L' adozione internazionale di minori. Normativa interna e giurisprudenza europea

Alessandra Bisio,Ivana Roagna

Editore: Giuffrè
Anno edizione: 2009
Tipo: Libro tecnico professionale
Pagine: XX-476 p.
  • EAN: 9788814148309
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 47,50

€ 50,00

Risparmi € 2,50 (5%)

Venduto e spedito da IBS

48 punti Premium

Disponibile in 10 gg

Quantità:
Aggiungi al carrello

L'adozione internazionale di minori è un istituto che, al di là di un'apparente semplicità, presenta notevoli aspetti critici, sia sul piano umano ed emotivo che su quello giuridico.Le autrici di questo volume hanno voluto realizzare un testo fortemente pragmatico in grado di rispondere, in maniera chiara e puntuale, agli interrogativi che la procedura dell'adozione internazionale solleva agli aspiranti genitori e per chi, eventualmente, li assiste i qualità di consulente legale.Accanto alla disamina della normativa interna ed internazionale in materia di adozione di minori, tra cui la nuova Convenzione europea sull'adozione (2008), il testo si occupa in generale degli strumenti di tutela dei diritti umani e di diritti dei bambini (che di riflesso si applicano all'adozione internazionale), per poi concentrarsi sull'analisi approfondita della Convenzione europea dei diritti dell'uomo e sulla giurisprudenza che essa ha originato di fronte alla Corte europea di Strasburgo in materia di adozione.Sotto questo profilo, il volume si presenta come un prezioso ausilio ed un'utile guida per gli operatori del diritto intenzionati a rivolgersi agli organi di Strasburgo. Benché, come ribadito più volte dalla Corte europea, il diritto ad adottare non risulti garantito dalla Convenzione, esistono, a parere delle autrici, spazi di manovra per consentire a questo tribunale internazionale di essere investito di questioni legate a procedure adottive. La capacità del giurista, anche con il supporto che questo lavoro intende rappresentare, consisterà proprio nell'individuare nello specifico caso concreto e, alla luce della giurisprudenza citata, le eventuali violazioni "secondarie".