Anno edizione: 2008
In commercio dal: 8 maggio 2008
Pagine: 224 p., Brossura
  • EAN: 9788838923111
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Descrizione
La mattina del 16 marzo 1978 Corrado Guerzoni, giornalista tra i più stretti collaboratori di Aldo Moro, telefonò a casa del presidente della Democrazia cristiana. Voleva tranquillizzarlo su alcuni attacchi della stampa, ma gli dissero che era appena uscito. Pochi minuti dopo Moro veniva rapito in via Fani da un commando brigatista che sterminava i cinque agenti di scorta. "La notizia me la diede un mio ex redattore del "Radiocorriere". Ebbi una sensazione di gelo, come se fossi entrato in una stanza ghiacciata". Trenta anni dopo Corrado Guerzoni racconta la vita di Aldo Moro, gli studi giuridici, l'ingresso in politica, il suo percorso istituzionale. E soprattutto si interroga su i motivi di quel rapimento, sul perché non si riuscì, non si volle, salvarlo. "Qualcuno decise che Aldo Moro doveva morire e morire in quel modo stupido e straziante". C'è ancora molto da capire di quel rapimento, sono rimasti tanti punti oscuri. Su alcuni, ora che sono trascorsi trent'anni, dovrebbe essere tolto il segreto di Stato. Altre domande sono ancora senza risposta: quanto contò l'ostilità di Kissinger, quanto quella di una parte della Chiesa, del cardinale Siri in particolare che, informato del rapimento, esclamò: "Ha avuto quel che si meritava".

€ 6,00

€ 12,00

Risparmi € 6,00 (50%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    gianni

    30/05/2016 17:58:40

    Il tono del libro è agiografico, ma non per questo non ne esce comunque un ritratto interessante di Moro e della sua politica. Lo stile di Guerzoni è quello dei comunicati democristiani d'antan: sintassi oracolare, lessico con sfumature da scolastica medievale, subordinate a grappolo multiplo. Insomma, nostalgia per questa cautela del dire e non dire, con un milione di riguardi e prudenze conventuali, proprio non la si nutre, anche perché a forza di sottili distinguo il Paese nella sua cruda realtà, intanto, andava a picco, mentre la nomenclatura democristiana faceva congressi sul nulla. Guerzoni non spiega, poi, con sufficiente chiarezza perché, con dolo o con negligenza (come ripete più volte con tono accusatorio), il regime a cui apparteneva non rivolle Moro vivo. E questo è il nodo di tutto.

Scrivi una recensione