamente sulla storia di una famiglia di gelatai... Un opera monumentale ed emozionante, più che una lettura una esperienza di vita. Meravigliosamente inconcludente. Impegnativo ma consigliatissimo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    30/08/2013 20:34:34

    Magistrale. L'autore deve avere vissuto davvero molto per essere riuscito a scrivere una cosa del genere e non solo per la mole. Il punto debole (per altro comunque più che buono) del corpus è la Parte dei delitti, quasi fastidiosa nel presentarti corpi di donne morte in tutti i dettagli più macabri, dettagli che poi si ripetono quasi sempre e mantendo l'empatia verso le vittime diventa straziante. Mentre il punto più alto è l'ultima parte, quella di Arcimboldi: semplicemente strepitosa, un vero capolavoro. Se vi state domandando se 24 euro sono tanti per un libro la risposta è ovviamente si. E lo ammetto, in alcuni punti mentre stai leggendo ti viene da chiederti "ma cosa centra con la trama principale?" oppure "Aztechi?". Perchè sì, ci sono delle sottotrame, alcune molto interessanti, qualche altra un po' meno. Ma se vi state domandando se ne vale la pena... Calasso in una intervista, ha detto che il criterio per cui un libro è degno di essere pubblicato è quello che usava il suo amico Roberto Bazlen: la trasformazione che il libro crea in lui lettore (ed editore) da prima a dopo averlo letto. 2666 è un felice esempio di come il prerequisito sia stato rispettato.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    29/03/2013 16:21:50

    bello ,inizia piano poi ti coinvolge e ti trasporta nel suo mondo così puntuale e inappellabile.complimenti anche al traduttore per la punteggiatura pulita .peccato non abbia un seguito ,quando lo finisci senti di aver perso qualcosa .lo rileggerò sicuramente. ora sò cosa è la Bolanomania.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    15/03/2013 00:34:01

    Non diciamo che è un bel libro, non è "bello"... è...e basta. è un libro di Benno von Arcimboldi: "Lo stile era strano, la scrittura era chiara e a volte persino trasparente ma il modo in cui si susseguivano le storie non portava da nessuna parte: restavano solo i bambini, i loro genitori, gli animali, alcuni vicini e alla fine, in realtà, l'unica cosa che restava era la natura, una natura che a poco a poco si disfaceva in un pentolone bollente fino a sparire del tutto" (p. 957)Passando nel malvagio, nel marcio, nel dolore gratuito, è un sorriso senza fine.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    17/10/2012 12:55:37

    Una scrittura nitida, luminosa, esatta, da gustare periodo per periodo. Ho trovato molte delle cose che cerco in un buon libro, a cominciare da personaggi complessi e delineati così bene da restare indimenticabili. Lo consiglio.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    26/04/2012 21:21:34

    è un grandissimo libro, leggero e "totalizzante", costruito magistralmente, nel tempo e nello spazio: in mezzo occidente, nel presente e nel passato, in diversi "ambienti" letterari, con una scrittura sempre agile e molte bellissime pagine

    Leggi di più Riduci