Editore: Garzanti Libri
Edizione: 2
Anno edizione: 1998
Formato: Tascabile
In commercio dal: 13 marzo 1998
Pagine: 154 p., Brossura
  • EAN: 9788811669135
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

"Chi non ha mai scritto versi?... Anch'io, ad intervalli regolari, "ad ora incerta", ho ceduto alla spinta: a quanto pare, è inscritta nel nostro patrimonio genetico". In realtà, il fare poesia non è stato in Primo Levi un'attività marginale o minore; egli stesso ci racconta come, scampato al Lager, gli fosse venuto spontaneo fissare la tragedia di Auschwitz nei versi che poi avrebbero aperto "Se questo è un uomo". Nei testi poetici raccolti in questo volume ritroviamo, come ha osservato Giovanni Raboni, "lo stesso acume morale, la stessa forza di memoria, ammonimento e pietà che rendono sostanziosa, così giusta, così naturalmente memorabile la sua prosa".

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

€ 8,10

€ 15,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    alida airaghi

    21/06/2018 05:30:35

    Come nei romanzi, l’imperativo che sembra guidare la scrittura in versi di Levi è decisamente comunicativo; ciò che preme all’autore è poter raccontare ai lettori le esperienze vissute, i sentimenti e le riflessioni che lo animano. Una sorta di lascito morale da esprimere con radicale chiarezza, con l’intendimento severo di trasmettere un monito a chi legge, senza raggiri stilistici. Il tono classicheggiante, biblico-dantesco, sospeso tra l’ironico e il perentorio, non rifugge da formule desuete, ma è sempre finalizzato a un coinvolgimento ammonitore del pubblico. Uno stile quasi profetico, dunque, con finalità didascalica riflessa anche nei contenuti. I temi ecologici risultano evidenti nell’attenzione rivolta non solo al mondo animale e vegetale spesso antropomorfizzato, ma anche nell’appello diretto all’umanità perché non persista nella distruzione dell’ambiente. L’ateo Primo Levi, pur orgogliosamente partecipe del proprio ebraismo, non crede a una divinità provvidenziale e benevola. Crede invece nell’indifferenza del cielo verso il destino degli uomini, condannati all’infelicità, inghiottiti in una notte senza riscatto che accomuna tutte le creature nella sofferenza. Si salvano i rapporti affettivi con i familiari, con i compagni di una vita, con gli amici, con l’amata moglie Lucia, cui è dedicato il libro. Il mito, la Bibbia, la storia universale, la scienza, la lotta partigiana cui Levi prese parte attivamente in gioventù sono presenti in tutta la raccolta. Ma ovviamente è la tragedia della Shoah, rivissuta nella memoria lacerata e mai più ricomposta, a risuonare come un basso continuo in questi versi, insieme al dovere morale di rendere testimonianza di quell’orrore. La voglia giovanile di tornare a “camminare liberi sotto il sole”, recuperando l’impegno di lotta contro ogni sopruso, lentamente si ammorbidisce in una più docile e rassegnata aspirazione alla pace: “Felice l’uomo che ha raggiunto il porto, / Che lascia dietro sé mari e tempeste…”

Scrivi una recensione