6 Sonate per violino e cembalo - 3 Sonate per viola da gamba e cembalo - CD Audio di Johann Sebastian Bach,Glenn Gould

6 Sonate per violino e cembalo - 3 Sonate per viola da gamba e cembalo

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Johann Sebastian Bach
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Sony Classical
Data di pubblicazione: 28 agosto 2012
  • EAN: 0887254128229
Salvato in 1 lista dei desideri
Disco 1
1
I. Adagio
2
II. Allegro
3
III. Andante
4
IV. Vivace
Disco 2
5
I. [without tempo indication]
6
II. Largo
7
III. Andante un poco
8
IV. Adagio
9
V. Allegro
Disco 3
9
I. Adagio
10
II. Allegro
11
II. Allegro ma non tanto
12
IV. Allegro
13
IV. Allegro moderato
Disco 4
13
I. Siciliano. Largo
14
I. Adagio
15
III. Adagio
16
III. Andante
17
IV. Allegro
Disco 5
18
I. Vivace
19
II. Adagio
20
III. Allegro
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Johann Sebastian Bach Cover

    Compositore tedesco.La vita: da Weimar, a Cöthen, a Lipsia. Figlio di un violinista, ricevette la prima istruzione musicale dal padre e, dopo la sua morte (1695), dal fratello maggiore. Nel 1700 entrò a far parte, come soprano, del coro di S. Michele a Lüneburg, rimanendo al servizio di quella chiesa anche dopo la muta della voce, avvenuta l'anno seguente. Nel 1703 ebbe un breve incarico a Weimar come violinista nell'orchestra ducale; pochi mesi dopo divenne organista di chiesa ad Arnstadt. Nel 1707, colpito da dure critiche perché si era assentato senza permesso e perché sottoponeva a eccessive elaborazioni l'accompagnamento dei corali, si trasferì a Mühlhausen, presso la chiesa di S. Biagio. Nello stesso anno sposò sua cugina. Nel 1708 tornò a Weimar come organista di corte. Deluso nella... Approfondisci
  • Glenn Gould Cover

    Pianista canadese. Esordiente a 14 anni, divenne celebre nel 1955 con un'incisione delle Variazioni Goldberg di Bach e per dieci anni apparve nelle maggiori sale da concerto americane (più raramente in Europa, ma nel 1957 suonò a Berlino con Karajan). Nel 1964 interruppe l'attività concertistica, limitandosi da allora ai dischi e a sporadiche apparizioni televisive. Nondimeno la sua fama continuò a crescere dando luogo, dopo la sua morte, a un vero «culto», spiegabile con i tratti singolari della sua personalità e le sue scelte musicali controcorrente (come quella di suonare tutto Bach sul pianoforte in un'epoca di imperante filologismo), talvolta basate su intuizioni interpretative geniali, capaci di rigenerare l'ascolto e rivelare lati insospettati in pagine ben note. Poco convenzionale... Approfondisci
Note legali