Topone PDP Libri
Salvato in 18 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Le aggravanti sentimentali
17,58 € 18,50 €
LIBRO
Venditore: IBS
+180 punti Effe
-5% 18,50 € 17,58 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,58 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
18,50 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
18,50 € + 8,00 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Biblioteca di Babele
8,00 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libraccio
9,99 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,58 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
18,50 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
18,50 € + 8,00 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Biblioteca di Babele
8,00 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libraccio
9,99 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
Le aggravanti sentimentali - Antonio Pascale - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Le aggravanti sentimentali Antonio Pascale
€ 18,50
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione


Se questo fosse un romanzo tradizionale, il protagonista sarebbe un uomo che contempla il tramonto su una panchina interrogandosi sulla felicità, ignaro del fatto che di lí a poco gli eventi precipiteranno. Qui, invece, i veri protagonisti sono il tempo e il caos, esattamente come nelle nostre vite.

«La vita è un accumulo di risposte esatte date al momento sbagliato».

Cosa può combinare un uomo, sulla soglia dei cinquanta, da solo in città mentre moglie e figli sono al mare? Per esempio, lasciarsi trascinare alla rocambolesca premiazione di un vecchio maestro del cinema, per poi infilarsi in lunghe discussioni – un occhio alla luna e uno alla birra – sul senso del tragico, la stabilità delle orbite planetarie, i sentimenti post lavatrice e la ricerca della felicità. Con lui, un gruppo di sgangherati amici: Giacomo che da promettente film-maker si è ridotto a consegnare le pizze; Paola che si sente «fuori mercato» a trentacinque anni e arriverà a tentare un gesto estremo; Luigi, artista affermato, che si caccia in una relazione pericolosa dietro l’altra. Nessuno di loro è davvero felice, per quanto si sforzi di vivere seguendo i propri sentimenti. Ma in fondo chissà quanta parte ha la volontà, e quanta il caso, nelle nostre vite. E, soprattutto, quanta parte ha l’amore. Sulla scia delle Attenuanti sentimentali, Antonio Pascale tratteggia con intelligenza e ironia il nostro tempo. Attraverso episodi esilaranti e digressioni tanto puntuali quanto svagate, ci colloca nel centro esatto del racconto, di fianco al suo protagonista cosí nevrotico e contemporaneo, cosí sentimentale e forse tragico, cosí simile a noi. «Sí, lo ammetto, a furia di contemplare il cielo la felicità era in notevole ritardo e gli eventi sentimentali, invece, sul punto di precipitare».
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2016
16 febbraio 2016
181 p., Rilegato
9788806229498

Valutazioni e recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
(3)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(2)
1
(0)
Viktoria
Recensioni: 2/5

L'idea di fondo di questo libro era molto interessante,tanto ad indurmi ad acquistarlo. Niente di più sbagliato,Non ho amato la storia ,Le azioni dei personaggi, il caos presente nel libro per descrivere qualcosa. Ho faticato per terminare il libro, ho più volte pensato di abbandonarlo ma ho voluto dare una possibilità alla parte finale ma nulla! Per me è stata una perdita di tempo.

Leggi di più Leggi di meno
Giovanni
Recensioni: 2/5

Va bene, ma sino a un certo punto, tutta la filosofia contro la trama, indice di conformismo,ma passare dalla trama all'informe e all'inconsistenza non mi sembra un gran passo in avanti. Caro collega (agronomo) Antonio, qualcosa di interessante l'hai pure scritta, già le Attenuanti si facevano leggere meglio, ma questo, che gran fatica portarlo a termine!!! L'anticonformismo troppo ricercato mi sa che ti ha fatto fare adesso un buco nell'acqua. Se ritorni con i piedi per terra forse torno a leggerti.

Leggi di più Leggi di meno
feis_buk
Recensioni: 5/5

Libro importante, figlio di una generazione che non si accontenta di risposte banali, denso intenso doloroso a tratti disperato, ma affamato di verita che sfuggono, vorticoso increspato, cupo ma lucido

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(2)
1
(0)

Voce della critica

Che cos’è la felicità? Cos’è la libertà del volere umano? Sono, questi, interrogativi che ci aspetteremmo di vedere affrontati in un saggio filosofico, più che in un romanzo: almeno in Italia, dove il conte philosophique non ha mai goduto di grande popolarità.

Eppure è proprio a questo genere illuministico che appartiene il nuovo romanzo di Pascale, seconda parte di un ciclo iniziato nel 2013 con Le attenuanti sentimentali, e che del precedente riprende i personaggi principali, l’ambientazione e i temi. Peraltro queste incursioni speculative sono prevalentemente opera del protagonista, che propone continuamente ardue questioni ai suoi interlocutori, ma senza mai riscuotere troppo successo: la volontà intellettualizzante del narratore, continuamente frustrata dalle reazioni degli altri personaggi, troppo presi da se stessi per apprezzare le “divagazioni” del protagonista, si risolve in una sorta di controcanto ironico alle fluviali affabulazioni degli altri personaggi, con effetti comici irresistibili.

Il romanzo è composto prevalentemente da dialoghi, con saltuari raccordi che si fanno più ampi e distesi nel terzo capitolo, che è poi quello nel quale accadono quasi tutti gli eventi. La duttilità e varietà del dialogato di Pascale sono ammirevoli, e vanno particolarmente sottolineate la verosimiglianza e la fluidità con cui i personaggi passano da un argomento all’altro.

Benché i temi del libro – che è pur sempre una storia di intellettuali e artisti di mezza età che parlano dei loro problemi esistenziali – possano far pensare a uno dei tanti romanzi ombelicali della contemporaneità italiana, siamo invece dinanzi a una vigorosa e appassionata riaffermazione dei diritti del romanzo come indagine del reale. Il mondo cui appartengono i personaggi è studiato e descritto con ricchezza di dettagli; la resa dei fatti è limpida e a volte arriva a esiti di impressionante evidenza. Per gusti e attitudini Pascale è essenzialmente uno scrittore comico: non ostenta i sentimenti, non porta all’estremo le tensioni, detesta la magniloquenza e preferisce smussare, evitare i rischi di eccesso emotivo smorzandoli con lo humour e i passaggi di tono. Eppure, se c’è una caratteristica del libro che davvero colpisce, mi sembra che sia un’altra ancora: ed è la sua inesauribile curiosità, la sua intelligente simpatia per le cose e per gli altri: in una parola, una felicità nel raccontare quale, nel romanzo italiano, non si vedeva almeno dai tempi di Comisso.

Recensione di Luca Simonetti.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Antonio Pascale

1966, Napoli

Vive prima  a Caserta, poi a Roma, dove attualmente lavora. Ha pubblicato tra l'altro: La città distratta (Einaudi, 2001 - Premio Onofri, Premio Elsa Morante-isola di Arturo), La manutenzione degli affetti (Einaudi, 2003 - Premio Lo Straniero, Ostia, Premio Chiara, Premio Napoli, cinquina Premio Viareggio) e Passa la bellezza (Einaudi, 2005), S’è fatta ora (Minimum Fax, 2006), Non è per cattiveria. Confessioni di un viaggiatore pigro (Laterza, 2006), L’isola nave e la memoria degli ultimi marconisti (La Riflessione, 2007), Scienza e sentimento (Einaudi, 2008), Solo in Italia (Contrasto DUE, 2008). Del 2010 Questo è il paese che non amo. Trent'anni nell'Italia senza stile, edizioni Minimum Fax.Per la stessa casa editrice ha curato la raccolta...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore