50 Words for Snow

Artisti: Kate Bush
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Plg Uk
Data di pubblicazione: 21 gennaio 2014
  • EAN: 5099972986622
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 14,90

€ 16,90

Risparmi € 2,00 (12%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Disco 1
  • 1 Snowflake
  • 2 Lake Tahoe
  • 3 Misty
  • 4 Wild Man
  • 5 Snowed in at Wheeler Street
  • 6 50 Words for Snow
  • 7 Among Angels

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    danilo

    02/12/2011 12:52:25

    definire questo lavoro come un semplice prodotto discografico è riduttivo...50 words for snow è un "film-sonoro"...come ha scritto un critico è "un sogno contemporaneo"...io aggiungo un meraviglioso sogno contemporaneo...Kate Bush particolarmente ispirata e coinvolgente e avvolgente...un'eterea eppur vera poesia moderna nella quale tuffarsi e nuotare...una pagina musicale in cui tu stesso diventi una parola, una frase, un concetto....o magari una nota...

  • User Icon

    Tina

    24/11/2011 18:47:39

    E' un album che gia' dai primi acolti si colloca accanto a capolavori come "The Dreaming", "Hounds of Love", "Aerial". Un lavoro complesso, per palati fini, che offre una miscela imprevedibile di influenze classiche, jazz, ambient, chill-out music... In certi passaggi sembra di essere rientrati nell'atmosfera creata in "The Ninth Wave": gelo, ghiaccio, neve... non fosse per il senso di profonda intimita' che avvolge l'ascoltatore. I brividi arrivano sin dalle prime note di "Snow Flakes" con uno spettrale suono di pianoforte e la voce pura e accorata del giovane Bertie: "Sono nato in una nuvola/sto cadendo/voglio che mi acchiappi/guarda in alto e mi vedrai." E la voce calda di Kate che risponde: "Il mondo e' cosi' rumoroso/ continua a cadere e io ti trovero'." Il secondo brano, "Lake Tahoe", si apre con dolenti note di pianoforte e le voci funeree del soprano Stefan Roberts e del tenore Michael Woods: "Acqua fredda di montagna. Non nuotate mai la'. Restate sulla riva e guardate dentro. Potreste vedere una donna nel fondo." "Misty" viene introdotta da note di pianoforte cupe per continuare oscillando dentro e fuori a una sorta di ritmo indefinibile che ingloba momenti jazz e uno spretto incredibile di paesaggi sonori con sotterranei e distorti riff di chitarra elettrica. "Dovrebbe essere un sogno ma non sono assonnata", canta Kate. Un brano di 14 minuti circa e non un solo secondo superfluo. E' una prima facciata che lascia letteralmente a bocca aperta. Trovo che rappresenti l'apice della creativita' di un'artista che la vetta l'ha gia' raggiunta numerose volte. E affermo cio' senza nulla togliere alla seconda facciata che offre quattro brani eccellenti pieni di raffiche di vento gelido e soffi di pazzia alla Kate, ma IBS consente solo un certo numero di parole per le recensioni. Concludo con un estratto da "Among Angels": "Solo tu stesso puoi fare qualcosa al riguardo. Posso capire cosa intendi quando mi dici che stai cadendo a pezzi. Ma non siamo tutti uguali?"

  • User Icon

    sarointelisano

    24/11/2011 10:07:57

    Alle orecchie dell'ascoltatore questa nuova uscita si presenta come qualcosa di differente. È un album intimo, cupo, minimale. Il pianoforte è il re di queste sette canzoni, tutte di lunghezza considerevole. Le composizioni hanno un che di gelido, nel senso che trasmettono sensazioni di freddo, quasi ci si trovasse nel bel mezzo di una tempesta di neve. Non siamo di fronte all'art rock che ci si potrebbe aspettare da Kate Bush e forse alcuni fan potranno rimanerne spiazzati, ma abbiamo per le mani un disco di ottimo cold jazz come non se ne sentivano da qualche anno. Il sound si mantiene compatto e organico, pur con le necessarie e accortissime variazioni atte ad evitare lo spettro della noia e della ripetitività, per tutti i 65 minuti di durata dell'album, rendendolo facilmente identificabile come una suite, una unica canzone divisa in capitoli più brevi. Tutto ciò porta ad una continuità emozionale ammirevole, raramente riscontrabile nella musica moderna.

  • User Icon

    Nick

    21/11/2011 17:28:45

    Se "Aerial" il disco precedente di inediti aveva suscitato in me più di qualche perplessità riguardo l'ancora viva creatività di Kate, questo ultimo lavoro, insieme al "Director's cut" di qualche mese fa, mi confermano purtroppo come della geniale autrice di opere come "Sensual world";"Hounds of love" e "Dreaming" non vi sia rimasto più nulla. Consigliato soltanto ai super fans che di Lei hanno e vogliono tutto.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione