Alice Adams

Booth Tarkington

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Leonardo Leonardi
Editore: Elliot
Collana: Raggi
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 25 settembre 2013
Pagine: 254 p., Brossura
  • EAN: 9788861923737
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 9,45

€ 17,50
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Alice Adams" apparve nel 1921, pochi anni prima della Grande Depressione, in un'America ancora ottimista ma inconsapevolmente avviata allo sconquasso. L'anno dopo il romanzo vinse il Pulitzer e nel '35, superata la crisi, venne trasposto in pellicola da George Stevens (con Katharine Hepburn nel ruolo di Alice). Quella di cui Booth Tarkington scriveva era una borghesia già spaventata, e forse non è un caso che dalla sua penna sia uscito un personaggio come la giovane eroina protagonista di questo romanzo, ora tradotto per la prima volta in italiano. Alice ha una madre ambiziosa, un fratello scapestrato e impresentabile al gran mondo, un padre che per l'ennesima volta si rivela incapace di raggiungere il benessere economico. Solo Arthur Russell, bello e perfetto gentiluomo decisamente benestante, le dà una speranza, una via d'uscita dalla claustrofobica agitazione in cui la sua famiglia sembra sprofondare. Ma il fantasma bizzoso del destino è in agguato. Tarkington racconta una storia che a distanza di un secolo continua a sembrarci familiare, una precarietà economica e umana ante litteram, lo spartito di un mondo che predispone i suoi attori a un copione beffardo.
  • Booth Tarkington Cover

    (Indianapolis 1869-1946) scrittore statunitense. Ottenne il primo successo nel 1900 con il romanzo Monsieur Beaucaire, poi adattato per il teatro. Seguirono I magnifici Ambersons (The magnificent Ambersons, 1918) e Alice Adam (1921), in cui T. riprendeva le tematiche sociali e urbane di W.D. Howells. Dal modello di M. Twain sono derivati gli eroi dei suoi libri per ragazzi, Penrod (1914), Diciassette anni (Seventeen, 1916), Il piccolo Orvie (Little Orvie, 1934). Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali