A che servono i Greci e i Romani?

Maurizio Bettini

Editore: Einaudi
Collana: Vele
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 15 marzo 2017
Pagine: 147 p., Brossura
  • EAN: 9788806233235

51° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Classici, poesia, teatro e critica - Storia e critica - Studi generali - Letteratura antica, classica e medievale

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 6,48

€ 12,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    26/04/2017 07:08:47

    L'idea di uno sfondo umano e culturale sempre più carente, i nostri tratti migliori traditi o almeno rinchiusi in un deposito avaro di coscienza, senza più memoria, la culla ripudiata da un suono adulto privo di fedeltà e sentimento; è questo il bellissimo ammonimento che veleggia e scuote nel gioco di queste pagine. La mano tesa verso un passato che ci costituisce, l'albero dei nostri sensi dentro questa modernità poco arata e rispettata, una palude del sentire, non deve e non può mostrarsi cieco, avaro nei confronti di un cielo intensissimo, di virtù cardinali, primarie, in ogni spirito che si dica autentico, pena una condanna a patire il sordido di linguaggi mostruosi, di erotismi elettronici più che triviali, di verità integralmente deposte. C'è un maternità intellettuale che non potrà mai morire, l'alfabeto che ricama il nostro palato selvaggio e lo educa al giusto, al vero, la disciplina, lo sforzo di secoli e secoli dentro i quali l'impronta più degna e alta che la condizione umana potesse offrire saprà sempre sfoderare le sue intatte grandezze. Atene e Roma sono pagine del nostro sangue di adesso, di uno ieri identico a tre ore fa, dove un poema, un capitello, un ritratto non sono che il carattere del nostro destino, delle nostre inquietudini, di questa materia insondabile e splendida che ci nutre e ci attira come una benefica strada di salvezza. Omaggi e lodi a questo libretto prezioso, dove quel sogno e quel contatto restano immediati, e il nostro perderci fra false cadenze è finalmente scosso da echi identici a balie fedelissime, alleate, sorelle.

  • User Icon

    alida aoraghi

    04/03/2017 16:33:05

    Salvemini affermava che «La cultura è il superfluo indispensabile». Una necessità, un lusso che dobbiamo poterci permettere e meritare. All’interno della produzione culturale, che ruolo occupano gli studi classici? Il nostro paese è naturalmente erede di un’eccezionale tradizione, che gli deriva da più di due millenni di storia, di arte, di letteratura depositata in monumenti, affreschi, poesie, opere teatrali, testi filosofici. Tracce che racchiudono come in uno scrigno prezioso la memoria di una civiltà, che per secoli ha saputo tramandarsi nelle generazioni, arricchendole, ispirando ogni nuova produzione artistica. I classici sono la nostra memoria collettiva, un’enciclopedia condivisa da tutti gli italiani, che si esprime in primo luogo attraverso una lingua ricalcata sul latino, in un meccanismo di continuità culturale individuabile non solo nel lessico e nella sintassi, ma anche in un patrimonio comune di immagini, di leggende, di miti. Perché questa prestigiosa memoria non vada persa dobbiamo rivitalizzarla, nutrirla, riaccenderla attraverso nuove strategie didattiche. Bettini propone una drastica rivoluzione nei programmi scolastici, con l’inserimento di attività in grado di suscitare più interesse negli alunni. Rielaborazione e messa in scena di testi teatrali; reception studies che rintraccino la presenza dei classici nelle opere letterarie e artistiche attuali; approfondimento di strategie comunicative attraverso i testi della retorica antica; visite guidate a musei e siti archeologici. Ma soprattutto confronto con l’alterità del mondo classico, con la sua diversità nei modelli religiosi, familiari, politici, legali rispetto a quelli della nostra epoca. Gli insegnanti dovrebbero riuscire a suscitare negli allievi una curiosità arricchente nei confronti dell’antichità, incoraggiandone lo studio delle analogie e delle differenze con la società contemporanea, facendo riscoprire una realtà alternativa a quella che viviamo quotidianamente.

Scrivi una recensione
Indice

Prologo

I. Le ambiguità del servire

II. L' invasione delle metafore economiche

III. La civiltà, una questione di pazienza

IV. Italy, the Land of Culture?

V. La memoria culturale

VI. Il senso dei luoghi

VII. La contingenza greco-romana dell'Italia

VIII. Greci e romani. Un patrimonio "interno"

IX. Due mitologie

X. Fragilità e responsabilità

XI. I calzoni di Orazio e l'Odissea vichinga

XII. Un cambiamento di paradigma

XIII. Verso il mondo classico. Altre vie

XIV. Alterità degli antichi

XV. Le parole degli antichi

XVI. Lingue «morte»

XVII. Lo studio delle lingue classiche

XVIII. L'antropologia dei classici

XIX. Il Rinascimento, i classici e gli altri

XX. Una questione di humanitas

XXI. Le antichità degli altri

XXII. Valutazione finale

XXIII. «Radici» greco-romane e «identità» classica

Ringraziamenti