Categorie

Vanessa Diffenbaugh

Traduttore: A. Mantovani
Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2015
Pagine: 334 p. , Rilegato
  • EAN: 9788811670599

La vita di Letty è stata difficile: un errore dietro l’altro, paura, insicurezze. Unico porto sicuro, i genitori: Maria Elena ed Enrique l’hanno sempre sostenuta con amore, e soprattutto hanno cresciuto al suo posto i suoi due figli, mentre Letty abbandonava una promettente carriera scolastica per passare da un lavoro sottopagato ad un altro, e da una bevuta ad un’altra.

Ora sta fuggendo verso il Messico, per cercare disperatamente di riportare a casa i genitori che l’hanno lasciata per tornare nel loro paese natale: ormai è adulta e deve imparare ad assumersi le sue responsabilità, ma finché ci sarà Maria Elena a sostituirla, non sarà mai una vera madre. Schiacciata dalle sue paure e dal senso di inadeguatezza, Letty ha lasciato il quindicenne Alex e la piccola Luna a casa da soli, addormentati, mentre tenta il suo folle viaggio, convinta che i suoi figli staranno meglio senza di lei.

Quando Alex si sveglia e si accorge che la madre è scomparsa, cerca di non farsi prendere dal panico: la sorellina ha bisogno delle sue cure e la vita deve continuare come quando c’erano i nonni. Fedele alle regole di Maria Elena, Alex veste Luna e va con lei a scuola, improvvisando cene, intrecciando capelli, rimboccando coperte. Ha solo quindici anni, ma è maturato in fretta per aiutare Letty, madre-bambina non ancora cresciuta, ragazza difficile e spesso triste, con lo sguardo sempre distante nonostante i tentativi dei figli di attirarne l’attenzione. Alex è studioso e pieno di giudizio, ama la scienza e soprattutto lo studio delle rotte migratorie degli uccelli, passione trasmessagli dal nonno, artista di collage piumati. Tante volte si è sorpreso a guardare il cielo, sognando di poter volare via, in un posto lontano da Eden Landing, magari in uno dei luoghi nei quali il padre medico va ad aiutare i bisognosi, ignaro di avere un figlio…Dagli uccelli Alex ha imparato che, per quanto possano volare lontano, sono sempre in grado di tornare a casa: riuscirà anche Letty a ritrovare la rotta? E cosa potrà fare Alex per aiutarla a volare in alto, verso una nuova vita?
L’amore può aiutarci a trovare la strada, anche quella che ci porterà verso i nostri sogni, per quanto irraggiungibili possano sembrare. Il nonno Enrique ha lasciato al nipote la sua collezione di piume, con il messaggio “Per il mio Alex. Fanne delle ali” (p.55): questo sarà il monito del ragazzo, che costruirà giorno dopo giorno le sue ali per spiccare il grande volo verso la felicità.

Dopo l’enorme successo del  bestseller internazionale venduto in più di 40 paesi, Vanessa Diffenbaugh torna con un romanzo di grande impatto emotivo, uscito in Italia oggi in anteprima mondiale. Per la gioia dei lettori, inoltre, Le ali della vita uscirà in un’edizione speciale: ben quattro copertine diverse raffiguranti quattro ciondoli diversi, ognuno con un proprio significato.
Una storia intensa ed emozionante che ruota intorno ad una famiglia problematica e complessa che sarà in grado, con coraggio e determinazione, di voltare pagina, passo dopo passo, giorno dopo giorno. Un amore grande e imperfetto, quello che lega una madre tormentata dalla paura ai suoi coraggiosi bambini, una vita familiare complicata ma che pian piano trova un equilibrio.

Personaggi intensi e pieni di sfumature, fragili e coraggiosi nel contempo, ma sempre un po’ al limite: ai margini della società, emotivamente complessi, non possono che suscitare l’empatia nel lettore. Riusciamo ad immedesimarci in Letty, nella sua insicurezza, nella paura di non essere una madre all’altezza che la fa desistere anche dal tentativo di provarci. Proviamo gioia e sollievo nel vedere tutti gli sforzi che questa madre porta avanti per dare ai propri figli una vita migliore, e ci commuoviamo per il quindicenne Alex, ragazzo intelligente e sensibile che cerca il suo posto nel mondo. Anche in questo caso, come nel precedente romanzo, l’aiuto viene dalla natura: se per Victoria, la protagonista del Linguaggio segreto dei fiori, la spinta per ricominciare a vivere arriva dai fiori, per Alex arriva dagli uccelli, dall’osservare la loro libertà e la semplicità della loro vita: “Gli uccelli avevano ricevuto tutto quello di cui avevano bisogno. Una casa nell’aria pura e tersa: un momento di assenza di gravità, una tregua dal peso della vita. “ (p.329)

Recensioni di Chiara Barra

 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Maura

    04/11/2016 19.15.09

    Meraviglioso! Un libro che parla dell'amore, quello vero, che sbaglia ma si risolleva e continua a provarci. Amore tra genitori e figli, tra figli e genitori, tra adolescenti e tra adulti. Ma parla anche di sogni e di speranze da realizzare. L'autrice descrive tutto questo con una delicatezza e una profonditá incredibili e le pagine volano. Secondo me ancora più bello del primo.

  • User Icon

    Sophie

    16/08/2016 20.54.33

    L'autrice è stata abilissima ad incuriosire il lettore, non vedi l'ora di arrivare in fondo per capire cosa succederà ai protagonisti... penso che sia impossibile non essere catturati da questa storia! ... un libro da leggere, secondo me...

  • User Icon

    alessia

    27/06/2016 16.08.08

    "....riprenditi e sistema le cose. E se non puoi sistemarle, volta pagina. E' l'unico modo per viviere...."

  • User Icon

    valentina

    06/06/2016 23.24.10

    Bel libro coinvolgente, scorrevole e lettura piacevole. La storia parla di amore, coraggio, di forza e di crescita.

  • User Icon

    Maddalena

    18/02/2016 20.40.44

    Libro davvero molto bello, coinvolgente, si legge d'un fiato. Un libro d'amore e di coraggio, di forza e di crescita. Difficile non entrare in sintonia con i personaggi e non lasciarsi travolgere dalle loro emozioni. Inoltre, fanno da sfondo tematiche molto serie e attuali, come il bullismo e l'immigrazione, che aumentano l'intensità del romanzo. Consigliatissimo!!

  • User Icon

    Damiana Della Bidia

    19/01/2016 14.23.28

    Mi sono buttata a capofitto su questo libro perchè il precedente mi era piaciuto molto. Essendo mamma capisco la paura di sentirsi inadeguata per crescere dei figli da sola e questa tematica mi ha molto colpita. La lettura è scorrevole, nel complesso mi è piaciuto.

  • User Icon

    tom

    27/09/2015 21.47.31

    Non all'altezza del romanzo d'esordio. Sicuramente sentimentale, forse più adatto alle donne ma il primo mi era piaciuto molto. Qui la storia non ha mai una svolta, è banale e un po' melensa. Secondo me la Diffenbaugh, vista l'assenza o quasi di trama, poteva dare più spessore, più sfaccettature alla personalità di Letty come ha fatto con Victoria del "linguaggio segreto dei fiori" invece non ha approfondito le fragilità e il disagio di questa madre. Oppure poteva far vedere la storia con gli occhi del figlio, anche xché c'è una certa confusione nel ruolo del/della protagonista. In sostanza non capisco il senso di questo romanzo (se non il solito sfruttamento commerciale) che scorre piatto e monotono fino alla fine senza regalare emozioni, l'unica cosa che l'autrice descrive con passione sono i cocktail!

  • User Icon

    Chicca63

    14/09/2015 13.12.01

    Un bel libro: parte forse un po' lentamente ma poi scorre come un fiume in piena. Bei personaggi, soprattutto Alex e Rick, ben delineati che si muovono in una storia semplice ma con un buon ritmo e accattivante. Lo consiglio e aspetto il terzo della Diffenbaugh!

  • User Icon

    Toglietemi tutto, ma non i miei libri

    04/09/2015 21.48.06

    Sembra una storia banale, di quelle che non interessa a nessuno, perché a nessuno importa dei problemi degli altri, eppure io ho l'ho letta con trasporto, convincendomi che in quelle pagine ci fosse il segreto della felicità. Alex è povero, ha appena un televisore, eppure la cosa più preziosa che possiede, sono delle piume di uccelli. Luna è capricciosa, ha un carattere mutevole, eppure è la bambina più realizzata del mondo quando scopre che nella sua nuova scuola ci sono delle forbice per lei. E leggendo tutto questo, non potevo non pensare che loro ce l'avevano fatta, avevano trovato la felicità. "Le ali della vita" è un romanzo che ti fa apprezzare le cose veramente importanti: la famiglia, gli amici, coloro che danno, fanno, rinunciano a tutto, pur di vederti sorridere.

  • User Icon

    Isa

    10/08/2015 15.02.55

    "Il cielo era chiaro e luminoso; le ultime rose si chinavano sopra di loro come ritagli di carta incollati sull'azzurro."

  • User Icon

    Haley

    08/08/2015 14.39.41

    Libro scorrevole e piacevole. L'autrice scrive davvero molto bene e la storia è originale e coinvolgente :)

  • User Icon

    nadia

    06/08/2015 18.14.12

    Vanessa Diffenbaugh, dopo "Il linguaggio segreto dei fiori", ci regala un altro romanzo ben scritto e commovente: una storia dove dolore e speranza, amore e paura sono sempre intrecciati, come nella vita. Consigliato.

  • User Icon

    camilla

    16/07/2015 10.38.54

    Anche col secondo la Diffenbaugh ha fatto decisamente centro, la storia è complicata, tenera, commovente ma soprattutto attuale e arriva direttamente al cuore questi personaggi non si dimenticano facilmente.

  • User Icon

    Giusyp85

    19/05/2015 12.07.36

    Il libro che segna il ritorno di Vanessa Diffenbaugh dopo l'enorme successo de "Il linguaggio segreto dei fiori"; non sempre i secondi romanzi si confermano interessanti quanto i primi ma, in questo caso l'autrice è riuscita ad appassionare ancora. Un libro che parla di rinascita, di rivalsa, dove l'amore fa da protagonista in tutte le sue forme, si parla d'amore di madre, d'amore di figlio è amore tra uomo e donna. Un romanzo che si fa leggere volentieri.

  • User Icon

    LadyAileen

    11/05/2015 02.51.48

    Dopo il grande successo del libro Il linguaggio segreto dei fiori, torna nelle librerie Vanessa Diffenbaugh con il suo nuovo romanzo, Le ali della vita, una storia d'amore (quello tra adulti, tra adolescenti, tra un genitore e i propri figli e quello per le proprie passioni), di coraggio e forza di cambiare. Questo è il primo libro che leggo di quest'autrice e devo dire che l'ho apprezzato molto perché dopo averlo letto, ti lascia qualcosa dentro. Non è una storia semplice ma l'autrice è stata in grado di raccontarla senza renderla pesante. Scritta con uno stile scorrevole, semplice e che riesce a coinvolgerti sin dalle prime pagine per poi lasciarti alla fine con positività (confesso però che avrei speso qualche parola in più per il finale). La storia è incentrata principalmente su Letty, una donna che improvvisamente si ritrova a dover badare da sola ai suoi due figli (un adolescente e una bambina) con i quali non si è mai sentita a suo agio. Questo perché ad occuparsene c'erano i nonni, ma quando i due decidono di tornarsene a vivere in Messico, Letty è costretta a crescere. Naturalmente non sarà cosa facile. Le vicende sono raccontate sia dal punto di vista di Letty che da quello di Alex, il quindicenne figlio di Letty, anche lui con la sua dose di problemi da risolvere. Non si tratta di un ragazzo immaturo e menefreghista, anzi, esattamente l'opposto: dolce, protettivo e appassionato di scienza. E' senza dubbio una storia che affronta tematiche importanti (per esempio la gravidanza in età adolescenziale o l'immigrazione), i due protagonisti, poi, sono ben caratterizzati tanto da sembrare reali agli occhi del lettore e sicuramente è facile provare empatia soprattutto per Alex (come è successo nel mio caso). Se cercate una storia intensa e delicata, questo libro potrebbe fare al caso vostro.

Vedi tutte le 15 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione