L' alfier nero e tutte le novelle - Arrigo Boito - ebook

L' alfier nero e tutte le novelle

Arrigo Boito

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Ellera Edizioni
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 378 KB
  • EAN: 9788898821075
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 2,99

Punti Premium: 3

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una delle vette del fantastico dell'Ottocento italiano e non solo, i racconti di Arrigo Boito sono una sorpresa continua, testimonianza di quanto cosmopolita e all'avanguardia fosse in quegli anni la Scapigliatura. "L'alfier nero", che dà il nome alla raccolta, è una perla nascosta che riesce a racchiudere tutto il mondo in una scacchiera, ma anche gli altri racconti non sono da meno: le atmosfere claustrofobiche e dense di premonizioni di "Iberia", le crudeltà quotidiane de "Il trapezio", fino a quell'inquietante storia di fantasmi che è "Il pugno chiuso"; ognuno di essi è un piccolo capolavoro che ci fa rimpiangere il fatto che Boito abbia scritto così poca prosa, innamorato com'era della musica e così dedito all'opera. Ellera Edizioni presenta oggi un ebook che per la prima volta raccoglie in digitale tutte le sue novelle.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Arrigo Boito Cover

    (Padova 1842 - Milano 1918) poeta e compositore italiano. Esponente della scapigliatura milanese, direttore del conservatorio di Parma, insieme a E. Praga scrisse la commedia Le madri galanti (1863) e diresse il mensile «Figaro» (nel 1864), antimanzoniano. Fu garibaldino nel ’66 e senatore dal 1912. Grande conoscitore dei classici e della cultura europea contemporanea, tradusse libretti d’opera stranieri, fu critico drammatico e musicale su vari periodici, scrisse libretti per l’Otello e il Falstaff di Verdi e per i due melodrammi Mefistofele (1868) e Nerone (postumo, 1924), di cui aveva composto egli stesso la musica. Teorico di una sorta di fusione tra le diverse arti, ha lasciato un poemetto polimetro, Re Orso (1865), e Il libro di versi (1877), campionario di temi tardoromantici, prodotto... Approfondisci
Note legali