5 bambole per la Luna d'agosto

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Mario Bava
Paese: Italia
Anno: 1970
Supporto: DVD

46° nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Giallo e thriller

Salvato in 19 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 9,99 €)

Nella ricca villa di un industriale si ritrovano diverse persone. L'ospite d'onore è uno scienziato, inventore di una formula assai interessante che, purtroppo, non è in vendita. Ma molti sono disposti ad uccidere per averla.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    HULK

    20/03/2007 11:21:08

    Dovevo pagare le tasse, uscivo da un esaurimento nervoso. Anche in questo caso come quante volte quella notte 'Film porno, ipercensurato, maltrattato lo stesso Freda amico fraterno di Bava lo redargui', penza te', si tratta di un film 'Alimentare' girato con quatrto soldi e per necessità. 'Volevano che seppellisi i cadaveri come in un film Westewrn, ed invece...'. E invece la genialata del frigorifero, da chi sarà ripresa????????? Inutile sottolineare il ritmo, l'uso del colore, gli inganni, le false tracce, la bellezza dell'insieme. Una sorta di dieci piccoli indiani naturalmente, ma con infinite sorprese. Anche con la mano sinistra, anche se mosso dalla necessità MARO BAVA è un marchio di fabbrica, una immensa fucina di idee, un suo film è una lezione completa di cinema.

  • Produzione: Cecchi Gori, 2006
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 90 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: biografie: biografia del regista e degli attori principali
  • Edwige Fenech Cover

    "Nome d'arte di E. Sfenek, attrice e produttrice italiana di origine francese. Nata nell'Algeria francese, esordisce in produzioni porno-soft a basso costo per poi girare pellicole più dignitose e caratterizzate da una maggiore cura formale. Un corpo dalle forme procaci e accattivanti e un'indubbia carica seduttiva le assicurano il ruolo di primadonna del cinema erotico italiano degli anni '70 e di parte degli '80. Alcuni titoli assai evocativi sono ormai considerati «di culto» dagli appassionati del genere: tra gli altri, Quel gran pezzo dell'Ubalda tutta nuda e tutta calda (1972) di M. Laurenti e Giovannona Coscialunga disonorata con onore (1973) di S. Martino. Tenta anche qualche incursione nella commedia più tradizionale (Sono fotogenico, 1980, di D. Risi; Io e Caterina, 1981, di A. Sordi),... Approfondisci
Note legali