A un passo dal baratro. Perché Medjugorje ha cambiato la mia vita - Paolo Brosio - copertina

A un passo dal baratro. Perché Medjugorje ha cambiato la mia vita

Paolo Brosio

Scrivi una recensione
Editore: Piemme
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 17 novembre 2009
Pagine: 259 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788856611069
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 9,72

€ 18,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile

15 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto tornerà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Paolo Brosio è lontano dalla fede e dalla preghiera negli anni in cui acquisisce la notorietà di personaggio televisivo, prima come giornalista del TG4 con Emilio Fede, nei giorni di Tangentopoli, poi con la partecipazione a programmi importanti: da "Quelli che il calcio", a "Sanremo Notte", a "Domenica In" fino all'"Isola dei Famosi" e a "Stranamore". Il successo, i soldi, la carriera si intrecciano a una vicenda umana inquieta e travagliata che lo porterà nel baratro più profondo del lutto, della sconfitta affettiva, della depressione. Nasce nel cuore una preghiera alla Madonna e il desiderio d'incontrarla a Medjugorje, il villaggio della Bosnia-Erzegovina dove, dal 24 giugno 1981, sei ragazzi hanno apparizioni mariane e dove si recano in pellegrinaggio milioni di persone. Per Brosio è una svolta. L'incontro con i veggenti e con tante persone di fede, ma soprattutto il desiderio di fare del bene. Con la semplicità e la simpatia che lo contraddistinguono il giornalista racconta la sua vicenda umana e i passi di un ritorno a Dio che gli ha restituito forza, ottimismo e amore per la vita.
3,4
di 5
Totale 15
5
6
4
2
3
3
2
0
1
4
  • User Icon

    Skorpion

    17/05/2012 21:17:41

    Il mio voto basso si basa sulla falsità che traspare a più tratti già dalle prime pagine del libro, che suscita ilarità a pensarlo addirittura una specie di sex symbol, schiavo della cocaina per rimorchiare ed avere "rapporti" multipli descritti come "altamente trasgressivi" con ragazze stupende che venivano folgorate dal suo "fascino" a prima vista... pagine tediose e autocelebrative in cui si descrive come una specie di superuomo, un autentico divo televisivo (mah!) e addirittura dei suoi avi, personalità parimenti eccezionali manco a dirlo... ma poi chi se ne frega? ma l'avete mai visto e sentito parlare? in realtà questa improvvisa "conversione" mi sa troppo di strumentale, figlia della crisi di uno ossessionato dal sesso ma che deve fare i conti con l'età e con la necessità di "corroborare" certi vizi con l'uso di sostanze e portafoglio sempre bello pieno, un personaggio televisivo di media celelebrità ormai in declino (già figlio adottivo di E. Fede il che è tutto dire in fatto di moralità), improvvisamente folgorato dalla fede subito dopo (certo, non prima, altrimenti che gusto c'è?) aver consumato l'ennesima orgia... con una preghiera di solo 16 secondi poi... vabbé che si tratta di un superuomo ma insomma... comunque, se è vero che l'albero si giudica dai suoi frutti, l'ineffabile Brosio e gli altri "fulminati sulla via di Damasco" che fa? Come giustamente è stato osservato più sopra "abbandonano forse un ambiente dove povertà e modestia certo non abbondano? Votano la loro vita alla pia causa delle missioni? Ovviamente no, prendono la loro bella fede nuova di zecca e la monetizzano subito con un bel libro da promuovere a tappeto in tutte le trasmissioni televisive!!" Insomma da buon promoter di se stesso, ha subito fiutato il business dei pellegrinaggi e ne ha preso spunto per riciclarsi e scrivere libri... la cosa più ridicola è che i suoi collaboratori quando si riferiscono a Lui scrivono "il Dott. Brosio": alla faccia dell'umiltà e della modestia!!

  • User Icon

    ant

    23/07/2010 15:37:09

    Tutto gira, in questo libro, intorno ad una preghiera che, secondo l'autore, durò in quell'occasione 16 secondi e naturalmente si parla de...L'AVE MARIA. Un'AVE MARIA portentosa quindi che ha stravolto la vita interiore di un noto personaggio televisivo cioè Paolo Brosio. Brosio, in questo l'ho molto apprezzato perchè mette a nudo tutti i vizi, in un momento molto particolare della sua vita, si rende conto di aver toccato il fondo e trovandosi da solo in camera d'albergo a Torino, dopo una notte di bagordi(droga,sesso etc) sente dal profondo del cuore di rivolgersi alla Mamma del cielo e da qui inizia tutto un cammino particolare che lo ha portato ad essere sicuramente una persona diversa, non comune da trovare al giorno d'oggi, sopratutto nel mondo dello spettacolo e dell'apparenza sfrenata. Il libro ricalca sia la carriera professionale e privata di Brosio, con spunti particolari e divertenti(il perchè venne scelto da Fede come inviato etc), sia sopratutto il cammino di fede che dopo quella notte a Torino(dicembre 2008) il buon Paolo ha iniziato. La decrizione dell'ascesa al monte Podbrdo è molto toccante, così come la scalata al monte Krizevac, In questi momenti veramente Brosio ci racconta che il suo cuore non vuole altro che pregare con la Gospa(La Madonna) e non solo per lui ma per tutti quelli che soffrono e che hanno bisogno. Per quanto riguarda i tanti spunti di questo testo relativi a miracoli , guarigioni, conversioni etc beh devo dire che queste cose le avevo già lette e sinceramente... Mi è piaciuto il proposito dell'autore di continuare questo cammino di fede e di portare avanti tante iniziative a fin di bene(l'orfanatrofio gestito da suor Karelya a Medjugorje etc) Un libro particolare dai

  • User Icon

    A.P.

    02/06/2010 23:55:02

    Un libro che coinvolge dalla prima all' ultima pagina, leggendo il libro sembra quasi di essere vicini all' autore nel momento delle sue escursioni spirituali, credo che quì non conti il fatto di condividere o meno la fede d Brosio, il libro anzi mi ha impressionato per la sua umanità che riesce a rendere d'impatto la lettura e la narrazione dei fatti della vita di Brosio.

  • User Icon

    johnny

    15/02/2010 02:48:28

    Sembra la versione amatriciana del film "Arriva John Doe". L'esistenza salvata dal precipizio autodistruttivo, la folgorazione. Brosio ci ammannisce la sua versione, con lezione di vita annessa.Francamente, preferisco ricordarlo per i servizi giornalistici tv, da cronista giudiziario appostato al Tribunale di Milano(al tempo di MANI PULTE) davanti alle telecamere.Amen

  • User Icon

    Valentina

    20/01/2010 11:14:22

    Brosio è un giornalista, non uno scrittore di libri ma nonostante ciò ha scritto un libro bello da leggere e coinvolgente. Attendo con ansia il secondo perchè non vorrei che la sua gioia di ritrovata fede sia solo una "folgorazione passeggera". Cmq davvero un bel libro!

  • User Icon

    rosarino

    10/01/2010 13:22:16

    Scritto non in modo eccellente, per le eccessive divagazioni, i riferimenti, le specificazioni, i flashback che invece di arricchire fanno perdere il filo della trama e confondono il lettore. Ma l'intensità emotiva che trasmette è il vero pregio di questo libro. La mia sensazione è che Brosio non abbia ancora trovato una sua pace interiore, se prima era travolto da un vivere "senza senso" ora sembra esserlo da quest'esperienza religiosa. Mi viene in mente Claudia Koll, la cui serenità dopo la conversione è impressionante. Forse, semplicemente, Brosio è all'inizio del suo cammino. Non mi sono pentita di aver comprato e letto questo libro.

  • User Icon

    Aldous

    08/01/2010 13:53:53

    Un capolavoro, la foLgore mistica nella stesura del rinnovamento nella grazia divina viene raccontata in maniera ammirabile da Paolo Brosio, il libro riesce a trasmettere quell' energia che la fede trasmette nel credente nato di nuovo. Uno dei pochi libri di cui bisogna acquistarne due copie, una da leggere e conservare gelosamente e una da regalare .

  • User Icon

    Marzia

    04/01/2010 22:14:52

    La forza di questo libro sta tutta nell'intensità dell'esperienza raccontata, nell'entusiasmo con cui Brosio racconta il suo cambio di vita e la novità dirompente della sua scoperta di fede. Brosio parla della Madonna come un innamorato parlerebbe della sua amata; e lo fa con parole che emozionano, facendo desiderare al lettore di andare a Medjugorie per sentirsi accolti dalla Madre celeste e rinnovati nello spirito. Mi associo tuttavia a chi ha fatto notare che linguisticamente un giornalista poteva fare di più e meglio: il testo pare scritto di getto, quasi frettolosamente, sull'onda emotiva di voler raccontare e condividere la propria esperienza prima ancora di averla vissuta interamente. Il racconto manca di un impianto unitario, di una rielaborazione di insieme, specialmente nella parte centrale, dove talvolta nomi, luoghi e situazioni si snodano in modo caotico e confuso, disorientando l'attenzione del lettore. Va comunque reso a Brosio il merito di essersi esposto a raccontare un'esperienza che va controcorrente; un'esperienza che non ha l'aspetto di una trovata commerciale, ma che bensì lo espone al rischio mediatico di un pubblico più esigente verso la sua immagine televisiva e le sue future scelte professionali.

  • User Icon

    giuliana

    09/12/2009 22:59:05

    Salve. Ho finito di leggere il libro oggi pomeriggio e mi ha molto colpita. Non è certo linguisticamente bellissimo e scorrevole, come è stato fatto notare; probabilmente Paolo Brosio non sceglierà la via della povertà e del servizio nei centri d'assistenza, ma chi può dire quale sia il progrtto di Dio su di lui? Non credo che lo scopo del libro fosse vincere il premio Pulitzer, quanto testioniare l'amore eterno di una Madre, Maria, alla quale siamo stati tutti affidati e che sta cercando di riportarci sulla via di Gesù. Brosio ha avuto il coraggio di raccontare gli sbagli che ha commesso per dirci che nonostante tutto Dio ci ama, ci cerca, ci dona sua madre perchè torniamo a lui. Occupiamoci dell'essenziale. Occupiamoci di Dio. Tutto il resto non conta. Buon Natale di Gesù.

  • User Icon

    stefania

    03/12/2009 19:24:27

    "Idea regalo adatta a tutti?" !?!? Ma non è che questo spot arriva direttamente dalla casa editrice??? Sarò scettica ma tutto mi sa di GIGANTESCA operazione commerciale.Il libro è zeppo di luoghi comuni..e comunque aspettiamo di vedere l'ORFANATROFIO.

  • User Icon

    Roger

    03/12/2009 14:38:39

    Decisamente Paolo Brosio non vincerà mai il Nobel per la letteratura, ma la sua testimonianza merita di essere ascoltata con attenzione. Certo un'esperienza umana e spirituale così forte poteva essere raccontata meglio, specialmente da un giornalista professionista. Il testo si snoda fortemente frammentato e quando Brosio si avventura sul terreno teologico, vacilla non poco. Insopportabile l'idea di carità che emerge e che sembra limitata alla sola raccolta fondi o a fare il testimonial. Piuttosto comodo: sono rari i vip che nel silenzio fanno l'esperienza di mettersi in prima persona al servizio del prossimo cambiando il pannolone ad un anziano, facendosi prendere a insulti nelle prime accoglienze e assistendo schizofrenici gravi.

  • User Icon

    daniela

    02/12/2009 09:23:59

    Bellissimo libro testimonianza di vita vera. Da leggere tutto d'un fiato per sapere per conoscere per capire , finito di leggere ti viene voglia di andare in questo luogo meraviglioso, dove tante vite distrutte trovano la Felicità! Idea regalo per Natale adatto a tutti. Una nota per gli scettici: Brosio utilizza i soldi ricavati da questo libro per costruire un ORFANATROFIO in Bosnia. Buona lettura!

  • User Icon

    Elena

    28/11/2009 20:26:01

    ho quasi terminato il libro, letto tutto d'un fiato in un solo giorno! L'esperienza del pellegrinaggio a Medjugorie è qualcosa di meraviglioso, di unico. Brosio racconta come la fede può sollevare, aiutare in ogni momento; la fede nel nostro Signore e nella Madonna che mai ci abbandonano. Non la vedo come opera per commercializzare è solo un racconto di una vita che si stava autodistruggendo per dare la speranza ad ognuno di noi!

  • User Icon

    simone

    25/11/2009 18:11:02

    Voto basso perchè il libro è di una banalità sconcertante. E poi non capisco questi personaggi di media celelebrità che vengono folgorati dalla fede e che fanno? Abbandonano forse un ambiente dove povertà e modestia certo non abbondano? Votano la loro vita alla pia causa delle missioni? Ovviamente no, prendono la loro bella fede nuova di zecca e la monetizzano subito con un bel libro da promuovere a tappeto in tutte le trasmissioni televisive!!

  • User Icon

    barbara

    25/11/2009 14:30:04

    Sono a meta' del libro e gia' do' il massimo dei voti perche' anche io come Paolo sono stata a Medjugorie e quindi so'quello che ti lascia la lettura di questo libro...il linguaggio semplice di Brosio e la lettura scorrevole rendono il libro meraviglioso..mi dispiace finire il libro perche' ti lascia dentro delle emozioni intense...dopo che lo avrete letto sono sicura che avrete un forte desiderio di partire x la Bosnia ;io spero di poter ritornare li' presto!!!grazie Paolo

Vedi tutte le 15 recensioni cliente
  • Paolo Brosio Cover

    Paolo Brosio è un giornalista, scrittore e conduttore televisivo italiano. Nasce ad Asti il 27 settembre 1956 e si laurea in Giurisprudenza all'Università di Pisa.Dopo aver diretto per qualche anno l'ufficio stampa della squadra Pisa Calcio, diventa praticante professionista al «Secolo XIX».Comincia la carriera televisiva in Fininvest come inviato speciale della prima edizione di Studio Aperto su Italia 1 e poi passa con Emilio Fede al TG4 raggiungendo la notorietà con l'inchiesta Mani pulite, di cui ha parlato nel suo libro Novecento giorni sul marciapiede. Avventure e disavventure di un inviato a Tangentopoli (Mondadori 1994). Seguonole partecipazioni a vari programmi televisivi: Quelli che il calcio, Sanremo Notte, Domenica In, L'Isola dei... Approfondisci
Note legali