Categorie
Artisti: Beatles
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: EMI
Data di pubblicazione: 19 ottobre 1987
  • EAN: 0077774644624
Disponibile anche in altri formati:

€ 16,50

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Disco 1
  • 1 Come together
  • 2 Something
  • 3 Maxwell's Silver Hammer
  • 4 Oh! Darling
  • 5 Octopus's garden
  • 6 I want you (she's so heavy)
  • 7 Here comes the sun
  • 8 Because
  • 9 You never give me your money
  • 10 Sun king
  • 11 Mean Mr. Mustard
  • 12 Polythene Pam
  • 13 She came in through the bathroom window
  • 14 Golden slumbers
  • 15 Carry that weight
  • 16 The end

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alex Lugli

    19/09/2009 17.28.48

    "Abbey Road" si può definire l'ultimo album in studio inciso dai Beatles; il successivo "Let It Be" (pubblicato nel Maggio del 1970) contiene infatti brani registrati in precedenza (fra il Dicembre 1968 e il Gennaio 1969) ed è in gran parte una registrazione live (seppure di brani inediti e con ampie rielaborazioni in studio). "Abbey Road" ha una struttura unica nella discografia beatlesiana. Il lato B, infatti, è costituito quasi interamente da un lunghissimo medley in cui ballate e brani rock and roll si susseguono senza soluzione di continuità, con temi ripresi e variazioni, fino a un imponente crescendo finale. Questa formula anticipa le suite che caratterizzeranno gran parte della produzione rock degli anni '70. Fra i temi che si susseguono ce ne sono molti divenuti celebri, da "She Came In Through The Bathroom Window" a "Golden Slumbers", fino al celebre finale, in cui il potente crescendo introdotto da "Carry That Weight" si risolve all'improvviso nella delicata melodia di "The End", una canzone di una sola strofa: And in the end the love you take is equal to the love you make. Tra gli altri brani celebri, sul lato A, spicca "Come Together" di Lennon (destinata a diventare uno dei suoi cavalli di battaglia nei concerti come solista) e "Something", che assieme a "Here Comes The Sun" è la più celebre canzone di George Harrison. "Octopus's Garden" fu la seconda e ultima composizione di Ringo Starr nei Beatles. È decisamente un album importante e il suo altissimo livello ha quasi del miracoloso: i Fab Four erano allora impegnati, a parte forse McCartney, nelle loro personali avventure e disavventure soliste, e partecipavano solo raramente alle registrazioni, e quasi mai tutti insieme. Poteva uscirne un album stanco, raffazzonato, slegato al suo interno (come capiterà al successivo "Let It Be"), e invece siamo di fronte ad una vera pietra miliare non solo per i Beatles, ma per l'intera musica pop. Per Rolling Stone è il 14° album più importante di tutti i tempi. Un classico assoluto, bellissimo e peculiare.

  • User Icon

    James

    09/09/2009 21.24.53

    Uno dei migliori album mai prodotti nella storia. Reduci dai primi contrasti sviluppatisi nel precedente White Album, i Beatles sembrano ormai prossimi alla fine, e in molti pensavano ad un ultimo disco "sforzato" e banale. Il risultato è ben altro: il disco è eccellente, un dei migliori della band, e funge come testamento artistico dei Beatles. L'album si apre con 3 pezzi splendidi: Come Together di Lennon, Something e Here Come The Sun di Harrison, divenuti dei capolavori. Celebre è inoltre la seconda parte del disco, che ospita il The Long One, ovvero il mitico medley, esaltante e perfetto che esalta ancor di più la qualità di questo album, divenuto una pietra miliare del rock.

  • User Icon

    tommaso79

    04/07/2007 18.22.22

    Fregandosene di quello che stava allora accadendo alla musica popolare, delle avanguardie, dell'elettronica, del progressive, i beatles fanno quello che sanno fare meglio, cioè i beatles e incidono il loro album più bello o quantomeno la più bella sequenza di canzoni, perché il lato b di questo disco è un vero capolavoro!!

  • User Icon

    ELENA

    30/05/2007 11.24.04

    ASSOLUTAMENTE GENIALE.

  • User Icon

    francesco

    09/07/2006 13.00.02

    E' il testamento dei BEATLES,l'ultimo album in ordine di produzione,il penultimo per uscita.La prima parte è splendida(COME TOGETHER,SOMETHING,I WANT YOU)ma la seconda parte è insuperabile in particolare il"medley" che inizia con YOU NEVER GIVE ME YOUR MONEY a seguire SUN KING ecc..con finale nel quale i BEATLES toccano il loro vertice tecnico.Un disco memorabile.

  • User Icon

    ENZO BARBATO

    29/09/2005 12.51.22

    Lo si può definire album di commiato in tutti i sensi, in quanto è stato concepito dopo "Let it be" nonostante sia stato pubblicato prima. Commiato anche perchè i Beatles erano diventati ormai incapaci di sopportarsi, grazie agli anatemi di Yoko Ono e le pressioni dell'uomo delle tasse. Malgrado tutto, i pezzi che compongono questo straordinario lavoro, non hanno bisogno di presentazioni di sorta. "Come together" è da brividi, "Something" è a dir poco meravigliosa e come sempre manca lo spazio materiale per descriverle tutte. Per molti è il migliore album del quartetto, mentre la storica copertina è stata imitata da molti altri artisti (Red Hot Chili Peppers, ecc.), come quella del Sgt. Pepper's (Frank Zappa, ecc.), e With the Beatles (Genesis, ecc.). Rock puro. Straordinario.

  • User Icon

    Carmine Spiga

    06/09/2005 10.24.47

    Con i rapporti interpersonali al peggio i Beatles incidono l’ultimo capolavoro. Registrato dopo “Let it Be”, l’ultimo loro disco, ma pubblicato prima dello stesso. Qualcuno ha scritto “ascoltando la seconda facciata si capisce perché Dio ha creato la musica” ed è assolutamente vero. Una sequenza di canzoni difficili da dimenticare(sono i Beatles!!!!!), pop ad altissimo livello, una copertina storica. Indispensabile.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione