Agosto è il mese più crudele - Daniele Nepi - copertina

Agosto è il mese più crudele

Daniele Nepi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Marsilio
Collana: Farfalle
Anno edizione: 2003
In commercio dal: 2 luglio 2003
Pagine: 361 p.
  • EAN: 9788831782494

€ 8,64

€ 16,00

Punti Premium: 16

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Dieci giorni di vacanza in Alto Adige, nel mese di agosto, si trasformano in tragedia. Durante una gita in montagna, turbata da un terribile temporale, qualcuno realizza un'innata e mostruosa voglia di uccidere, una voglia che è cresciuta nel segreto della sua coscienza, e commette il primo di una serie di omicidi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

1
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    zombie49

    01/09/2019 12:26:45

    Quattro anziane coppie, con figli e nipoti, da sei anni trascorrono le vacanze estive in un albergo in Sudtirolo, il Franziskaner Kloster di Claudia Oberburger, ormai diventata un’amica. Il resort è confortevole e grazioso; il cibo, preparato dallo chef Herbert, è delizioso e gli ospiti si rilassano piacevolmente. Uno di loro, però, sente un irrefrenabile desiderio di uccidere, che ha represso fin dall’adolescenza. Tra ricette di alta cucina e discussioni oziose di pseudo intellettuali annoiati, la storia è molto lenta e, all’inizio, di giallo ha ben poco. Il lessico sgrammaticato di Jane è caricaturale e artefatto: non ho mai sentito uno straniero usare parole ricercate e fare errori di grammatica elementari. I personaggi sono numerosi ma si assomigliano nella loro banalità: prototipi dell’italianità, non fanno altro che mangiare e litigare. I discorsi filosofeggianti sono di una noia mortale. I protagonisti sono spocchiosi e snob: le persone che non vorrei mai incontrare in montagna. Amo il Sudtirolo, e questo è finto come una quinta teatrale: i nomi dei luoghi sono fittizi. Nepi riempie pagine senza dire nulla, dalla moda culinaria alle banalità quotidiane di personaggi stereotipati. Lo spunto poteva essere interessante, ma dopo cento pagine il giallo è appena accennato e resta potenziale. L’autore, attraverso il suo personaggio più antipatico, Giorgio, sostiene che una vicenda letteraria non deve essere attendibile e disprezza i lettori che vogliono immedesimarsi nel protagonista; per me, invece, una storia senza partecipazione è noia. Come questa. Finalmente, a metà del libro, durante un temporale, c’è il delitto. Come in “Dio di illusioni” gli amici teorizzano sull’omicidio, qualcuno lo mette in atto. La rivelazione del colpevole all’ultima riga, senza una parola di spiegazione, è l’ennesima assurdità di una storia che vuole solo stupire. Lo stile è pretenzioso, con elementari errori di grammatica. Un libro pessimo: x fortuna non l’ho comprato.

Note legali