Categorie

Jean Rhys

Traduttore: M. Dallatorre
Editore: Adelphi
Collana: Fabula
Anno edizione: 2001
Pagine: 166 p.
  • EAN: 9788845916113

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lina

    02/09/2014 01.19.59

    ottima caratterizzazione psicologica.

  • User Icon

    Sarah

    05/01/2014 18.09.57

    La trama non ha una gran consistenza, il personaggio è delineato perfettamente e in modo sorprendente, sembra un po' rosselladi via col vento, domani è un altro giorno

  • User Icon

    Libetta

    27/12/2002 21.27.14

    Nel leggere "Addio, Mr. Mackenzie", oltre all'affaticamento per le descrizioni di luoghi che al contrario di trasmettere solitudine e disperazione appaiono un riempitivo, ho percepito una certa sensazione di polemica. Pare la scrittrice si definisse a doormat in a world of boots, ed il libro (che narra di una disperata quasi ex bellezza che accetta regalie dagli amanti) mi e' parso come troppo personale, nel senso biografico del termine e, le recriminazioni verso gli uomini che gia' non mi entusiasmano da un'amica live, mi schiantano da un'estranea dead.

  • User Icon

    A.

    27/08/2001 13.54.46

    Per tutte quelle donne che nel corso della loro vita hanno fatto cose sciocche e insensate, hanno inutilmente e indecorosamente inseguito uomini freddi e distanti, poi rivelatisi vuoti e deboli pupazzi, hanno cercato se' stesse e un poco di tranquillita' in luoghi anonimi dai soffitti alti, illudendosi di trovarli calde tane dove leccarsi le ferite, che si sono mai sedute sulla tazza di un bagno di un locale pubblico a constatare sconfitte l'irreparabilita' della smagliatura nei loro collant avorio e a quel punto si sono dette: "Ecco, adesso e' davvero finita". Tutte queste donne dovrebbero leggere di Julia Martin. Di come e' una loro sorella. E amrla un poco, per quel tanto che non e' stata amata e che non sono state amate loro stesse.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione