Categorie
Artisti: David Gilmour
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Plg Uk
Data di pubblicazione: 25 agosto 2006
  • EAN: 0094637084229
Disponibile anche in altri formati:

€ 14,90

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello
Disco 1
  • 1 Until We Sleep
  • 2 Murder
  • 3 Love on the Air
  • 4 Blue Light
  • 5 Out of the Blue
  • 6 All Lovers are Deranged
  • 7 You Know I'm Right
  • 8 Cruise
  • 9 Let's Get Metaphysical
  • 10 Near the End

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Armando

    10/07/2012 21.59.11

    Datato 1984, About Face rappresenta il secondo disco da solista per David Gilmour, meglio conosciuto come lo storico chitarrista in forza ai Pink Floyd, leggendario complesso rock inglese. L'album è stato tristemente influenzato in più punti dalla musica dance, molto in voga in quegli anni, e a tal proposito va sottolineato come Gilmour non ha saputo sfruttare alquanto le sonorità di quel periodo. I brani più influenzati in questo senso sono Until We Sleep, in apertura del disco, e soprattutto Blue Light, singolo estratto dal disco insieme a Love on the Air. Tuttavia brani di pregevolissima fattura come Let's Get Metaphysical e la successiva Near the End, e la presenza di session-men tanto numerosi quanto validi, come Pino Palladino (basso), Jeff Porcaro dei Toto (batteria), Bon Ezrin e Jon Lord ai sintetizzatori, Roy Harper ai cori e Micheal Kamen agli arrangiamenti orchestrali rendono About Face un disco accettabile, ma sicuramente non sarà ricordato dai floydiani come il migliore nella discografia di Gilmour: il chitarrista ha dimostrato di saper fare molto meglio sia con i Pink Floyd che nel suo ultimo disco solista On an Island (2006).

  • User Icon

    Angelo

    11/11/2006 02.29.56

    Grande.. mitico.. ha bissato la bellezza del precedente. L'ultimo non l'ho capito, forse sono..vecchio? ma questo.. mitico! Ancor ora riascoltarlo mi commuove. Grazie David, mi hai dato emozioni, riempito l'anima, colmando vuoti di sensazione. Hai scritto la musica che era dentro di me. Non c'è descrizione che tenga, comunque. Nè parola che possa far comprendere quel che si prova ad ascoltare un disco come questo. Solo fra gli sguardi di chi ha condiviso l'ascolto si può intravvedere qualcosa ...

Scrivi una recensione