A testa alta. Don Giuseppe Puglisi: storia di un eroe solitario

Bianca Stancanelli

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
In commercio dal: 28 maggio 2015
  • EAN: 9788806227890
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Tre anni prima di essere ucciso padre Pino Puglisi, che a volte si firmava 3P come un personaggio dei fumetti, accettò l'incarico di parroco nel quartiere Brancaccio di Palermo. Quella scelta gli costò la vita per mano della mafia. Una giornalista di "Panorama" studia l'omicidio (i responsabili hanno confessato), ma soprattutto la situazione tragica del quartiere, l'impegno del prete con i bambini e il suo tentativo di ottenere per Brancaccio almeno le infrastrutture fondamentali del vivere civile.

€ 9,35

€ 11,00

Risparmi € 1,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Questo articolo potrebbe non essere consegnato entro Natale
Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giovanni Breda

    01/07/2018 23:13:31

    Scritto molto bene. Descrive la storia di don Pino Puglisi ed in particolare dei suoi ultimi tre anni di vita nel quartiere Brancaccio di Palermo dove è stato ucciso dalla mafia. Mi sembra che riesca a cogliere molti elementi di verità di una storia complessa. Ne emerge ben tratteggiata la figura di questo sacerdote cattolico e del modo con il quale ha affrontato, con il sacrificio cosciente della sua vita, la realtà nella quale si è trovato ad operare come parroco.

  • User Icon

    Martina

    11/11/2012 10:40:43

    Uno dei pochi libri che mi ha richiesto davvero molto tempo per leggerlo. L'ho trovato pesante e ripetitivo, per questo non lo consiglio.

  • User Icon

    Luca Perini

    12/10/2008 21:41:18

    E' disarmante il senso di inadeguatezza che pervade la lettura di questo libricino piccolo piccolo che riguarda un uomo cosi' grande. Inadeguatezza delle istituzioni, vergognosamente assenti nel quartiere Brancaccio di Palermo, inadeguatezza sociale di una popolazione che non ha i mezzi economici e, spiace constatarlo, etici (c'era chi festeggiava per gli attentati a Falcone e Borsellino) per affrancarsi dalla morsa della mafia, ed inadeguatezza del lettore di fronte alla figura di Padre Puglisi. Partendo dai bambini, togliendoli dalle strade di un quartiere che ha bisogno di tutto Padre Puglisi inizia la sua lotta testarda e sorridente alla mafia, andando casa per casa, ascoltando e ridando dignita' ad un intero quartiere. Come dice la stessa autrice chi ha capito in toto la dirompente azione di Don Puglisi e' stata purtroppo solamente la mafia. Che infatti lo ha barbaramente ammazzato

Scrivi una recensione