Editore: Einaudi
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 03/04/2018
Pagine: 320 p., Brossura
  • EAN: 9788806237639

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Thriller e suspence - Thriller

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 16,15

€ 19,00

Risparmi € 2,85 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giorgio Ballario

    12/06/2018 15:17:08

    Un periodo storico ancora vicino e confuso, un personaggio misterioso e luciferino, una trama che intreccia politica, costume e atmosfere thriller. Sulla carta il nuovo romanzo di De Cataldo aveva tutte le carte in regola per diventare un noir con i fiocchi, ma purtroppo bastano pochi capitoli per capire che il progetto è fallito e che i bei tempi di “Romanzo criminale” sono lontani. Raccontare la storia (vera) dell’agente americano al servizio della Cia (ma anche di se stesso), che fra il ’68 e i primi Anni Settanta diffonde la cultura dello sballo e nuove droghe sintetiche per indebolire i movimenti politici anti-sistema, era un’idea geniale. Ma l’autore si perde ben presto nel déja vu (l’espediente dello scrittore italiano contattato da un vecchio avvocato americano, che conobbe l’agente Jay Dark) e in una ricostruzione molto interessante ma priva di pathos e di “mordente” narrativo. L’intero romanzo è centrato sull’esperienza americana e inglese dell’agente Cia e dell’operazione Blue Moon, mentre è quasi completamente trascurata tutta la parte italiana della vicenda, che sarebbe stata molto più coinvolgente: per chi non lo sapesse, il vero agente Ronald Stark venne arrestato a Bologna nel 1975, in carcere entrò in contatto con esponenti delle Brigate rosse e venne poi rilasciato senza processo proprio per la sua appartenenza ai servizi segreti Usa. Personaggi troppo piatti, poca psicologia, scarsi colpi di scena. Più che un romanzo thriller mozzafiato, il volume sembra un lungo reportage giornalistico sugli anni della controcultura americana. De Cataldo scrive sempre bene e il “mestiere” ogni tanto si fa largo, ma “L’agente del caos” appare più che altro come un’occasione perduta.

  • User Icon

    Luca

    10/06/2018 14:35:40

    Non concordo con le molte recensioni negative. Se da una parte il romanzo non è il classico thriller, e si capisce ben prima di arrivare alla fine chi sia in realtà l'avvocato Flint, dall'altra è interessante e ricco di rivelazioni che prendono spunto da fatti realmente accaduti e persone realmente esistite.

  • User Icon

    Charlie

    28/05/2018 15:03:06

    Per larghi tratti del libro pensavo a quando avrei dato il rating "Pessimo". Poi, un po' per non tradire De Cataldo che ha scritto due dei libri che sono nella mia top ten (Romanzo Criminale e Suburra), un po' perché, tutto sommato, la storia è abbastanza intrigante, passo a "Scarso". Ma di più è proprio impossibile anche per l'ambientazione negli anni '60 tra tossici, droghe psichedeliche e hippies che per me sono come fumo negli occhi. Forse De Cataldo rimpiange di non aver vissuto appieno quegli anni.

  • User Icon

    Fabio

    28/05/2018 09:11:11

    L'idea di base renderà felici tutti i complottisti contemporanei,visto che si parla della destabilizzazione dei giovani americani prima e di quelli europei dopo operata dalla CIA negli anni 60,con la diffusione di LSD e eroina e infiltrazione dei propri agenti nelle università e nei gruppi di giovani ribelli ,con l'unico scopo di impedire la crescita del comunismo e creare il caos che permette di controllare e indirizzare le masse giovanili ,per l'interesse degli USA,il tutto raccontato da uno di questi agenti,forse il più abile ed efficace. L'idea sarebbe buona,ma lo svolgimento convince a metà e in molti passaggi c'è troppo autocompiacimento narrativo e diverse forzature sono poco credibili. Si salva perché nel complesso è ben scritto e si lascia leggere,strappando qualche riflessione.

  • User Icon

    Massimo Mazza

    27/05/2018 08:08:39

    Mai letto nulla di De Cataldo, ma mi son preso la briga di leggere questo libro stimolato dalla presentazione su Tuttolibri, inserto settimanale de La Stampa. Mi aspettavo qualcosa di piu' sulla Roma del '68 e non solo il racconto di qualche cena tra il nostro e Flint-Jay Dark ai giorni nostri. La lettura peraltro e' spedita e ben riuscito il personaggio dell'ascetico ex (?) nazista professor Kirch. L'ambiguita' del protagonista e le allucinazioni dell' LSD, ottimi spunti per un film di Spielberg, fanno il resto in una trama tutto sommato piatta. Peccato.

  • User Icon

    Robroy

    05/05/2018 10:39:18

    Questa volta De Cataldo ha veramente toppato. Insulso, privo di contenuti credibili. Abbandonato a metà per disperazione.

  • User Icon

    Lomax

    01/05/2018 07:23:08

    Pessimo! Vuoto nei contenuti ma ricco di stereotipi (nei personaggi e nello sviluppo narrativo). Non bastano alcune dotte citazioni per colmare le lacune narrative di questo libro. Peccato, perchè -al di là delle premesse (secondo me) largamente disattese- da uno scrittore di razza come De Cataldo è doveroso aspettarsi di più.

  • User Icon

    Matteo

    27/04/2018 12:56:05

    Non sembra lo stesso scrittore di Suburra e Romanzo Criminale, anche se questa è una bella storia (purtroppo mal sviluppata) che potrebbe far nascere un gran bel libro.. De Cataldo ci vediamo alla prossima. Non male ma si può fare nettamente di meglio.

  • User Icon

    Delusione

    24/04/2018 14:43:20

    Mi aspettavo molto di più, ma alla fine non è un thriller, non è un saggio, non è un noir, non è nulla di preciso. Peccato perchè l'idea poteva essere interessante.

  • User Icon

    Giovanni

    13/04/2018 15:49:51

    Certo dopo Romanzo Criminale e Suburra, e difficile ripetersi.... alla prossima

  • User Icon

    angelo

    13/04/2018 13:03:34

    Ingredienti: uno spacciatore-agente segreto col dono delle lingue, una personalità ambigua immune alle droghe, una vita senza radici tra USA ed Europa, una fine misteriosa ricostruita dal dialogo tra uno scrittore ed un avvocato. Consigliato: a chi ha attraversato gli anni ’60 tra contestazioni giovanili, pop-art e raduni hippie, a chi vive sospeso tra caos ed ordine.

  • User Icon

    Sergio

    06/04/2018 10:36:57

    Ero così contento... un nuovo romanzo di De Cataldo! Ma purtroppo è una piccola delusione. Gli autori italiani non dovrebbero cercare di fare gli americani, perché finiscono come nel film di Sordi. De Cataldo ha scritto libri importanti su ciò che conosce bene e nel mondo in cui lo conosce. Leggete Romanzo criminale, o Suburra, o il racconto di Cocaina e avrete il De Cataldo migliore, che ci auguriamo torni nuovamente alla luce.

Vedi tutte le 12 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione