Categorie

Steve Mosby

Traduttore: L. Prandino
Editore: Nord
Collana: Narrativa Nord
Anno edizione: 2007
Pagine: 383 p. , Rilegato
  • EAN: 9788842915157

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    simona

    26/12/2013 10.59.26

    Scorre bene ma poco impegnativo, da vacanza.

  • User Icon

    mercury

    08/08/2013 20.08.40

    Mi ero lasciato convincere dalle vostre recensioni,ma mi sono sbagliato,noiosissimo,penso che per Mosby sia la sua ultima apparizione in casa mia.

  • User Icon

    Gianni

    11/01/2011 11.07.31

    Il romanzo è discreto, nulla di eccelso ma comunque leggibile. L'idea della figura del killer poteva essere anche carina, ma, a mio modesto giudizio, andava strutturata un pò meglio; forse l'autore si è lasciato prendere un pò troppo la mano nel finale giungendo ad una conclusione un pò "fantasiosa" sulla personalità dell'assassino.

  • User Icon

    Amj

    15/11/2010 15.29.38

    Un libro da leggere. Punti positivi: inizia subito con un ritmo incalzante, il testo è molto scorrevole e ben strutturato (paragrafetti contenenti data e ora); la storia e la caratterizzazione di quasi tutti i personaggi sono più che valide. Punti negativi: la storia si chiude non spiegando moventi e dinamiche, si racchiude in modo un pò stringato, inoltre sarebbe stato più interessante conoscere bene la storia del 50/50 killer; suppongo possano essere imperfezioni da autore al primo libro ufficiale. In una scala espressa in decimi merita un 7 , cmq da leggere, mi aspetto miglioramenti nel secondo libro

  • User Icon

    Claudio

    05/10/2009 14.18.17

    Questo libro è semplicemente vomitevole. Ho stentato tantissimo per finirlo e già a metà volevo lasciar perdere e metterlo a prendere polvere sullo scaffale... e da qui si capisce quanto mi interessasse sapere chi è l'assassino. Poi ho deciso di arrivare (faticosamente) alla fine. E, come mi aspettavo, la conclusione è banale, prevedebile e per nulla ricca di emozioni. Personaggi di una banalità sconcertante e per nulla definiti; la narrazione passa da un personaggio all'altro tenendo il "protagonista" (per modo di dire) in prima persona, e questo è forse la cosa più interessante. Per il resto solo noia e rabbia mentre si leggono capitoli interi senza che niente venga rivelato e senza che una sola frase sia interessante... descrizioni e commenti che non aggiungono alla storia ma la appesantiscono, tanto che 100 pagine sarebbero state sufficienti per raccontare questa (povera) trama. Per me, ripeto, vomitevole.

  • User Icon

    Alina

    04/09/2009 13.40.51

    Sinceramente non mi è parso un libro particolarmente originale e avvincente, ho stentato molto a finirlo.

  • User Icon

    Val.®

    25/08/2009 17.01.51

    Gran bel libro questo. Se è vero che è l'opera prima di questo scrittore, allora tanto di cappello. Interessante il continuo cambio di prospettive di capitolo in capitolo e lo sviluppo del colpo di scena finale. Complimenti Steve.

  • User Icon

    Elisa

    09/06/2009 12.06.48

    Bel romanzo. Mi è piaciuta la struttura corale ( in cui parla in prima persona solo il protagonista, Mark), la trama avvincente e la scrittura davvero scorrevole ma non ho gradito molto i flashback. Ad essere sincera la lettura non mi ha conquistata fin dall'inizio, ho letto almeno 100 pagine prima di appassionarmi. Come prima opera è davvero promettente!

  • User Icon

    paolo

    29/05/2009 11.31.36

    Questo romanzo si presenta bene. Bella l'idea, buono lo stile di scrittura e molto verosimili i personaggi. Purtroppo, secondo il mio modestissimo parere, c'è qualcosa, in tutta la storia, che non rende giustizia al romanzo tutto e che lascia il lettore, (almeno così ha lasciato me), con un vago senso di insoddisfazione, fino all'ultima pagina. Avrò interpretato male un sentimento ispirato dallo scritto di Mosby? Dunque, invece che insoddisfazione, devo intendere delusione perchè si legge troppo in fretta? Non saprei. Ad ogni modo, un 3/5 appare adeguato, nell'attesa del prossimo romanzo.

  • User Icon

    trepidans

    30/04/2009 13.16.54

    Il libro parte molto,molto bene,ma come ci si puo'aspettare in questi casi,meglio si parte e piu è difficile giungere bene a destinazione,soprattutto,per quelle che diventano le attese del lettore.Idea senz'altro originale,ma a meta',l'entusiasmo ,e la velocita' di lettura cominciano a rallentare di pari passo.Come prova d'esordio è senza dubbio ottima,a me ha ricordato molto Peter James.Un sei piu.

  • User Icon

    Irene

    26/03/2009 10.04.39

    Il libro è interessante nella sua totalità, una storia non scontata ed avvincente che forse a tratti può essere considerata leggermente ripetitiva e lenta. Secondo me il killer deve per forza di cose aver subito un trauma, ma nella sua crudeltà metteva davvero alla prova l'amore di due persone. "Chi davvero è disposto a morire per amore?" Non è una domanda stupida!!! Quindi consiglio a tutti di trarre un piccolo insegnamento: prima di dire Ti amo da morire, pensateci bene due volte, il significato è vitale.

  • User Icon

    Simone

    07/07/2008 11.24.34

    Buon libro! Storia molto originale e che ti lascia pensare.. Mi è piaciuto, scorre via bene. Bello anche il finale a sorpresa che ribalta la situazione in maniera inaspettata. L'unico neo secondo me è nell'epilogo che mi ha lasciato almeno un paio di interrogativi senza risposta. Comunque per essere il primo libro di Steve Mosby direi che ha iniziato bene, è giovane e spero che continui su questa strada, migliorandosi via via.. Aspetto il prossimo!

  • User Icon

    luca

    03/03/2008 11.49.56

    Non male come libro, ma le aspettative erano migliori

  • User Icon

    A-Man

    11/02/2008 17.00.16

    Di thriller ne ho letti di molto più avvincenti.La storia di persè è molto accttivante e originale, ma la scrittura mi ha lasciato un pò scontento,troppo sezzettata la qualche flash-back di troppo disorientano un pò un non attento lettore.

  • User Icon

    gmb

    18/01/2008 13.28.28

    Bel libro, avvincente e ben scritto, merita la lettura,

  • User Icon

    l. paoletto

    04/01/2008 19.08.04

    Buon libro, thriller ben congeniato e coinvolgente.Si legge in breve tempo ed e' ricco di colpi di scena.

  • User Icon

    FABIOda pegli

    31/12/2007 07.53.55

    Il libro inizia in maniera coinvolgente ed appassionante, ma strada facendo perde un pò dello smalto che lo caratterizzava. Resta comunque un bel libro.

  • User Icon

    Vagrant

    16/12/2007 13.18.45

    Devo dire che mi è piaciuto molto. Inanzitutto ho apprezzato il fatto che i capitoli si dipanino passando da un personaggio all'altro del libro, come se non ci fosse un solo ed unico protagonista. Inoltre bello il fatto che tutti i capitoli sono in terza persona tranne quello del protagonista "maggiore" che invece è in prima persona. La prosa è limpida, chiara, scorrevole ed efficace. Gli stati d'animo sono sempre tangibili e gli eventi si susseguono con interesse. La trama si evolve pian piano ed i nodi vengono tutti al pettine ... per quanto non complicata, ma abbastanza lineare ... la suspance resta fino all'ultimo e l'epilogo è un bel tocco di classe. Forse il finale è un'attimino esagerato e il colpo di scena un pò troppo hollywodiano, ma a me è piaciuto nel suo complesso e non l'ho trovato così folle ... anche se chi ha odiato "LO SCHELETRO CHE BALLA" potrebbe dissentire ... Il libro ha nella prima metà un ritmo assai veloce con eventi che si susseguono e che lasciano meno spazio alla parte riflessiva,psicologica e ragionata; che invece prende piede nella seconda metà portandoci adeguatamente al rocambolesco finale.

  • User Icon

    Federico

    16/12/2007 12.44.33

    Grazie allo stile scorrevole, ho terminato di leggerlo in un giorno, senza dubbio un buon lavoro, anche se gli intrecci della trama in alcuni tratti non son abbastanza chiari e forse appena appena compatibili con il reale svolgimento degli avvenimenti. Comunque merita un 6,5 nulla di più, fa parte di un format ormai collaudato da diversi "autori" di genere. Non resterà a lungo nella memoria, ma è pur sempre una boccata d'aria....

  • User Icon

    Alessio

    10/12/2007 09.19.00

    L'ho letto velocemente in quanto lo stile è scorrevole e coinvolgente. Trovo che l'idea di base del libro sia particolarmente azzeccata e la lettura non tradisce le attese benchè, a mio avviso e per i miei gusti, in alcuni punti la trama si intreccia e si dipana in modo non proprio chiarissimo. Inoltre la caratterizzazione di alcuni dei personaggi (Mercer su tutti) non mi ha entusiasmato. Comunque una prima prova per questo scrittore sicuramente positiva e consiglio quindi senza indugi la lettura a tutti gli amanti del genere.

Vedi tutte le 21 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione